Guida Docenti 2

151 pages
0 views
of 151
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
DysTRANS-Supporting Dyslexic Individual in Transition from Primary to Lower Secondary SchoolGUIDA DOCENTI20182Questo progetto è finanziato dal programma Erasmus +…
Transcript
DysTRANS-Supporting Dyslexic Individual in Transition from Primary to Lower Secondary SchoolGUIDA DOCENTI20182Questo progetto è finanziato dal programma Erasmus + dell'Unione europea. Tuttavia, la Commissione europea e l'Agenzia nazionale turca potrebbero non essere responsabili per le informazioni ivi CONTENT contenute.31.La Dislessia nei paesi partner ......................................................................................................... 8 1.1.Cos’è la Dislessia ..................................................................................................................... 8TURchia.....................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. BULGARIA .................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. ROMANIA..................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. POLonia.....................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. ITALia ........................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. PORTogallo ...............................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. 1.2.Legislazione e Forme di Assistenza....................................................................................... 10TURChia ....................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. BULGARIA .................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. ROMANIA..................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. POLonia.....................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. ITALia ........................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. PORTogallo ...............................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. 2.Segnali per identificare la Dislessia .........................................Errore. Il segnalibro non è definito. 2.1. Come si manifesta all’interno dell’ambiente di apprendimento ....Errore. Il segnalibro non è definito. Lettura ......................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. Scrittura ....................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. Matematic ..................................................................................................................................... 17 Altre discipline ..........................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. 2.2. Problematiche emotive e di comportamento nei soggetti DSA......Errore. Il segnalibro non è definito.3. Prerequisiti per sviluppare buone competenze in letto-scrittura ...........Errore. Il segnalibro non è definito. 3.1.Percezione ........................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.1.1.Visiva.........................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.1.2.Auditiva.....................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.1.3.Percezione fonologica e competenza fonologica ....Errore. Il segnalibro non è definito.3.2.Memoria ...........................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.2.1.Visiva.........................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.2.2.Auditiva.....................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. 43.2.3.Memoria a breve e a lungo termine ........................Errore. Il segnalibro non è definito.3.2.4.Memoria semantica..................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.3.Attenzione ........................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.4.Orinetamento spaziale ....................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.5.Abilità di sequenziamento ................................................Errore. Il segnalibro non è definito.3.6.Abilità motorie fini............................................................Errore. Il segnalibro non è definito.CONCLUSIONE ..............................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. 4.5.6.Difficoltà di apprendimento causate dalla Dislessia ................Errore. Il segnalibro non è definito. 4.1.In Leggere e Scrivere .......................................................Errore. Il segnalibro non è definito.4.2.In Matematica ..................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.4.3.Nelle Lingue Straniere ......................................................Errore. Il segnalibro non è definito.4.4.In Storia/ Geografia/ Scienze ............................................Errore. Il segnalibro non è definito.4.5.In Musica/ Arte/ Sport .....................................................Errore. Il segnalibro non è definito.4.6.In Organizzazione e Gestione del Tempo .........................Errore. Il segnalibro non è definito.Tipologie di supporto ...............................................................Errore. Il segnalibro non è definito. 5.1.Come preparare materiali adattabili ai DSA .....................Errore. Il segnalibro non è definito.5.2.Il ruolo dello psicologo e del pedagogista a scuola ..........Errore. Il segnalibro non è definito.5.3.Communicazione cone i genitori ......................................Errore. Il segnalibro non è definito.Tecnologie di supporto .............................................................Errore. Il segnalibro non è definito. 6.1.Cosa sono?........................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.6.2.Benefici per gli studenti DSA ............................................Errore. Il segnalibro non è definito.6.3.Cosa è disponibile nei paesi partner .................................................................................... 426.3.1. Turchia ................................................................................................................................ 42 6.3.2. Bulgaria ................................................................................................................................ 43 6.3.3. Romania............................................................................................................................... 44 6.3.4. Polonia ................................................................................................................................. 46 6.3.5. Italia ..................................................................................................................................... 47 6.3.6. Portogallol ........................................................................................................................... 48 Referenze .............................................................................................................................................. 555Introduzione Introduzione Nell’ultimo decennio il termine dislessia è diventato piuttosto familiare per indicare le difficoltà che hanno alcune persone . Ci sono molte pubblicazioni che tentano di spiegarne l'origine , le condizioni e le ragioni che provocano questo particolare disturbo dell’apprendimento. Sin dal 1881 quando Oswald Berkhan identificò i sintomi primari della dislessia al 1887 quando per primo l'oculista Rudolf Berlino coniò il termine "dislessia", generazioni di ricercatori hanno studiato il problema nel tentativo di scoprirne le cause biologiche . Oggi sono dozzine le teorie sulla dislessia sviluppate dalle nuove generazioni di ricercatori La definizione di dislessia è cambiata nel tempo. Prima del ventesimo secolo i bambini con difficoltà nella lettura erano considerati ammalati, costituzionalmente limitati o scarsamente motivati A quel tempo il termine "cecità della parola " era comunemente usato per descrivere il gruppo di adulti e bambini con problemi nella lettura. Solo alla metà del 1930 il termine "dislessia" ha cominciato a sostituire costantemente quello vecchio, nelle pubblicazioni sul tema . Approssimativamente allo stesso tempo, le difficoltà di apprendimento, particolarmente la dislessia, hanno cominciato ad essere considerate soprattutto un problema educativo. Ma solo nella seconda metà del ventesimo secolo i bambini con specifiche difficoltà di alfabetizzazione. cominciarono a non essere più considerati ammalati e si convenne che il problema doveva essere affrontato e risolto in ambiente educativo. Nel 2009 la relazione di Sir Jim Rose su "Identificare e insegnare ai bambini e ai giovani con dislessia e le difficoltà di alfabetizzazione" ha dato la seguente descrizione della dislessia: "La dislessia è una difficoltà di apprendimento che colpisce soprattutto le competenze coinvolte nella lettura fluente e accurata di parole e l’ ortografia." Egli aggiunse che le difficoltà possono co-verificarsi anche in alcuni aspetti del linguaggio, nel coordinamento motorio , nel calcolo mentale, nella concentrazione e nell'organizzazione personale, ma questi non sono, da soli, i marcatori della dislessia. Caratteristiche della dislessia sono difficoltà fonologiche, memoria verbale e velocità di elaborazione verbale, difficoltà di elaborazione visiva e uditiva. Le persone dislessiche possono mostrare una combinazione di abilità e difficoltà che influenzano il loro apprendimento. In più alcuni di loro, hanno resistenze in altri aspetti dell’apprendimento (non relative a lettura e scrittura), quali risoluzione dei problemi, abilità creative, disegno, ecc. La dislessia può essere difficile da definire, perché le cause alla base delle sue manifestazioni, sono molto variabili e non possono essere misurabili . La complessità del problema è aumentata dal fatto che nella dislessia le difficoltà nella lettura e nella scrittura, possono variare a seconda del background culturale e linguistico. 6Non è possibile parlare di un "dislessico tipico". Ogni individuo deve essere compreso e aiutato in relazione alle proprie specifiche caratteristiche . Secondo gli ultimi risultati statistici circa 15% della popolazione del mondo ha problemi di dislessia, il che significa oltre un miliardo di persone . La maggior parte di loro non sanno di essere dislessici. Se consideriamo che la percentuale è la stessa in Europa, significa che circa 100 milioni di persone di tutte le età, sono affette da dislessia. Ciò significa che ci sono studenti dislessici praticamente in ogni classe. La dislessia si può verificare in persone di qualsiasi provenienza, lingua e paese, anche se la percentuali dimostrano che le problematiche possono variare a seconda della lingua. Purtroppo, la realtà è che molti dei bambini, che mostrano a scuola difficoltà di apprendimento nella letto/scrittura, non avendo problemi intellettuali, vengono accusati di essere pigri o di non impegnarsi abbastanza , mentre le loro difficoltà potrebbero essere dovuti proprio alla dislessia. Se il problema non viene riconosciuto in tempo e non viene fornito agli studenti, un adeguato sostegno in tutte le fasi dell’ istruzione, molti di questi finiscono con non raggiungere buoni risultati scolastici, e di conseguenza con avere bassa autostima, ansia, mancanza di motivazione, scarso impegno nell'apprendimento. Oggi, che tutti i paesi europei si sforzano di attuare i principi dell'educazione inclusiva, identificare e intervenire precocemente per affrontare il problema della dislessia sta diventando molto importante. Il primo principio europeo dei diritti sociali afferma che ognuno ha il diritto alla qualità e all'educazione inclusiva, alla formazione e all'apprendimento permanente, al fine di mantenere e acquisire competenze che gli consentano di partecipare pienamente alla società e di gestire con successo i cambiamenti del mercato del lavoro. Al vertice sociale di Göteborg del 2017, i capi di stato e di governo europei, hanno discusso su come sfruttare pienamente il potenziale dell'istruzione e della cultura, per la creazione di posti di lavoro, la crescita economica e l'equità sociale, nonché come mezzo per sperimentare l'identità europea in tutta la sua diversità. La ricerca dimostra che l'unica soluzione adeguata alla dislessia è un intervento continuo e duraturo, che sostenga lo sviluppo di varie abilità e soprattutto quelle interessate dalla dislessia. Più precoce è l’identificazione del problema e l’intervento immediato, più probabili saranno i risultati positivi . Sia gli psicologi che gli educatori concordano sul fatto che valutare i fattori di rischio e migliorare lo sviluppo dei bambini e degli alunni in età prescolare, nella fase di acquisizione iniziale di alfabetizzazione, è una prevenzione cruciale del possibile SEN, compresa la dislessia (ad esempio Nicolson, Fawcett 2008). Il problema affrontato dai ricercatori della maggior parte dei paesi e che sta diventando sempre più grave con il tempo (ciò non è oggetto di discussione in questo documento), è che non ci sono abbastanza specialisti a scuola, in grado di sostenere gli studenti DSA e le loro famiglie da un lato, e dall'altro di fornire aiuto e sostegno agli insegnanti che hanno studenti dislessici nelle loro classi e che devono trovare da soli un modo per insegnare loro correttamente. 7Ecco perché è estremamente importante per gli insegnanti capire la natura della dislessia, le sue manifestazioni e le conseguenze , ed essere consapevoli dei modi in cui aiutare e sostenere i propri studenti a superare le difficoltà. Purtroppo, molte scuole non sono ancora "attrezzate per le diversità di apprendimento che si svolgono nelle aule [...]. Quando agli studenti viene insegnato in un modo che è incompatibile con il loro modo di apprendimento , i punti di forza naturali delle loro menti non vengono valorizzati " 136 insegnanti delle scuole secondarie inferiori e primarie hanno partecipato a un sondaggio organizzato in sei paesi partner (Turchia, Bulgaria, Romania, Polonia, Italia e Portogallo), e la grande maggioranza di loro ha confermato che non si sentono abbastanza competenti per fornire un adeguato sostegno ai loro studenti dislessici e hanno bisogno di una formazione specifica sul tema. Un altro grave problema deriva dal fatto che molti genitori si rifiutano di accettare che il loro bambino ha difficoltà o rinviano la ricerca di un aiuto qualificato, nella speranza che il bambino "cresca" e recuperi il problema del ritardo con i suoi coetanei. C'è anche la preoccupazione che la valutazione formale e la diagnosi "etichetti" il bambino, e gli insegnanti e gli altri bambini cambino il loro atteggiamento nei suoi confronti. Purtroppo, la mancanza di specialisti sufficienti nelle scuole, formati a lavorare con i bambini dislessici, solleva anche la questione: "che cosa cambierà se il bambino è diagnosticato? Si otterrà il sostegno di cui ha bisogno? I genitori stessi, non conoscendo a fondo le problematiche connesse alla dislessia, le difficoltà che genera e le loro conseguenze (sociali e comportamentali) spesso incolpano i bambini di pigrizia e di riluttanza ad imparare. Una gran parte dei genitori intervistati, dicono che passano molto tempo cercando di aiutare i loro figli nelle lezioni e nei compiti a casa senza rendersi conto che non hanno la conoscenza necessaria per farlo in modo efficace. Come gli insegnanti intervistati, anche i genitori esprimono il desiderio e la necessità di approfondire la conoscenza sul tema, di capire come aiutare i propri figli .1. La Dislessia nei paesi partner Una grande diversità può essere osservata in tutta Europa per quanto riguarda le questioni connesse alla dislessia. In diversi paesi gli specialisti hanno adottato e utilizzano definizioni diverse. Ogni paese ha fissato le proprie norme in materia di procedure ,valutazione e regolamenti per quanto riguarda il sostegno agli studenti con dislessia a diversi livelli educativi. All'interno delle prossime pagine viene presentata una breve osservazione delle definizioni utilizzate nei paesi partner, le loro procedure di valutazione e la legislazione in materia di dislessia. . 81.1.Cos’è la DislessiaIl termine dislessia è definito dall'associazione internazionale di dislessia (IDA) come: "la dislessia è una specifica disabilità dell’ apprendimento di origine neurobiologica. È caratterizzata da difficoltà di riconoscimento di parole accurate e/o fluenti e da scarse capacità di ortografia e decodifica. Queste difficoltà derivano da un deficit nella componente fonologica della lingua che è spesso trascurata rispetto ad altre abilità conoscitive e manca di interventi efficaci in classe . Le conseguenze secondarie possono includere problemi nella comprensione della lettura e nella lettura ridotta, che possono ostacolare la crescita del vocabolario e della conoscenza di fondo. " (IDA Consiglio di amministrazione, 2012, 12 novembre). Turchia In Turchia la dislessia ( disabilità nella lettura , che induce i bambini ad avere difficoltà a capire il rapporto tra lettere e suoni), disgrafia (difficoltà nella scrittura che porta a problemi con l'ortografia, la scelta delle parole, la formazione delle lettere, la grammatica e la punteggiatura), discalculia (difficoltà con l'esecuzione di equazioni matematiche di base e comprensione dei concetti matematici) e disprassia (ostacola le capacità motorie) sono considerati come tipi di specifiche difficoltà di apprendimento (SLD), e in questo modo sono categorizzati come disabilità,. (Baydık, 2011; Korkmazlar, 2003) Bulgaria In Bulgaria la dislessia è considerata una specifica difficoltà di apprendimento. Secondo il Prof. V. Matanova "la dislessia è uno specifico disturbo dell'apprendimento, riferibile a sette aree particolari : espressione fluente, linguaggio espressivo, capacità di lettura di base, comprensione della lettura, abilità di scrittura di base, comprensione della scrittura, delle abilità matematiche di base e del pensiero matematico ". In altre parole, il termine "dislessia" è utilizzato per coprire una vasta gamma di specifiche difficoltà di apprendimento. Termini disgrafia, discalculia e disprassia sono anche utilizzati dagli specialisti per indicare le difficoltà in alcuni settori specifici dell’apprendimento. Romania In Romania, il termine "dislessia" riguarda solo le difficoltà di lettura. La dislessia è una specifica difficoltà di apprendimento, e questo ultimo concetto è visto come un concetto che comprende una vasta gamma di difficoltà di apprendimento (come la lettura, la scrittura, il calcolo e il ragionamento matematico). SLD non è visto come una malattia o una carenza, ma come un modo speciale di elaborazione delle informazioni, a causa del diverso sviluppo e funzionamento del sistema nervoso centrale. Polonia Secondo l'associazione polacca dislessia, la definizione di dislessia come disturbo, rappresenta una specifica difficoltà di apprendimento che colpisce soprattutto le competenze 9di alfabetizzazione, e cioè lettura, scrittura e altre competenze linguistiche. È caratterizzata dalla difficoltà di riconoscimento
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks