79 Langolo Maggio Giugno 2018

60 pages
66 views
of 60
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
79 2 Bollettino informativo dell’associazione “Viaggiare in Libertà - ANCONA” C.F. 93091470422 C/C Postale 20349791 IBAN: IT 29Z076 0102 6000 0002 0349 791…
Transcript
79 2 Bollettino informativo dell’associazione “Viaggiare in Libertà - ANCONA” C.F. 93091470422 C/C Postale 20349791 IBAN: IT 29Z076 0102 6000 0002 0349 791 Anno 13 n° 79 Maggio - Giugno 2018 Direttore responsabile: Roberto Giovagnoli Direzione e Redazione Via Monte San Vicino, 37 Ancona Tel. 348 9214183 Registrazione tribunale di Ancona n° 1/2005 del 19 gennaio 2005 Pubblicato in Ancona 5 Marggio 2018 Tipografia Emmepiesse Sito internet www.apsviaggiareinliberta.com e-mail cvl@apsviaggiareinliberta.com - Apertura sede - Martedì e Giovedì dalle ore 16,00 alle ore 18,00 Un ringraziamento particolare a coloro che hanno collaborato a questo numero: Paolo Marcucci, Roberto Giovagnoli, Saverio Maria Camporeale, Antonio Zepparoni, Nadia, Ambra, Adriano Genga, Mauro Meschini, Luca Scalseggi, Francesca, Monia & Gianni, Manola & Franco Foto di copertina: Roberto Giovagnoli Sommario Editoriale di Roberto Giovagnoli 4-5 Viaggiare in Libertà - Grotte di Osimo e Pranzo in Sede 11 Marzo 6-7 Foto Torneo di Burraco 22 Marzo 8-9 Viaggiare in Libertà - Faenza 24/25 Marzo 12-15 Assemblea Ordinaria 6 Aprile 16-17 Viaggiare in Libertà - Grotte di Onferno e San Patrignano 14/15 Aprile 20-27 Foto Torneo di Burraco 19 Aprile 28-29 Locandina Programma I° Semestre 30 Locandina L’Islanda con Sauro… Inseguendo l’aurora 10 Maggio 31 Locandina Offida 12-13 Maggio 32 Locandina Burraco 24 Maggio 33 Locandina Giovedì in sede Gelato Party 14 Giugno 34 Locandina Garden River 23/24 Giugno 35 Viaggiare in Libertà - Teatro la nuova Fenice di Osimo 22 Aprile 36-37 In ricordo di Luigi Cugnoli - L’angolo di Luigi - La quercia 38-41 La Rubrica di Ambra 46-48 A.C.T. Italia 52-53 I Consigli della Nonna 54-55 Il Cuoco in Camper 56-57 Chi Cerca… Trova 58 3 Con la presente edizione n.79, la nostra della sua storia, ossia quello in cui fu attività di viaggiatori itineranti compie il libero comune e repubblica marinara. 20° anno di vita, a tal proposito voglio Durante i cinque secoli di indipendenza dedicare al nostro giornalino L’ANGOLO si distinse dalle altre repubbliche la più bella immagine della nostra città di marinare per un comportamento Ancona. alquanto singolare: mai intraprese guerre di sopraffazione contro altre città, Storia di Ancona contenta del proprio rapporto con il mare « Ancona, comune della Repubblica e con l'Oriente; dovette però spesso Italiana, deve la sua origine ad antiche difendersi da potenze nemiche, cosa civiltà cresciute attorno al suo porto che fece sempre con grande ardore. naturale; vive protesa verso il mare; Una costante della storia di Ancona di partecipa attivamente e senza spirito di tutti i secoli è anzi il ripetersi di difficili dominio alle vicende del territorio assedi dai quali emerse quasi sempre circostante. » vittoriosa, dopo lunghi patimenti. Generalmente si considera inizio della Altra costante della storia di Ancona, millenaria storia di Ancona la fondazione che emerge studiando il periodo della greca, questo è esatto considerando colonia greca, del municipio romano e Ancona come città ma prima di essere della repubblica marinara, è il rapporto città, però, Ancona esisteva come intenso con il mare, la navigazione e villaggio o come insieme di villaggi. l'Oriente, rapporto che ancor oggi Gli scavi archeologici infatti ci informano caratterizza la città. dell'esistenza di tre centri durante l'Età Entrò a far parte dello Stato Pontificio del bronzo e di uno nell'Età del ferro, nel 1532, entro il quale fu fiorente sotto quest'ultimo riferibile alla civiltà picena. papa Clemente VII. Dopo la Rivoluzione Ancona diviene città dunque nel 387 francese diede vita alla Repubblica a.C., data di fondazione della colonia di napoleonica anconitana. Ankòn da parte di Greci siracusani di Partecipò attivamente al Risorgimento stirpe dorica. italiano, specie durante i fatti del 1848- Il centro piceno venne pacificamente 1849; nel 1860 entrò nel Regno d'Italia e assorbito da quello greco. La città nella compagine del nuovo Stato e rimase per circa due secoli una fiorente rivestì nei primi dieci anni di regno un colonia greca. In seguito fu alleata e poi importante ruolo militare. Fu nota nei municipium di Roma, attivo porto di primi anni del Novecento per il suo comunicazione tra la capitale e l'Oriente. spirito ribelle, che la portò per due volte Ebbe particolare importanza sotto ad essere scena di rivolte poi l'impero di Traiano. propagatesi in tutta la nazione: la Dopo la caduta dell'Impero romano Settimana rossa e la rivolta dei d'Occidente, in seguito alla guerra gotico Bersaglieri. -bizantina, fu una delle pentapoli dell'Impero Bizantino. Dopo il Mille la Le origini città entrò nel periodo più splendido Nell'Età del bronzo la zona di Ancona 4 ospitò, in periodi diversi, alcuni villaggi: l'appellativo di "dorica" che ancora oggi uno nei pressi del Campo della Mostra la contraddistingue. La fondazione di (Piazza Malatesta), un secondo sul Ancona rientrava nel piano di Colle dei Cappuccini e un terzo sul colle espansione dell'influenza siracusana del Montagnolo; in quest'ultimo sono nell'Adriatico, e fu accompagnata dalla stati ritrovati reperti ceramici micenei nascita di altre colonie greche nella che testimoniano i precoci contatti tra il sponda orientale di questo mare; territorio anconitano e la Grecia, e una insieme ad Ancona i Siracusani avevano testina votiva frammentaria in terracotta, fondato più o meno direttamente le città che rimanda al culto di Demetra e Kore- di Adria, Alessio (Lissos), Curzola Persefone assai praticato a Siracusa, e (Kòrkyra melaina), Lissa (Issa), Lesina e indizia un'area templare ancora da Cittavecchia (Pharos e Dimos). individuare sul colle. Nell'Età del ferro, il Le monete greche di Ancona recano su villaggio del Colle dei Cappuccini un lato il profilo di Afrodite e sull'altro un divenne un centro piceno e si distinse braccio piegato con la mano che stringe dagli altri della regione per le attività un ramoscello, forse di mirto, sacro a collegate al mare, come la pesca. Venere; sotto il braccio la scritta ΑΓΚΩΝ La necropoli si trovava nei pressi (Ankon) e sopra due stelle dell'attuale rione Cardeto. rappresentanti i Dioscuri, protettori dei Armi, ornamenti femminili e attrezzi di naviganti. lavoro sono esposti al Museo Questa moneta è servita di modello per archeologico nazionale delle Marche. lo stemma della provincia di Ancona, nel quale il mirto e le due stelle sono La colonia greca: Ankòn sostituiti da un ramo di corbezzolo con È noto che fin dall'epoca micenea i greci due frutti, rappresentante il monte conoscevano e frequentavano il porto Conero. naturale di Ancona, come provano le La colonia di Ancona non faceva parte poche ma significative testimonianze della Magna Grecia, in quanto con archeologiche ritrovate sul Montagnolo e questo termine i Greci indicavano l'antico culto dell'eroe greco Diomede. esclusivamente la zona grecizzata Già nel V secolo A.C. i Greci indicavano dell'Italia meridionale e i Romani anche con il nome di Ἀγκών (Ankòn, gomito) la le colonie greche siciliane. città. Infatti la città di Ancona sorge su Un'esposizione dei resti archeologici un promontorio a forma di gomito (non completa) della necropoli sono piegato, che protegge il porto naturale. ammirabili nel museo di storia urbana, La definitiva grecizzazione del luogo sito in Piazza del Plebiscito e al Museo risale al IV secolo a.C. Fu nel 387 a.C., archeologico nazionale. Le origini infatti, che un gruppo di greci esuli da greche di Ancona sono ricordate nel Siracusa, desiderosi di allontanarsi dalla cartiglio posto sotto lo stemma civico: tirannide di Dionisio I di Siracusa, Ancon Dorica Civitas Fidei. sbarcarono ad Ancona, attratti dal grande porto naturale e fondarono la “Il testo trattato e stato estratto da città sul colle Guasco. Sulla cima del internet.” colle, trasformata in acropoli, eressero Roberto Giovagnoli un tempio dorico dedicato ad Afrodite, i cui resti sono visibili oggi sotto il Duomo di San Ciriaco; il tempio destò in seguito l'ammirazione dei romani come si deduce leggendo Catullo e Giovenale. I greci fondatori di Ancona erano della stirpe dei Dori, e da essi Ancona prese robertogiovagnoli@alice.it 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 Si è svolta in sede al collaboratore del club e Pinocchio l’annuale del giornalino, Luigi Assemblea dei soci per il Cugnoli, scomparso pochi bilancio consuntivo 2017 giorni prima, il presidente e preventivo 2018. espone il bilancio Sono presenti 25 soci. consuntivo del 2017 Dopo un breve ricordo del mettendo in evidenza e nostro Socio Fondatore, spiegando le varie uscite 16 ( € 16831,39 ) ed entrate ( 18594,62 ) con un avanzo in cassa, riportato nel 2018 di € 1763,23 , l’Assemblea approva all’unanimità. PS: si chiede scusa per l‘arrivo in ritardo delle lettere di convocazione ma le Poste Italiane questa volta ci hanno fatto un bello scherzetto Per il bilancio preventivo consegnando moltissime 2018 si ipotizza un lettere in ritardo. incasso e una spesa di € 18718,23, l’Assemblea approva all’unanimità. Si prosegue per le Varie ed Eventuali parlando delle uscite, della CCI ed un appello del presidente alla collaborazione. Sono state portate al centro di Passo Varano martedì 27 marzo e di solito dopo cinque o sei giorni arrivano a destinazione, invece sono arrivate tra il 10 e l’11 Aprile. 17 Via Caduti del Lavoro, 25 Zona industriale Baraccola 60131 ANCONA Tel. 0712861836 - 0712900883 Fax 0712915319 18 SCONTO 10 % SUL COSTO DELLA MANODOPERA 19 GROTTE DI ONFERNO sconsigliate a persone cardiopatiche e IL 14 aprile ci ritroviamo noi claustrofobiche. camperisti di Viaggiare in Libertà, per visitare le grotte di Onferno. Pensando a grotte di gesso ci si Queste sono grotte non come aspetta un ambiente quelle di S. Vittore di Genga cioè bianchissimo, invece con nostra di formazione calcarea ma di grande sorpresa le rocce erano gesso e quindi in continuo grigie e scure, l’ambiente è evoluzione. perlopiù stretto e si cammina su All’interno la temperatura è passarelle affiancati sempre da circa sui 12° ed è molto umido, un piccolo torrente, l’artefice quindi muniti di scarponi e che negli anni ha scavato la caschetto con luce, affrontiamo grotta facendola assomigliare a una discesa di 200 scalini, un piccolo canyon. 20 Continuando l’esplorazione la lucine dei caschi, intorno a noi il guida ci informa che gli unici buio più totale!!! animali che vivono in questo ambiente sono: gamberetti, una specie simile a quella del lago di Pilato e i pipistrelli, infatti ad un certo punto Emilia, la nostra guida, ci dice di guardare in alto e con nostra sorpresa sulla volta della grotta pendevano una colonia di pipistrelli. Grazie al nostro club “Viaggiare in Libertà“ che ci propone sempre nuove esperienze, e al nostro socio Liano che ha organizzato il tutto. Manola e Franco Ci ha spiegato che alcuni di questi sono monitorati per capire le loro abitudini, visto che sono in via di estinzione per mancanza di cibo dovuto all’uomo che uccide gli insetti con i pesticidi. Emilia per farci capire meglio la profonda oscurità della grotta ci ha fatto fermare e stando in silenzio abbiamo spento le 21 SAN PATRIGNANO attualmente ristrutturata nella quale Vincenzo Muccioli, nel 15 Aprile 2018 1978, iniziò ad ospitare i primi ragazzi con dipendenza di Ritrovo camperisti ore 9.00 droga. Un progetto che nel parcheggio antistante quest'anno compie quarant'anni l'ingresso della comunità. accogliendo attualmente circa 1300 ragazzi. Trecento ettari di terra tra vigneti ed edifici. Ovviamente tante casette alloggio con lo stesso stile esterno immerse in un oasi di piante e fiori. Ad accoglierci cinque ragazzi in Ci è stato consentito l'accesso recupero da dipendenze per nell'immenso ed elegante farci da guida. padiglione meeting. Più di 1000 posti a sedere. L'intera giornata ci hanno resi partecipi di come svolgono le attività lavorative quotidiane, il programma rieducativo, sport, Lo stesso si trasforma in campo tempo libero, regole interne da da calcetto spostando tutte le rispettare. poltroncine sotto il palco. Ci siamo incamminati e la prima Studiato per una doppia sosta è stata davanti la casa funzionalità garantendo affitti su richiesta incrementando così le entrate di guadagno per il sostentamento della comunità. Un altro grande padiglione è il circolo ippico. Struttura anch'essa affittata per gare importanti. Mentre ci si apprestava alla visita della cantina, passeggiando gradualmente nel 22 verde, la guida ci ha indicato esclusa infatti la terapia dall'esterno i settori dedicati farmacologica. alle lavorazioni degli idraulici, Il programma individuale elettricisti, muratori, panificio, consiste la collocazione nei vari parrucchieri, stalla bovini, settori sopra elencati per piadineria, fabbri, caseificio,... formarli, renderli utili, gratificarli, riacquisendo l'amore per se stessi e così poi donarlo al prossimo e all'ambiente. Oltre che imparare il mestiere c'è anche la possibilità di studiare per coloro che lo desiderano qualora avessero abbandonato precocemente gli studi. Quest'ultimi non visitabili L'inserimento prevede internamente a grandi gruppi l'affiancamento di un tutor per una questione di igiene, (ragazzo giunto ad una fase più ambienti sterili. Altri accessi avanzata del recupero) h24 per vietati sono stati quello della un anno. medicheria, dove i ragazzi vengono visitati e sottoposti ad esami periodici, e dell'ospedale, dove sono ricoverati quanti non hanno raggiunto l'obiettivo finale di recupero totale perché devastati fisicamente dalla dipendenza. Il tutor assiste assiduamente il La comunità prevede novello per guidarlo, stimolarlo, gratuitamente l'immissione di aiutarlo a superare le difficoltà, ragazzi\e bisognosi di un sostenerlo nei momenti di percorso terapeutico, sconforto e di tensione. Per educativo, riabilitativo. dodici mesi si è anche distaccati dalla famiglia d'origine. L'unico contatto è per corrispondenza cartacea. Si è spogliati da qualsiasi mezzo social (cellulare, tablet...). La tv si guarda la sera dopo cena in un grande salone a E' importante non considerarli schermo unico, seduti per affetti da una malattia. E' settori uomini e donne. Alle 23 23.30 luci spente ovunque per il In stile è anche il piano riposo notturno fino al risveglio inferiore, la barricaia. Trecento mattutino delle 6.30. botti in legno ben sistemate tra Non solo i dormitori sono divisi gli archi in mattoncini e soffitto per sesso ma anche la maggior decorato. parte dei settori lavorativi, il tempo libero e lo sport che prevede calcio e corpo libero per gli uomini, pallavolo e corpo libero per le donne. Luce soffusa garantita da diversi appliques costruiti con i listelli di legno recuperati dalle botti non più buone per contenere il vino. Gli stessi legni Accinti in cantina, si nota subito vengono utilizzati per il l'estrema pulizia e ordine, che designer (costruzione tavoli, contraddistingue tutti gli panchine, sedie) e per ambienti. Ingresso con botti in realizzare portabottiglie, acciaio, macchina per taglieri, vassoi. imbottigliare ed etichettare. La Continuando a passeggiare particolarità è nella sala ospiti e abbiamo visitato il settore degustazioni. L'eleganza e la tessile tutto al femminile. raffinatezza fanno da padrone con divani e poltrone in pelle e grandi lampadari a forma di grappolo. Grandi telai a mano modernizzati meccanicamente permettono alle ragazze di realizzare dei capolavori (plaid, 24 da parati con infiniti contrasti di colori e immagini da poter adattare in qualsiasi ambiente esse vengano applicate. Oltre a stupire orecchie ed occhi per quanto avevamo ascoltato e visto è giunto il momento del gusto: il pranzo. eccellenti sciarpe...) in cashmere. Adiacente si ha la sartoria dove con materiali da recupero le donne cuciono pregiati foulard in seta e oggettistica (portachiavi, collane...). Altro lavoro completamente manuale Servito in un incommensurabile si svolge in pelletteria. salone dove tutti i 1300 ragazzi mangiano contemporaneamente. Con estrema compostezza ci si alza in piedi per 30" di silenzio. E' un gesto di gratitudine che giornalmente viene ripetuto in ricordo di Vincenzo Muccioli morto nel 1995. Borse in diversi stili e colori con in abbinamento portafogli. Con il pelo di coniglio creano diversi animali di peluche. Non da meno sono i ragazzi. Si aprono le danze con una schiera di camerieri in divisa che porzionano a vista e servono le pietanze. Il menù comprendeva affettati Danno sfogo alla creatività e a misti, formaggi stagionati e non, mano disegnano decorate carte piadina e pane di loro 25 privati per essere accuditi giornalmente dai ragazzi e nel tempo libero coccolati e cavalcati dai proprietari. Anche nel canile ci sono cani di produzione, tortellini, pollo alla diavola con patate, dolce, caffè. Servizio celere, di alta professionalità e qualità. Solo a noi ospiti è stato permesso di bere il vino rosso della cantina. esterni, cani abbandonati recuperati nelle strade e tanti labrador per la pet therapy. In entrambi gli ambienti non viene meno la pulizia agli animali e agli spazi loro dedicati. Tutti i ragazzi ne hanno il divieto per rispettare chi è dentro con dipendenza da alcool. Quotidianamente tutti i ragazzi debbono rispettare gli orari di lavoro nelle attività individuali e collettive interne da svolgere. I prodotti alimentari e non per la maggiore vengono esportati all'estero, in minore quantità si possono trovare nelle catene a marchio commerciale. Dopo la pausa pranzo è In ultimo tutti allo store proseguita l'escursione alla "Sp.Accio" collocato al di fuori scuderia con la possibilità di della comunità dove chiunque carezzare e fotografare i può accedere negli orari ed cavalli. Ce ne sono anche di avere la possibilità di acquisto 26 di tutto ciò che viene prodotto e realizzato. nel cimitero interno, la moglie Letizia, come riferitoci dai ragazzi, è molto presente in Le varie forme di guadagno non comunità. riescono però a coprire tutte le spese indispensabili per il mantenimento dell'intera collettività. Nell'aver riportato una piacevole giornata trascorsa insieme cogliamo anche l'occasione per esprimere un ringraziamento a tutti coloro In sostegno a ciò da più di che si prodigano trent'anni collabora con nell'organizzazione delle varie l'organigramma della struttura uscite e per un saluto a tutti i la famiglia Moratti. soci dell'associazione. Venuto a mancare Gian Marco Gianni e Monia Moratti, sepolto per sua volontà 27 28 29 30 31 32 33 34 35 I CANTI DELLA LORO TERRA Musica popolare di dieci paesi prima fila come “ospiti speciali” Grecia, Kazakhstan, Azerbaijan, Armenia, Australia, Russia, Georgia, Ucraina, Giappone e Italia sono i paesi che ci hanno deliziato dei loro canti e danze popolari, accompagnati dalla pianista Mirca Rosciani. Molto apprezzati da tutto il pubblico con un inevitabile e Un grazie a Marco che ci ha dato la possibilità di inserire nei programmi del Club anche questa iniziativa, un pomeriggio insieme in teatro per vedere e ascoltare musica e balletti di “Solisti Accademia d’Arte Lirica” e “Centro Formazione Danza di Simona Apostol”, seduti su posti prenotati in lungo applauso finale con tanto di standing ovation. Entusiasmo alle stelle per l’Itala che si è esibita con il balletto Don Pizzica e le canzoni Addio, addio amore- Dicitincello vuje- Paloma ‘e notte- Torna a Surriento- Funicoli funicola. Spettacolare, emozionante e coinvolgente il finale con tutti i 36 partecipanti che hanno reso omaggio all’Italia cantando “ O sole mio “ Bello, bello, bello…grazie Marco Paolo Foto di gruppo degli artisti trova... l’intruso !!! “Eccolo !!!” 37 Ciao Luigi Un pezzo di storia del club è volato via con Te. Amico, So
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks