Gli alimentatori stabilizzati

20 pages
0 views
of 20
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
Gli alimentatori stabilizzati Scopo di un alimentatore stabilizzato è di fornire una tensione di alimentazione continua di alcuni volt (necessaria per poter alimentare un dispositivo elettronico), costante
Transcript
Gli alimentatori stabilizzati Scopo di un alimentatore stabilizzato è di fornire una tensione di alimentazione continua di alcuni volt (necessaria per poter alimentare un dispositivo elettronico), costante sia rispetto alle variazioni di carico sia rispetto ala variazione dell alimentazione di ingresso che, come dovreste sapere (ma non si sa mai) è la classica tensione alternata con 220 volt di valore efficace. Nella figura seguente abbiamo uno schema a blocchi di un possibile alimentatore IL primo blocco è un blocco trasformatore. I trasformatori sono usati per aumentare o diminuire tensioni e correnti continue in un circuito. Essi sono basati sul principio a voi certamente noto della mutua induttanza 1 1 In sostanza il nostro blocco riceve in ingresso (chiamato anche circuito primario) una tensione alternata e fornisce in uscita una tensione alternata il cui valore efficace (o massimo) è diminuito o cresciuto. Nel nostro caso occorre un trasformatore che faccia diminuire il valore efficace della tensione in modo da avvicinarci al nostro obiettivo di ottenere una tensione da pochi volt. Il foglio excel allegato e la pagina web consentono di verificare il comportamento del blocco trasformatore. IL secondo blocco, che abbiamo contraddistinto con un diodo, è il blocco raddrizzatore. Già abbiamo incontrato circuiti raddrizzatori 2 e sappiamo che il loro scopo è quello di eliminare le parti negative del segnale alternato che si ottiene sul 2 secondario del trasformatore. Sappiamo che vi sono circuiti raddrizzatori a singola semionda (vedi foglio excel o pagina html) in cui la parte negativa dell onda viene semplicemente soppressa ,005 0,01 0,015 0,02 0,025 0,03 0,035 TENSIONE TENSIONE RIBALTATA e circuiti raddrizzatori a doppia semionda, in cui la parte negativa dell onda non viene soppressa ma ribaltata in modo da farla diventare positiva. 3 ,005 0,01 0,015 0,02 0,025 0,03 0,035 TENSIONE TENSIONE RIBALTATA Il blocco di filtro consiste sostanzialmente nel condensatore che, nei vari circuiti citati nella nota precedente, veniva posto in parallelo all uscita del circuito raddrizzatore in modo da approssimare l onda ottenuta dal circuito raddrizzatore ad un onda continua ,005 0,01 0,015 0,02 0,025 0,03 0,035 TENSIONE TENSIONE RIBALTATA SCALA TEMPO AUSILIARE TENSIONE SUL CONDENSATORE (vedi foglio excel o pagina html per il circuito a singola semionda) 4 6 4 2 TENSIONE TENSIONE RIBALTATA 0 0 0,005 0,01 0,015 0,02 0,025 0,03 0,035 TENSIONE SUL CONDENSATORE TENSIONE SUL CONDENSATORE (vedi foglio excel o pagina web per i raddrizzatori a doppia semionda). Il blocco viene detto di filtro a causa del teorema di Fourier. Questo teorema afferma in sostanza che un segnale periodico di forma qualunque si può considerare come la somma di infiniti segnali sinusoidali, detti armoniche, le cui frequenze sono multipli della frequenza del segnale di partenza e le cui ampiezze decrescono con l aumentare della frequenza. 5 Si può dire che più un segnale varia lentamente minore è il contributo delle armoniche superiori. In sostanza il condensatore che introduciamo nell alimentatore, addolcisce la forma dell onda filtrando le armoniche di ordine superiore, da cui il nome di filtro. Con un foglio excel di simulazione possiamo verificare quanto detto. In questo foglio si suppone di utilizzare soltanto 10 armoniche sinusoidali e 10 cosinusoidali e si può vedere il segnale che si ottiene dalla somma di queste sinusoidi. Se si attribuiscono valori elevati alle ampiezze di tutte ls sinusoidi si ha un segnale che varia con fronti molto ripidi 6 Via via che diminuiamo i valori delle ampiezze delle armoniche di ordine superiore (quelle a frequenza più alta), simulando così il filtraggio di queste armoniche, si nota come il segnale risultante 7 assuma un andamento sempre meno variabile e tenda diventare un segnale costante. 8 9 Vedi Simulazione 1 Simulazione 2 Simulazione 3 10 Simulazione 4 Simulazione 5 Simulazione 6 Simulazione 7 Simulazione 8 Simulazione 9 Sappiamo che il valore del condensatore di filtro influenza l ampiezza dell ondulazione residua poiché maggiore è la capacità e maggiore è il tempo di scarica del condensatore stesso. Teoricamente una capacità infinita darebbe un segnale praticamente costante. Attualmente però si giunti a capacità da un farad dette supercondensatori, molto grandi ma non infinite inoltre, come apparirà chiaro in seguito, usare capacità molto grandi significa ridurre a minimo gli intervalli di tempo durante i quali le capacità verranno caricate, il che significa dover usare per la carica impulsi di corrente di ampiezza massima sempre più elevata se si vuole mantenere costante la corrente media erogata in 11 uscita. Si avrebbero dunque dei picchi di corrente che potrebbero anche distruggere il circuito raddrizzatore. Come si può vedere dal foglio excel o dalle pagine web simulazione 1 simulazione 2 simulazione 3 simulazione 4 simulazione 5 simulazione 6 su un esempio di corrente media di uscita di 1 ampere si passa da una corrente di picco di 1,3 ampere se si accetta un ripple residuo di circa il 30% ad uno di 9 ampere riducendo il ripple quasi a zero. In definitiva si evita di utilizzare condensatori troppo grandi, accettando ripple residui anche del 30% (cioè un delta V che sia il 30%-40% della tensione minima di ingresso) affidando l eliminazione dell ondulazione residua (detta anche reiezione del ripple residuo) all ultimo blocco che consiste sostanzialmente nell utilizzo di un dispositivo integrato detto regolatore di tensione. UN esempio di regolatori di tensione sono i regolatori della famiglia 78XX che danno tensioni di uscita positive e quelli della famiglia 79XX che danno tensioni di uscita negative. Un esempio è il che fornisce una tensione di uscita di 5 volt. Il suo simbolo circuitale è il seguente LM7805C/TO 1 IN OUT 3 2 GND abbiamo tre morsetti di cui il primo è il morsetto cui si applica la tensione variabile di ingresso, il secondo è un morsetto che va collegato alla massa del circuito, il terzo è il morsetto sul quale abbiamo la tensione stabilizzata di uscita. Per inserire questo dispositivo in maniera corretta in un alimentatore stabilizzato occorre conoscere alcune cose: la corrente che il dispositivo è in grado di erogare in uscita può raggiungere un valore superiore ad 1 ampere come si può vedere consultando i data sheet del circuito 13 per ottenere circuiti alimentatori in grado di erogare correnti superiori occorre effettuare escamotage come nel progetto di 14 alimentatore da 3 ampere che studieremo in seguito o utilizzare altre categorie di regolatori 3 il dispositivo contiene un circuito complesso basato su BJT integrati. Non ci interessa qui studiare il circuito interno in dettaglio ma basti dire che si usa il concetto di retroazione 4, cioè, usando la logica degli schemi a blocchi, V IN V RIF 1 V OUT 2 in sostanza la tensione da stabilizzare è l ingresso V IN del nostro sistema, mentre la tensione stabilizzata è l uscita V OUT. Per mantenere la uscita stabile essa viene, attraverso il blocco 2, riportata in ingresso e confrontata con una tensione di riferimento V REF. Se per qualche motivo la tensione di ingresso diminuisce, attraverso il blocco 1 diminuisce anche l uscita, ma, fatta la differenza con la tensione di riferimento si ha un sgenale positivo in ingresso al blocco 1 che controbilancia la diminuzione della tensione V IN, il viceversa avviene se la tensione di ingresso 15 tende ad aumentare. Come si può osservare, il sistema funziona anche se la tensione di uscita cambia non a causa della tensione di ingresso ma a causa di variazioni del carico 16 il dispositivo è disponibile in due diversi tipi di contenitore, TO-3 e TO-220 perché il dispositivo funzioni occorre che la tensione di ingresso sia sempre superiore alla tensione di uscita. La differenza fra queste due tensioni, detta tensione di drop-out, V DROP OUT =V IN -V OUT deve essere dunque positiva, ed almeno di 2 volt la variazione possibile della tensione di uscita per variazione dell ingresso (line regulation) o dell uscita (load regolation)è dell ordine di alcuni mv 17 18 1 Quando una corrente elettrica I percorre un conduttore, crea nello spazio circostante un campo magnetico. Il fenomeno dell'induzione elettromagnetica si ha quando un circuito, percorso da corrente, genera una tensione su un circuito vicino senza una connessione fisica, ma solo per via magnetica. Perché ciò accada dobbiamo trovarci in presenza di due condizioni: - la corrente è variabile e, di conseguenza, è variabile il campo magnetico generato dal primo circuito; - il flusso magnetico variabile generato dal primo circuito si concatena, almeno in parte, col secondo. Nell'esempio in figura il generatore G, presente nel primo circuito, fa circolare una corrente variabile I. Il flusso magnetico variabile (in blu) così generato si concatena col secondo circuito elettrico. Tra i punti A e B compare una tensione che viene definita indotta. La tensione indotta è tanto più elevata quanto più rilevante è la variazione del flusso magnetico concatenato e quanto più veloce è la variazione. 2 vedi i documenti Circuiti raddrizzatori Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale 19 3 vedi il documento Progetto di un alimentatore tensione fissa e corrente 3 Ampere 4 retroazione Retroazione Altri motori Google Msn Mamma All The Web Teoma Vivisimo Altavista Virgilio Google gruppi Arianna Yahoo Libero Newsgroup Excite ixquick Blinkx Lycos HotBot IceRocket Search Feedback Feedback Altri motori Google Msn Mamma All The Web Teoma Vivisimo Altavista Virgilio Google gruppi Arianna Yahoo Libero Newsgroup Excite ixquick Blinkx Lycos HotBot IceRocket Search 20
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks