GESTIONE DELL EMERGENZA IN ASSISTENTE OO LL OPERATORE OPERATORE CHE IN CASO CASO DI DI EMERGENZA EMERGENZA IMPROVVISA, IMPROVVISA, LL ASSISTENTE CHE S

14 pages
0 views
of 14
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
AMBIENTI CONFINATI o SOSPETTI DI INQUINAMENTO Gestione dell Emergenza: Organizzazione della squadra Ruoli del preposto e degli operatori Procedure di intervento Attrezzature di emergenza e recupero 134
Transcript
AMBIENTI CONFINATI o SOSPETTI DI INQUINAMENTO Gestione dell Emergenza: Organizzazione della squadra Ruoli del preposto e degli operatori Procedure di intervento Attrezzature di emergenza e recupero 134 GESTIONE DELL EMERGENZA IN ASSISTENTE OO LL OPERATORE OPERATORE CHE IN CASO CASO DI DI EMERGENZA EMERGENZA IMPROVVISA, IMPROVVISA, LL ASSISTENTE CHE SI SI TROVA ALL ESTERNO, PUÒ ENTRARE NELLO SPAZIO CONFINATO PER TROVA ALL ESTERNO, PUÒ ENTRARE NELLO SPAZIO CONFINATO PER PRESTARE PRESTARESOCCORSO SOCCORSO?? In caso un addetto abbia un malore, l assistente deve avvisare tutti gli altri addetti che operano nel luogo confinato, chiamare aiuto e coordinare tutti gli sforzi necessari per il soccorso. Più del 60% degli infortunati che subiscono danni fisici nei luoghi confinati, infatti, coinvolgono i soccorritori che tentano di intervenire senza conoscere le corrette procedure di intervento. Sono eventi ricorrenti nei quali un assistente o un altra persona non autorizzata entra precipitosamente in un ambiente pericoloso senza l adeguato equipaggiamento protettivo. Alcune procedure prevedono la fornitura all assistente dell idoneo equipaggiamento protettivo e la strumentazione necessaria per effettuare un soccorso. In questo caso l assistente é in condizione di attesa. Comunque, l entrata del soccorritore non deve avvenire fin quando l assistente stesso non viene sostituito da altra persona in grado di fornire le necessarie indicazioni ai soccorritori. IN NESSUNA CIRCOSTANZA L ASSISTENTE DEVE ENTRARE NEL LUOGO CONFINATO 135 Recupero di emergenza Sempre, quando possibile, organizzazione degli interventi di emergenza con soccorritore all ESTERNO: - Ruolo dell assistente esterno e tecniche di intervento - Imbracature EN 361 / EN 1497 per evacuazione - Utilizzo di dispositivi di ancoraggio tipo treppiede EN 795B - Argani per recupero di emergenza EN Argani per recupero combinati con dispositivi anticaduta EN EN Paranchi di sicurezza per recupero su corda EN EN EN DPI IMBRACATURA DI SICUREZZA (EN 361) Imbracature specializzate per recupero di emergenza in ambienti confinati (EN 1497) Per recuperi verticali da forometrie di dimensione ridotta. Per estrazioni verticali da vasche a cielo aperto di operatori che non lavorano con indosso l imbracatura Per estrazioni orizzontali (tubazioni, forni di laminazione, ecc.) 137 TRIPODE Dispositivo di recupero EN 795B 138 Dispositivo di recupero EN 1496 (con cavo di acciaio) La protezione anticaduta deve essere garantita da altro dispositivo. Gli argani EN1496 sono attrezzature da soccorso di emergenza certificate per uso umano. 140 EN 1496+EN 360 Dispositivo di recupero integrato EN EN 360 Protezione anticaduta e recupero integrate in un solo DPI EN 1496, solo funzione di recupero. In caso di caduta arrestata da questo dispositivo, rischio di 141 Palo pescante o Tripode con dispositivo di recupero Dir. 89/392/CEE Dispositivi su fune EN Paranchi manuali EN EN Gestione dell emergenza con ingresso del soccorritore Cappuccio per connessione ad autorespiratore doppia via del soccorritore Se la procedura prevede l ingresso del soccorritore, in ogni caso, una persona deve obbligatoriamente restare fuori in assistenza alla squadra di intervento e per garantire l estrazione degli infortunati. Bombola per soccorso con boccaglio (ferito cosciente) Maschera per soccorso con bombola in sacco da tracolla Cappuccio per soccorso con bombola in sacco da tracolla 145 Gestione dell emergenza con ingresso del soccorritore Pistole ad infrarossi. Permettono la visione termica per trovare gli infortunati in condizioni di totale mancanza di luce e/o visibilità (fumo). Frequenze luce visibile Frequenze infrarosse 146 Trasporto degli infortunati Barelle galleggianti Barelle pieghevoli Teli di evacuazione 147 Soccorso Esterno VV.FF. SAF (Nucleo Speleo Alpino Fluviale) CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino Speleologico) Guardia Costiera (Soccorso in Mare) 149 Grazie per l attenzione Fonti utilizzate per le slide: ESEM P.I.E. Donati Gabriele Ing. Reggio Giovanni 169
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks