Apprendimanto significativo

18 pages
37 views
of 18
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
A. CAPUANO - F. STORACE - L. VENTRIGLIAApprendimento significativo Utilizzo didattico delle mappe concettuali00223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 116/02/18…
Transcript
A. CAPUANO - F. STORACE - L. VENTRIGLIAApprendimento significativo Utilizzo didattico delle mappe concettuali00223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 116/02/18 09:13www.latteseditori.it e-mail: info@latteseditori.it Proprietà letteraria riservata © 2018 S. Lattes & C. Editori SpA - Torino Prima edizione 2018 Stampato in Italia - Printed in Italy per conto della casa editrice da Petruzzi s.r.l. - Città di Castello (PG)ristampaanno0 1 2 3 4 5181920200223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 216/02/18 09:13INDICECapitolo 1 Apprendimento significativo per la costruzione della conoscenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L’apprendimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le scienze cognitive: il contributo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Apprendimento significativo e apprendimento meccanico . . . . . . . . . . . . . . . . Le caratteristiche dell’apprendimento significativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gli organizzatori anticipati: utilizzo didattico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Mappe per esplorare le preconoscenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Capitolo 2 Le mappe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le mappe: storia di un termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le mappe nella normativa scolastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le mappe: definizione dei termini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La percezione delle mappe: docenti e studenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le mappe: modalità di utilizzo didattico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Capitolo 3 Le mappe concettuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Definizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Mappe concettuali ed evidenze scientifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La “grammatica” delle mappe concettuali: concetti, relazioni e legami . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Regole di composizione: elementi fondamentali di una mappa concettuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Alcune precisazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L’errore come risorsa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Software per la costruzione delle mappe concettuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo didattico delle mappe concettuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Capitolo 4 Didattica e comprensione del testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La comprensione del testo scritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Leggibilità e comprensibilità dei testi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il metodo di studio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Strategie per comprendere un testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Bibliografia essenziale..................................................................5 6 7 9 11 13 1719 20 20 22 23 2832 32 32 34 36 40 41 43 4451 52 54 57 5963300223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 316/02/18 09:1300223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 416/02/18 09:13CAPITOLO1Apprendimento significativo per la costruzione della conoscenza – Quale è stato l’apporto delle scienze cognitive nel campo della didattica e dell’apprendimento? – Quali sono i principi base dell’apprendimento significativo? – Perché è importante incoraggiare negli studenti la scelta di apprendere in maniera significativa? – Come si connotano gli organizzatori anticipati? – Quale è la cornice concettuale all’interno della quale si collocano le mappe? – Quali sono le caratteristiche di un ambiente in cui si apprende in maniera significativa?00223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 516/02/18 09:13L’apprendimento L’apprendimento è un processo attraverso il quale vengono acquisite nuove conoscenze, abilità e competenze1 e su cui influiscono diversi aspetti: strategie cognitive personali, modalità di apprendimento, esperienze individuali e collettive, informazioni e stimoli provenienti dalla realtà esterna, modelli, teorie e dinamiche agenzie educative (scuole, università). “Nell’accezione pedagogica il termine indica un particolare cambiamento, con valenza positiva di accrescimento o potenziamento della persona nella sua globalità o di alcune sue capacità o funzioni specifiche”. (Calvani, 2014) Studi recenti in diversi campi della psicologia e neurobiologia evidenziano anche la stretta relazione che esiste tra processi cognitivi e sistemi motivazionali ed emotivi e come questi interagiscano sull’apprendimento. La percezione di essere riusciti a superare un compito porta come conseguenza al desiderio di proseguire nell’impegno, mentre la continua frustrazione determina la rinuncia ad accettare la sfida cognitiva, nella convinzione di non riuscire a controllare la situazione. Atkinson definisce in modo chiaro questi atteggiamenti: “La persona è disposta ad impegnarsi quando la speranza di successo supera la paura dell’insuccesso, altrimenti prevale il senso di vergogna e inattività”. (Atkinson, 2007) Un processo di apprendimento efficace deve tenere nella giusta considerazione la dimensione cognitiva ed emotiva: la persona che apprende deve avvertire l’ambiente come protettivo, motivante, e deve sentirsi in uno spazio di discussione per la condivisione di esperienze: non si apprende in solitudine. Sappiamo che le sensazioni positive, di coinvolgimento, soddisfazione e realizzazione rafforzano l’autostima e il senso di efficacia nell’apprendimento. Le persone sperimentano spesso frustrazione per l’insuccesso nell’apprendimento e senso di inadeguatezza per la difficoltà a rispondere alle richieste esterne e sono soggette a stati di ansia da prestazione, depressione, stile di attribuzione esterno per i successi e interno per gli insuccessi, immagine di sé 1Secondo la terminologia definita nella Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 settembre 2006 sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche e dei Titoli per l’apprendimento permanente, con “conoscenze” si indica il risultato dell’assimilazione di informazioni attraverso l’apprendimento; le conoscenze sono l’insieme di fatti, principi, teorie e pratiche relative a un settore di studio o di lavoro; sono descritte come teoriche e/o pratiche. Per “abilità” si intendono le capacità di applicare conoscenze e di usare metodi e procedure per portare a termine compiti e risolvere problemi; sono descritte come cognitive (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e pratiche (che implicano l’abilità manuale e l’uso di metodi, materiali, strumenti). Infine, con “competenze” si indica la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; sono descritte in termini di responsabilità e autonomia (Capuano, Storace, Ventriglia, 2014).6Capitolo 100223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 616/02/18 09:13negativa. I ripetuti fallimenti possono portare alla formazione dell’impotenza appresa che Martin Seligman (1975) afferma essere caratterizzata dalla tendenza a: • pensare che le cose negative siano permanenti, per cui si assume un atteggiamento rinunciatario (Non posso farci niente); • generalizzare la negatività e percepirla come pervasiva di tutta la vita (Niente mi va bene); • personalizzare, cioè a considerarsi come la causa della negatività (È tutta colpa mia). (Ventriglia, Storace, Capuano, 2017). Le indagini OCSE- PISA hanno messo in evidenza che gli studenti italiani hanno riportato livelli di ansia scolastica più elevati che nella media OCSE: il 56% diventa nervoso/a quando si prepara per un test (media OCSE: 37%); il 70%, anche se è preparato/a, quando deve fare un test è molto in ansia (media OCSE: 56%). L’ansia scolastica è uno dei maggiori fattori associati a una scarsa soddisfazione con la vita. In Italia, l’ansia scolastica è più frequente nelle scuole i cui studenti studiano per oltre 50 ore a settimana (a scuola e fuori scuola).Le scienze cognitive: il contributo Un apporto significativo delle scienze cognitive nel campo della didattica e dell’apprendimento è stata l’individuazione di strumenti per la rappresentazione delle conoscenze. Fra questi le mappe cognitive, concettuali e mentali, che sono ormai entrate nella pratica metodologica quotidiana di molti insegnanti. Cerchiamo di indagarne le motivazioni. I nostri alunni dimenticano facilmente dati e procedure, perché hanno incamerato un modello di apprendimento disfunzionale: tendono ad imparare in modo meccanico sforzandosi di memorizzare, magari pochi giorni prima di una possibile interrogazione o di un compito di verifica, definizioni e informazioni tratte dai libri di testo. Ciò che imparano serve, nella maggior parte dei casi, solo a superare un’interrogazione, ad ottenere un bel voto e molto spesso non fa parte dei loro interessi. In questo modo lo studio diventa inutile, perché non garantisce la formazione di atteggiamenti funzionali alle richieste della vita e del lavoro.Apprendimento significativo per la costruzione della conoscenza00223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 7716/02/18 09:13L’apprendimento, infatti, non avviene per accumulo di informazioni, ma attraverso un processo attivo di organizzazione e di costruzione dei collegamenti tra i concetti. La ricerca su come funziona la mente quando apprende evidenzia che «la stragrande maggioranza delle informazioni che un soggetto riceve è destinata a decadere, in quanto la memoria di lavoro è “un collo di bottiglia”, con una capienza assai limitata; per questo è basilare eliminare le informazioni superflue e mettere l’allievo in condizione di selezionare le informazioni rilevanti». (Calvani, 2011) Quale potrebbe essere la soluzione? La risposta potrebbe essere data da consolidate strategie e metodologie didattiche ed educative, quali ad esempio: imparare ad imparare, investire sulle intelligenze, promuovere un apprendimento significativo. Imparare ad imparare è considerata una delle otto competenze chiave e il suo significato è bene espresso nella seguente definizione: “Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale ed informale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro”. (MIUR, 2009 Allegato 2 D.M 139, 2009) “Investire sulle intelligenze”2 significa investire sulle potenzialità individuali e collettive, sullo sviluppo del potenziale creativo di ciascun alunno. (Gardner, 2005) Da ciò deriva la necessità, secondo Gardner, di individuare strategie educative finalizzate a promuovere lo sviluppo delle differenti potenzialità cognitive negli individui. “Promuovere un apprendimento significativo” significa rendere autonomo lo studente nei propri percorsi conoscitivi. A questo proposito le Indicazioni Nazionali 2012 esplicitano: “l’alunno sia attivamente impegnato nella costruzione del suo sapere e di un suo metodo di studio, sia sollecitato a riflettere su come e quanto impara, sia incoraggiato a esplicitare i suoi modi di comprendere e a comunicare i traguardi raggiunti. Ogni alunno va posto nelle condizioni di capire il compito assegnato e i traguardi da raggiungere, riconoscere le difficoltà e stimare2Nel suo libro Formae mentis, lo psicologo americano Howard Gardner (1987) rileva i limiti di una concezione dell’intelligenza ridotta a quella che si misura con i test, e considera l’esistenza di diverse competenze intellettuali o “intelligenze umane” che possono combinarsi in vario modo in ogni individuo; il loro sviluppo è influenzato dai diversi contesti culturali, i quali tendono generalmente a privilegiare un determinato tipo di intelligenza a scapito degli altri. Secondo lo studioso, ogni persona è dotata di almeno nove intelligenze, ovvero è intelligente in almeno nove modi diversi. Ciò significa che alcuni di noi possiedono livelli molto alti in tutte o quasi tutte le intelligenze, mentre altri hanno sviluppato in modo più evidente solo alcune di esse. Tuttavia è importante sapere che ognuno può potenziare tutte le diverse intelligenze fino a raggiungere soddisfacenti livelli di competenza. Gardner sostiene pertanto che tutti possiamo incrementare le nostre diverse intelligenze, se siamo messi nelle condizioni appropriate di incoraggiamento, arricchimento e istruzione.8Capitolo 100223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 816/02/18 09:13le proprie abilità, imparando così a riflettere sui propri risultati, valutare i progressi compiuti, riconoscere i limiti e le sfide da affrontare, rendersi conto degli esiti delle proprie azioni e trarne considerazioni per migliorare”. (MIUR, 2012, p. 35) È interessante notare come anche nelle Linee guida della Legge 170/2010 si precisa che “la didattica personalizzata si sostanzia attraverso l’impiego di una varietà di metodologie e strategie didattiche, tali da promuovere le potenzialità e il successo formativo in ogni alunno: l’uso dei mediatori didattici (schemi, mappe concettuali, etc.), l’attenzione agli stili di apprendimento, la calibrazione degli interventi sulla base dei livelli raggiunti, nell’ottica di promuovere un apprendimento significativo”. (Linee guida allegate al D.M. 5669/2011, p.7)Apprendimento significativo e apprendimento meccanico Negli anni ’60 in America, prendendo il via da una serie di problemi legati all’efficacia del sistema formativo americano basato sull’apprendimento meccanico, si comprende che bisogna rilanciare la ricerca metodologica e didattica su nuove teorie e nuovi modelli di apprendimento. La didattica cognitivista nasce appunto in questo periodo e proprio dagli studi sulla memoria; affrontando il problema dell’apprendimento meccanico, evidenzia che: • la mente non è un magazzino nel quale si accumulano nozioni e informazioni ma è una struttura assai elaborata e connessa; • memorizzare non significa accumulare ma collegare, nel magazzino a lungo termine, nuove conoscenze, dopo un processo di riconoscimento, selezione e sintesi; • la conoscenza non è solo fatta di concetti ma anche di relazioni; • visualizzare i concetti e le reciproche relazioni favorisce la loro comprensione e quindi la loro memorizzazione. Queste sono le premesse sulle quali si fonda la teoria dell’apprendimento significativo. L’apprendimento significativo è quel tipo di apprendimento fondato sulla ricerca e sulla rielaborazione delle conoscenze che consente di dare un senso a queste ultime, sia attraverso l’integrazione delle nuove informazioni con quelle già possedute, sia attraverso l’utilizzo delle stesse in contesti e situazioni differenti. L’obiettivo è che la persona apprenda e sviluppi capacità di problem solving, di pensiero critico, di metariflessione. L’apprendimento significativo, insomma, permette agli studenti di diventare strategici attraverso lo sviluppo di competenze di natura metacognitiva (imparare ad apprendere), relazionale (sapere lavorare in gruppo) o attitudinale (autonomia e creatività). Esso è contrapposto all’apprendimento meccanico che si avvale solo della memorizzazione per produrre conoscenza “inerte”.Apprendimento significativo per la costruzione della conoscenza00223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 9916/02/18 09:13Nell’apprendimento meccanico, su modello comportamentista, costruito solo su lezioni-conferenza e libri di testo, la nuova conoscenza può essere acquisita attraverso la memorizzazione e venire incorporata arbitrariamente nella struttura cognitiva senza che ci sia interazione con ciò che essa contiene. L’apprendimento meccanico avviene quando l’alunno memorizza le nuove informazioni senza metterle in relazione, collegandole, alle conoscenze precedenti o quando il materiale di studio non ha alcuna relazione con esse. “Il pericolo maggiore dell’apprendimento ricettivo non è tanto il fatto che l’allievo può adottare un approccio decisamente meccanico, ma piuttosto che illuda se stesso credendo di avere realmente compreso i significati precisi mentre ha afferrato soltanto un vago e confuso verbalismo inutile. Non è che non voglia capire, ma piuttosto che trascura la necessaria capacità autocritica ed è poco propenso a compiere uno sforzo attivo nell’accostare il materiale, nel considerarlo da diversi punti di vista, nel conciliarlo o nell’integrarlo con i dati attinenti o contrastanti e nel riformularlo dal punto di vista dei propri riferimenti personali. Trova abbastanza facile manipolare le parole in modo fecondo, tanto da creare una falsa impressione di conoscibilità ed illudere in tal modo se stesso e gli altri che egli capisca veramente ciò che in realtà non capisce”. (Ausubel, 1968) Il testo di Ausubel va letto come un’indicazione forte agli insegnanti, il cui compito principale, come potenti mediatori, è quello di rinforzare la motivazione ad apprendere e incoraggiare le capacità autocritiche degli studenti per permettere loro di acquisire contenuti precisi e completi in un’ottica significativa. L’apprendimento significativo su modello cognitivista, infatti, è fondato sulla ricerca e sulla costruzione di capacità di rielaborazione personale delle conoscenze da parte di chi apprende. Esso avviene quando la nuova informazione viene collegata a concetti rilevanti già posseduti, preesistenti nella struttura cognitiva della persona (fase di concettualizzazione e assimilazione). Per Ausubel l’apprendimento meccanico non risulta efficace per lo sviluppo delle strutture cognitive, in quanto non garantisce una stabile assimilazione delle nuove informazioni apprese: ben presto esse cadono nell’oblio, a meno che non siano continuamente ripetute. Invece, è proprio l’assimilazione3 il processo decisivo per un’effettiva acquisizione di conoscenza: attraverso l’assimilazione le nuove conoscenze vengono collegate alle precedenti, cioè ai concetti generali ed alle proposizioni già possedute dal soggetto che apprende.3L’assimilazione avviene nel momento in cui un nuovo concetto si lega in modo significativo ad un concetto preesistente nella struttura cognitiva, ristrutturandola in parte o interamente (Teoria dell’apprendimento per assimilazione).10Capitolo 100223193099900 VOLAIT@0001-0064#.indd 1016/02/18 09:13In quest’ottica, l’apprendimento significativo richiede: • conoscenze pregresse che devono essere collegate alle nuove informazioni; • materiale significativo che contenga conoscenze rilevanti e concetti significativi da apprendere; • decisione consapevole dell’alunno di apprendere in modo significativo e non mnemonico.La qualità di questo apprendimento dipende non solo dalla capacità di col
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks