Bilancio di Sostenibilità 2018

136 pages
0 views
of 136
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2018BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2018PROGETTARE IL CAMBIAMENTO LETTERA AGLI STAKEHOLDERComplessità, dinamismo,…
Transcript
BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2018BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2018PROGETTARE IL CAMBIAMENTO LETTERA AGLI STAKEHOLDERComplessità, dinamismo, frammentazione sono aspetti che ormai caratterizzano in maniera stabile il contesto entro cui ci troviamo ad operare quotidianamente. Ciononostante continuiamo il nostro percorso di crescita, stimolati dalla volontà di perseguire − secondo i più elevati standard di qualità − la missione che ci siamo dati: migliorare la qualità della vita delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Il nostro 2018 è trascorso all’insegna del cambiamento: in particolare abbiamo lavorato incessantemente per consentire il progressivo trasferimento dei diversi servizi e degli utenti che ne beneficiano all’interno nei nuovi ambienti del primo lotto del Centro Nazionale. Questo sfidante progetto infrastrutturale, che sta rafforzando la nostra presenza sul territorio nazionale, ci porta anche verso una maggiore efficienza ed efficacia nell’utilizzo delle risorse economiche, sociali e ambientali. Pur essendo impegnati in un progetto così importante, non ci siamo fermati nell’estendere la nostra presenza territoriale e la nostra visibilità presso le istituzioni, con l’obiettivo di aumentare le possibilità di accesso delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e il loro progressivo inserimento nei contesti di provenienza. Con questa seconda edizione del bilancio ispirata ai principi internazionali dell’organizzazione Global Reporting Initiative, che per la prima volta nella nostra storia decidiamo di orientare alla sostenibilità nel suo complesso, vogliamo raccontare i traguardi raggiunti e gli obiettivi che ci diamo per il prossimo futuro. Perché tale progettazione sia sempre più condivisa, abbiamo avviato un percorso di analisi di materialità, così da avvicinare le priorità della gestione con quelle percepite dai nostri stakeholder. Continuiamo inoltre a non limitarci al racconto di ciò che abbiamo realizzato, riproponendo una visione per impatti. Nel 2018 è proseguito il percorso di rendicontazione del valore sociale creato per gli utenti e le loro famiglie, il personale e i volontari, i territori da cui traiamo le risorse e a cui restituiamo valore aggiunto. L’anno è stato positivo da molti punti di vista. Sono state 911 le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali che hanno ricevuto uno o più servizi dalla Lega del Filo d’Oro nelle diverse modalità, di cui 611 utenti seguiti presso i Servizi Territoriali, assieme alle loro famiglie. Entrambi i dati sono in crescita rispettivamente di circa il 2 e il 6 per cento sul 2017. Complessivamente l’attività dei cinque Centri ha comportato un numero di giornate di ricovero pari a 68.052. Il numero dei volontari attivi che ci hanno supportati nell’accompagnare i nostri2utenti nel percorso verso l’autonomia e l’inclusione sociale come pure nella sensibilizzazione dei territori rispetto ai problemi connessi alla disabilità grave è cresciuto ancora rispetto all’anno precedente: 677 volontari hanno donato 53.699 ore del loro tempo. Sono state inoltre 544 le organizzazioni operanti sul territorio nazionale con cui la Lega del Filo d’Oro ha cooperato per sviluppare progetti a favore delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Il supporto dei nostri sostenitori è stato rilevante, consentendoci di coprire il 67% dei costi sostenuti per l’erogazione dei servizi e la realizzazione delle attività. I risultati ottenuti dalla raccolta fondi hanno raggiunto e superato gli obiettivi: segno questo di un profondo legame di fiducia da parte dei nostri sostenitori, alimentato dalla comunicazione trasparente sull’utilizzo delle risorse. Il modello di intervento di cui ci siamo dotati impone l’elevata professionalizzazione delle nostre persone. Anche per il 2018 possiamo riportare un trend in aumento nel numero dei dipendenti, cui abbiamo erogato 1.625 giornate di formazione, in prevalenza di carattere tecnico. È proseguita inoltre l’attività di ricerca, con 10 nuove pubblicazioni scientifiche in riviste scientifiche di carattere internazionale. Tra gli eventi di rilievo di cui il 2018 è stato costellato, merita menzione l’istituzione della Giornata Nazionale dei Sordociechi promossa dall’Unione Italiane dei Ciechi e degli Ipovedenti con la Lega del Filo d’Oro, che è stata celebrata il 27 giugno presso il Senato della Repubblica. Il 9° Forum dei Volontari si è tenuto dal 12 al 14 ottobre a Senigallia (AN), ispirato al tema “Una storia di mani”, per condividere e valorizzare le esperienze di chi, nel proprio operato di volontario, deve saper creare continuamente un equilibrio tra le proprie e altrui competenze, rispettare la personalità e le emozioni di chi riceve aiuto, trasformando l’energia in cambiamento. I risultati che abbiamo raggiunto sono per noi la conferma che stiamo lavorando nella giusta direzione. Ma non ci basta. Molto resta da fare per mantenerci dinamicamente al passo con i cambiamenti all’interno e all’esterno del nostro mondo, nel rispetto delle aspettative dei nostri stakeholder.Daniele BonifaziRossano BartoliDirettore generalePresidente3GUIDA ALLA LETTURA NOTA METODOLOGICALa Lega del Filo d’Oro ha una lunga tradizione in materia di rendicontazione sociale, in ottemperanza ai principi di qualità e trasparenza che sin dall’inizio guidano il modo di operare dell’Associazione. Il Bilancio di Sostenibilità è lo strumento con cui la Lega del Filo d’Oro racconta quanto realizzato nel corso dell’anno, arricchendo le storie di indicatori quantitativi che consentono il monitoraggio e la valutazione dell’efficienza e dell’efficacia interna nell’utilizzo delle risorse economiche, sociali e ambientali, nonché una più immediata comunicazione delle capacità di raggiungere gli obiettivi mantenendo gli impegni presi con la molteplicità di stakeholder con cui quotidianamente si interfaccia. Il presente rapporto adotta lo standard di rendicontazione internazionale GRI Sustainability Reporting Standards (GRI Standards), sviluppato dall’organizzazione Global Reporting Initiative (GRI), con l’obiettivo di aiutare sia il pubblico che il privato a comprendere, misurare e comunicare gli impatti delle proprie attività sulle dimensioni economiche, sociali e ambientali. La versione GRI Standards è l’ultimo aggiornamento delle linee guida di rendicontazione di sostenibilità, lanciato dall’organizzazione GRI nell’ottobre 2016. Sono state inoltre seguite le linee guida supplementari di settore, che forniscono indicazioni su temi specifici tipici delle organizzazioni non profit (NGO Sector Supplement). In questo processo, la Lega del Filo d’Oro si è avvalsa del supporto scientifico del Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi4dell’Università degli Studi di Milano. Rispetto alla passata edizione, il Bilancio di Sostenibilità 2018 introduce due importanti innovazioni nelle modalità di calcolo degli indicatori. La progettazione sostenibile del Centro Nazionale ha stimolato l’avvio di un percorso di maggiore consapevolezza e controllo nell’utilizzo delle risorse ambientali, con particolare riferimento all’efficienza energetica. Molto resta da fare per completare il monitoraggio degli impatti ambientali, ma si tratta di un primo, tangibile passo verso questo traguardo. Inoltre, è stata condotta un’analisi di materialità che ha avuto come esito la formalizzazione della connessa matrice di priorità. In continuità con il 2017, l’obiettivo che ha portato a tale cambiamento è ascrivibile alla volontà di iniziare a confrontarsi con le prassi internazionali e gli standard più elevati di rendicontazione, identificando i punti di forza e le aree ancora da sviluppare. Tale percorso deve portare la Lega del Filo d’Oro a raggiungere livelli crescenti di accountability, ossia di capacità di rispondere alle richieste, ai bisogni e alle esigenze dei propri stakeholder, dando conto delle modalità di utilizzo delle risorse raccolte in modo trasparente e completo. Per l’anno fiscale oggetto del presente documento, il perimetro della rilevazione comprende tutte le sedi nelle regioni in cui la Lega del Filo d’Oro è presente. Gli indicatori sono confrontati temporalmente con i due anni fiscali precedenti, coprendo dunque il triennio 2016-2018. La raccolta dati è stata supportata da un processo strutturato peril reperimento delle informazioni, che ha visto il coinvolgimento dei referenti interni per ciascuna sezione del documento e ha beneficiato della ricchezza di indicatori di cui da tempo la Lega del Filo d’Oro si è dotata a seguito dell’adozione del Sistema di Gestione Integrato Qualità e Sicurezza. La presente edizione si articola in sei capitoli che si sviluppano attorno a parole chiave riassuntive degli impatti (outcome) che la Lega del Filo d’Oro determina nella gestione delle relazioni con i propri stakeholder: 1. Opportunità, è quanto la Lega del Filo d’Oro cerca di creare per le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Trova spazio in questo capitolo l’identità dell’Associazione, la missione e i valori di base, nonché i principali risultati raggiunti e gli obiettivi per il prossimo triennio. 2. Specificità, è l’obiettivo dei percorsi valutativi, riabilitativi ed educativi che la Lega del Filo d’Oro progetta per ciascun utente, per valorizzarne l’unicità. Il capitolo descrive la relazione tra la Lega del Filo d’Oro e i suoi utenti, la dimensione raggiunta nell’erogazione dei servizi e i processi di miglioramento. 3. Autonomia, è quanto la Lega del Filo d’Oro stimola nelle famiglie dei propri assistiti, accompagnandole lungo un percorso complesso e articolato, che le aiuti a sapersi gestire. Le iniziative a favore delle famiglie e le modalità di dialogo e interazione sono al centro di questo capitolo, assieme ai principali risultati raggiunti.4. Competenza, è ciò che contraddistingue le persone che prestano la propria professionalità e passione all’interno dell’Associazione. Le dimensioni della responsabilità nei confronti di dipendenti e collaboratori sono presentate nel capitolo, arricchite delle attività di ricerca e sperimentazione cui è legata la capacità innovativa della Lega del Filo d’Oro. 5. Inclusività, racchiude le attività di comunicazione, sensibilizzazione e mobilitazione che la Lega del Filo d’Oro realizza per creare contesti accoglienti per chi non vede e non sente. Il capitolo descrive la relazione tra l’Associazione e i volontari, nonché le iniziative di sensibilizzazione istituzionale e territoriale svolte nel corso dell’anno. 6. Fare leva sulle risorse è l’ultimo capitolo, in cui sono descritti e quantificati i risultati raggiunti in materia di trasparenza nelle procedure di governo e gestione e raccolta fondi. Trova spazio la responsabilità economica, dove viene illustrato il valore aggiunto e la connessa distribuzione tra le categorie di stakeholder. In accordo con i principi di base della misurazione del ritorno sociale dell’investimento, la struttura del bilancio è ispirata alla catena del valore sociale input-output-outcome che lega le risorse fornite (donazioni, contributi pubblici, beni e servizi, risorse ambientali) ai risultati qualitativi ottenuti per ciascuna categoria di stakeholder, cui è associata una misura quantitativa del cambiamento sociale generato.5INDICE1 CREARE OPPORTUNITÀ. MISSIONE E VALORI Infografica — Generare valore, produrre cambiamento 1.1 Identità, missione e valori 1.2 Ambiti strategici e obiettivi raggiunti 1.3 Valore economico e impatto sociale 1.4 Il sistema degli stakeholder 1.5 Priorità strategiche per il triennio 2019-2021 2 VALORIZZARE LA SPECIFICITÀ. GLI UTENTI E I SERVIZI Infografica — Cogliere potenzialità, costruire abilità 2.1 L’intervento valutativo-riabilitativo 2.2 Gli interventi educativo-riabilitativi 2.3 Disseminazione e integrazione attraverso gli interventi dei Servizi Territoriali 2.4 Il monitoraggio, la sicurezza e il benessere degli utenti 13 13 15 20 2135 40 44 453 SOSTENERE L’AUTONOMIA. LE FAMIGLIE Infografica — Crescere insieme, crescere tutti 3.1 I capitali della famiglia 3.2 L’impatto su autonomia e benessere 3.3 L’evoluzione delle esigenze delle famiglie 52 53 594 GENERARE COMPETENZA. PERSONALE, FORMAZIONE E RICERCA Infografica — Il capitale umano della Lega del Filo d’Oro 4.1 Composizione e descrizione del personale 4.2 Salute e sicurezza: il benessere dei lavoratori 4.3 La formazione del personale 4.4 La ricerca scientifica 66 68 70 715 PROMUOVERE INCLUSIONE. VOLONTARI E RETI Infografica — Un volontariato di relazioni 5.1 I volontari della Lega del Filo d’Oro 5.2 La valorizzazione e l’ascolto dei volontari 5.3 Sensibilizzazione e mobilitazione 5.4 Le attività in rappresentanza e affermazione dei diritti delle persone sordocieche 683 87 90 916 FARE LEVA SULLE RISORSE. GOVERNANCE E PROCESSI OPERATIVI Infografica — Affrontare le sfide in modo dinamico 6.1 Governance e organizzazione 6.2 Il sistema di gestione e rendicontazione 6.3 La gestione della responsabilità ambientale 6.4 La relazione con i sostenitori 6.5 La relazione con la Pubblica Amministrazione 6.6 Le relazioni di fornitura 96 99 103 106 112 113Appendice Risultati economici Tabella indicatori Global Reporting Initiative Carta d’identità 118 122 1317CREARE OPPORTUNITÀ 81 9LEGA DEL FILO D’ORO – BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2018Generare valore, prod Valore economico generato44,9 Mln € di cui l’88% viene distribuito agli stakeholder14,4 Mln29,9 Mln0,6 Mlnricavi da attività istituzionaliricavi da attività di raccolta fondiricavi/oneri da attività extracaratteristicheLa nostra è una “storia di mani”. Mani che hanno raccolto la profezia di Sabina Santilli e continuano a tessere quel filo prezioso che aiuta le persone sordocieche ad uscire dal labirinto oscuro in cui spesso si trasforma la loro vita. Diversamente la Lega del Filo d’Oro sarebbe “soltanto” un grande successo dell’imprenditoria sociale italiana. —Stefano Biraghi, referente dei volontari di Lesmo10urre cambiamento Valore sociale creato1,20Indice SROI Il valore sociale annuale medio (SROI) generato dalle attività della Lega del Filo d’Oro nei territori di Osimo (AN), Lesmo (MB) e Molfetta (BA) nel triennio 20162018 equivale a 1,20 euro restituiti per ogni euro investito dal territorio nel consentire agli utenti di beneficiare dei servizi e dei trattamenti offerti dall’Associazione38,08 Mln € valore sociale creato totale nel 2018 dalle sedi di Osimo, Lesmo e Molfetta11,70 Mln2,02 Mln24,36 Mlnvalore sociale creato per utenti e famiglievalore sociale creato per personale e volontarivalore sociale creato per i territori 11CREARE OPPORTUNITÀ MISSIONE E VALORIIl valore sociale creato dalla Lega del Filo d’Oro nel 2018 è pari a circa 11,7 milioni di euro per i soli utenti e famiglie, con una crescita del 5,7% rispetto all’anno prima. Secondo l’indagine SROI realizzata nel 2018 sulle sedi di Osimo, Lesmo e Molfetta, il valore monetario del cambiamento generato dalla Lega del Filo d’Oro nella vita degli utenti e delle loro famiglie, dei volontari, dei dipendenti e del territorio nel suo complesso è pari a 1,20 euro per ogni euro investito. Il valore sociale si dipana lungo le fasi di una catena di impatto in grado di generare cambiamenti rilevanti a vantaggio degli stakeholder in termini di specificità, autonomia, competenza e inclusività. Il nuovo Centro Nazionale − che nel 2018 è divenuto operativo − è il segno più visibile della volontà della Lega del Filo d’Oro di continuare a crescere per rafforzare la propria capacità di rispondere ai bisogni delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e delle loro famiglie, sia in termini di quantità di utenti raggiunti sia di qualità e ampiezza dei servizi offerti.12Disabilità unica riconosciuta dal Parlamento europeo (nel 2004) e italiano (nel 2010, con la Legge n. 107), la sordocecità è la combinazione di una minorazione visiva con una uditiva, totale o parziale. Nella pluriminorazione psicosensoriale, alla minorazione della vista e/o dell’udito si aggiungono disabilità intellettiva, deficit motori, danni neurologici e una serie di patologie organiche, malformazioni scheletriche, dentali e cardiovascolari. Secondo i dati più recenti, prodotti dall’Istat in collaborazione con la Lega del Filo d’Oro nel 2016, la disabilità sensoriale legata alla vista o all’udito interessa oltre 1,7 milioni di persone in Italia. Di queste, si stima che siano 189mila coloro che hanno problematiche legate sia alla vista, sia all’udito, equivalenti a una persona su 333. Un sordocieco su due ha una disabilità motoria oltre alla sordocecità e quattro su dieci presentano anche una disabilità cognitiva e disturbi comportamentali. Le cause di tali patologie possono essere congenite o acquisite. Nel primo caso, sono riconducibili a infezioni virali come la rosolia o a malattie rare (ad esempio le sindromi di Charge, Usher, Fine-Lubinski, Waardenburg, Stikler, Norrie, Alport per citarne alcune). L’ipossia, i tumori, il trauma cranico e altri fattori rientrano fra le cause acquisite. Anche l’allungamento della vita può portare a patologie sensoriali. Le conseguenze sono comuni. Soltanto in Italia, oltre 100mila sordociechi vivono uno stato di isolamento sociale e culturale, in quanto non in grado di provvedere autonomamente a se stessi.CAPITOLO 1 – CREARE OPPORTUNITÀL’IDENTITÀ DELLA LEGA DEL FILO D’OROMISSIONE L’Associazione nel perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale ha per scopo l’assistenza, l’educazione, la riabilitazione, il recupero e il reinserimento dei non vendenti privi di udito e dei pluriminorati psicosensorialiVALORI Sensibilità, Passione, Competenza, MetodoMODELLO D’INTERVENTO Creazione di strutture specializzate Formazione di operatori qualificati Svolgimento di attività di ricerca e sperimentazione nel campo della sordocecità e della pluriminorazione psicosensoriale Promozione di rapporti con enti, istituti, università italiane e straniere Sensibilizzazione degli organismi competenti e dell’opinione pubblica nei confronti di questo tipo di disabilità1.1IDENTITÀ, MISSIONE E VALORI Dal 1964, anno della costituzione come Associazione, la Lega del Filo d’Oro rinnova il proprio impegno per assistere, educare, riabilitare e reinserire nella famiglia e nella società le persone sordocieche epluriminorate psicosensoriali. Punto di riferimento nazionale e internazionale, da oltre cinquant’anni la Lega del Filo d’Oro lavora affinché le proprie conoscenze e competenze nel trattamento della disabilità grave si traducano in opportunità di relazione e interazione non solo per chi non vede e non sente, ma anche per le loro famiglie, le istituzioni e le comunità. Pur restando fedele ai principi della fondatrice Sabina Santilli, tale impegno evolve nel tempo per rispondere all’emergere di nuovi bisogni e adattarsi alle dinamiche di cambiamento interne ed esterne all’Organizzazione.1.2AMBITI STRATEGICI E OBIETTIVI RAGGIUNTI Il 2018 porta a conclusione il piano di miglioramento triennale avviato nel 2016. Gli ambiti strategici su cui la Lega del Filo d’Oro ha lavorato, e su cui sarà impostato il prossimo piano, sono articolati in cinque blocchi. Di questi, il rafforzamento della capacità di rispondere ai bisogni delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali rappresenta il fulcro, supportato dal potenziamento dell’attività di ricerca e formazione, dall’adeguamento dell’infrastruttura di governance e organizzativa, dal consolidamento delle relazioni con i sostenitori e con le istituzioni.RAFFORZARE LA CAPACITÀ DI RISPONDERE AI BISOGNI Il 2018 è stato connotato dal progressivo13FOCUS Consigli semplici per aiutare un sordocieco Fategli sapere toccandolo nel modo che ritenete più opportuno, che gli siete vicini. Fate un uso appropriato e chiaro del mezzo di comunicazione che scegliete per parlare con lui. Adottate un semplice segnale per farvi riconoscere. Imparate ad usare il mezzo di comunicazione che il ciecosordo conosce e, se invece ne conoscete voi uno più adatto
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks