Impara il Museo 2019-2020. Scuola Secondaria di I° grado

48 pages
0 views
of 48
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
I M PA R A IL MUSEO Percorsi didattici Scuola Secondaria di I grado Anno Scolastico 2019/2020Impara il Museoè un progetto promosso daSindaco di Padova Sergio…
Transcript
I M PA R A IL MUSEO Percorsi didattici Scuola Secondaria di I grado Anno Scolastico 2019/2020Impara il Museoè un progetto promosso daSindaco di Padova Sergio Giordani Assessore alla Cultura Andrea Colasio Realizzato da Settore Cultura, Turismo, Musei e BibliotecheServizio Amministrativo Ornella Saglimbeni (coordinamento) Roberta Corà, Maria Grazia PeronDirezione del progetto Federica Franzoso Marilena VarottoFoto Gabinetto Fotografico dei Musei Civici Filippo Bertazzo, Marco Campaci, Giuliano GhiraldiniCoordinamento del progetto Rita Ghiraldini con la collaborazione di Beatrice Frigo, Roberta Sacchetto Responsabili scientifici Conservatore Museo Archeologico Francesca Veronese Conservatore Museo d’Arte Medievale e Moderna Elisabetta Gastaldi Conservatore Museo Bottacin Valeria Vettorato Conservatore Museo d’Arte Medievale e Moderna e referente Padova Urbs picta Federica Millozzi Funzionario della Biblioteca Civica di Padova Vincenza Cinzia DonvitoAccoglienza ai Musei Civici Cristian Amato, Maria Grazia Barbieri, Maria Arrabella Callegari, Arianna Camporese, Marina Ciccullo, Donata Greco, Stefano Masetto, Maria Concetta Nespoli, Giorgia Paperini, Giovanni Piatto, Gabriella Rossignolo, Fabrizio Sensi, Lorenzo Turatello, Lucia Varotto Elaborazione grafica Gianna Talato su progetto grafico Elena Baruffaldi Comunicazione Stefano Annibaletto, Marta Bianco, Patrizia Cavinato, Elisabetta Chino, Rocco RoselliQuesta pregevole e consolidata iniziativa svolge da molti anni un ruolo importante e prezioso: quello di far conoscere agli studenti più giovani il patrimonio della città di Padova, accompagnandoli con originali itinerari di visita e attività. Si compie in questo modo una delle funzioni fondamentali del museo, quella della scoperta e del contatto con le testimonianze della nostra storia e della nostra cultura. I percorsi didattici organizzati sono molteplici e la collaborazione con gli insegnanti collaudata. Salutiamo quindi con grande piacere questa nuova edizione di Impara il Museo augurando alle scuole partecipanti un positivo e proficuo lavoro. L’Assessore alla Cultura Andrea ColasioIl Sindaco Sergio GiordaniInformazioni:SETTORE CULTURA, TURISMO, MUSEI E BIBLIOTECHE Padova, via Porciglia 35 tel. 049 8204553 - fax 049 8237556 didattica.cultura@comune.padova.it www.padovacultura.it meb.comune.padova.itPrenotazioni:Ne-t by Telerete NordEst S.r.l. 049 2010215 #padovacultura 6SOMMARIO Presentazione e informazioni8Percorsi disponibili12 1. Archeologia e storia antica 13 2. Arte medievale e moderna 18 3. Numismatica 23 4. In cittĂ e nel territorio 25 5. Arte contemporanea 37Sedi e altre proposte41Legenda: Percorsi inerenti la candidatura UNESCO Padova Urbs picta Percorsi disponibili solo nei mesi di marzo, aprile e maggio 7Impara il Museo è un progetto didattico che si propone di avvicinare gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado alle collezioni museali e ai monumenti cittadini in maniera attiva e coinvolgente. Offre inoltre agli insegnanti uno strumento educativo che consente di far vivere il museo come luogo privilegiato in cui, con il supporto di personale specializzato, scoprire, conoscere, apprezzare il patrimonio storico artistico del territorio di appartenenza. Il Museo rappresenta la “memoria attiva” della comunità; le sue raccolte narrano la storia della città e del territorio di riferimento: dalla loro conoscenza prende avvio un processo virtuoso d’inclusione, dialogo, partecipazione e responsabilità dedicato alle giovani generazioni. Per progettare un futuro migliore è necessario dare il segno della realtà contemporanea e del passato. Con un linguaggio interattivo e interdisciplianare, il progetto Impara il Museo offre itinerari e laboratori che consentono di approfondire “toccando con mano” l’arte, la storia, l’archeologia, la numismatica,...della città. Le scolaresche quest’anno avranno l’opportunità di visitare la straordinaria mostra che si terrà al Centro culturale Altinate San Gaetano, dal 25 ottobre 2019 al 28 giugno 2020, dedicata a Giovanni Battista Belzoni, il famoso esploratore padovano nativo del Portello. In questa occasione sarà possibile ammirare reperti provenienti dai più prestigiosi e illustri musei internazionali e verrà offerta alle scuole una ricca attività didattica. L’anno scolastico 2019/20, grazie al rinnovamento degli spazi museali, potrà avvalersi di una maggiore offerta di laboratori. Le classi potranno infatti usufruire di due nuove sale didattiche affiancate, che favoriranno l’accoglienza e consentiranno una più coerente organizzazione delle attività. Federica FranzosoMarilena Varotto8OFFERTA DIDATTICA: L’offerta didattica si articola in due diverse tipologie di intervento, itinerari e laboratori, progettati in modo da adattarsi ad ogni fascia d’età. Gli itinerari sono delle vere e proprie visite guidate interattive che permettono di approfondire uno specifico tema o soggetto: i ragazzi vengono coinvolti direttamente dall’operatore, che non ha il semplice compito di “spiegare” o “raccontare”, quanto piuttosto quello di indurre il giovane utente a trarre “da solo” le informazioni dagli oggetti analizzati, sfruttando le potenzialità comunicative proprie delle opere d’arte. I laboratori propongono invece una metodologia fondata sulla sperimentazione pratica e manuale, offrendo agli studenti la possibilità di approfondire, in un contesto coinvolgente, ciò che hanno appreso dai libri. I laboratori, oltre a rappresentare per i ragazzi un momento creativo e stimolante, permettono una comprensione più completa e approfondita delle opere esposte nel museo. Quando possibile, si consiglia di abbinare l’itinerario al laboratorio tematico corrispondente. Entrambi, infatti, costituiscono due fasi utili per consolidare una formazione completa: il primo ha il compito di trasmettere ai ragazzi le conoscenze teoriche di base che permettono di affrontare al meglio la parte pratica, mentre il secondo serve a fissare in modo approfondito e a consolidare i concetti appresi durante l’itinerario.9PRENOTAZIONI: La prenotazione può essere effettuata nei seguenti modi: - telefonando al numero 049 2010215, attivo da lunedì a venerdì dalle 9 alle 17; - inviando una mail all’indirizzo didatticatelerete@gmail.com - compilando il modulo online https://is.gd/didatticaDURATA DEI PERCORSI: Itinerari: 1 ora e 30 minuti Laboratori: 1 ora e 45 minuti La durata è diversa in alcuni casi segnalati.COSTI: Itinerari: 65 euro Laboratori: 75 euro Il costo è diverso in alcuni casi segnalati.Costi aggiuntivi: È previsto il pagamento di 1 euro ad alunno per la prenotazione, più il biglietto d’ingresso nelle diverse sedi museali: - 1 euro ad alunno per: Musei Civici agli Eremitani, Palazzo Zuckermann, Museo del Risorgimento e dell’Età Contemporanea, Stabilimento Pedrocchi, Odeo e Loggia Cornaro, Palazzo della Ragione, Casa del Petrarca - 1.50 euro ad alunno per: Battistero del Duomo - 2.50 euro per: Oratorio di San Giorgio Per la Cappella degli Scrovegni: - 1 euro ad alunno (per le scuole di Padova e provincia) - 5 euro ad alunno (per le scuole fuori provincia) 10IMPORTANTE: Per ridurre i tempi dell’accoglienza si suggerisce agli insegnanti di far portare agli alunni marsupi anziché zaini. Se nella classe è presente un alunno con disabilità, si prega di comunicarlo al momento della prenotazione per verificare l’agibilità della sede richiesta e per usufruire delle agevolazioni disponibili.11PERCORSI DISPONIBILI 1. Archeologia e storia antica 2. Arte medievale e moderna 3. Numismatica 4. In cittĂ e nel territorio 5. Arte contemporaneaI M PA R A IL MUSEOARCHEOLOGIA E STORIA ANTICA SEZIONE 1MUSEO ARCHEOLOGICO Musei Civici agli EremitaniITINERARI: 1M. I Veneti antichi: storia di fiumi, uomini, cavalliAttraverso questo itinerario i ragazzi verranno guidati alla scoperta dei nostri antenati, i Veneti antichi: grazie ai numerosi e significativi reperti provenienti da Padova e dal suo territorio, si comprenderà come l’archeologia sia riuscita a ricostruire, a partire dalla figura mitica di Antenore, la storia più antica e la cultura della nostra città e regione. Il percorso si concluderà con un’entusiasmante esperienza tattile, a diretto contatto con alcuni oggetti degli antichi Veneti.2M. Toccar con mano i Veneti antichi – itinerario per ipovedentiQuesta proposta didattica sperimentale offre l’opportunità anche agli alunni non vedenti o ipovedenti di scoprire i reperti conservati nelle vetrine della sala dedicata ai Veneti antichi: con l’aiuto di un operatore esperto e grazie a strumenti didattici quali un testo in Braille, tavole illustrative in rilievo e riproduzioni a grandezza naturale di alcuni reperti, i ragazzi potranno conoscere, a partire dalla figura mitica di Antenore, la storia più antica e la cultura della nostra città e regione. Nota: il percorso dura 2 ore ed è completamente gratuito.3M. Padova romana: strade, colonne, mosaiciIn questo percorso l’operatore didattico condurrà i ragazzi a riscoprire la città antica attraverso reperti che illustrano come era Patavium nel momento del suo massimo splendore: una ricca città dotata di un foro, di un porto, di edifici di spettacolo e di mercati coperti. Inoltre, i ragazzi potranno conoscere gli 14aspetti più significativi della vita quotidiana di duemila anni fa, anche attraverso le iscrizioni presenti nei numerosissimi monumenti funerari provenienti dalle necropoli.4M. Dalle Collezioni archeologiche al Museo della città di PadovaL’itinerario si svolge attraverso le sale e i chiostri dei Musei Civici ed è mirato alla ricostruzione degli eventi che portarono alla costituzione della sezione archeologica, avvenuta grazie all’acquisizione di collezioni private, pubbliche e dei reperti provenienti dagli scavi condotti a Padova e nel suo territorio. Tenuto conto dei molteplici spunti di carattere storico-archeologico che si possono trarre dai numerosi materiali esposti, si potranno concordare coi docenti itinerari personalizzati in base al programma già affrontato in classe.66M. Passeggiando alla scoperta della città nascostaÈ nota da tempo la centralità della ricchissima Patavium nelle vicende politiche, economiche e culturali che caratterizzarono la Venetia e l’Impero e, tuttavia, quasi nulla è visibile dell’antica città agli occhi degli abitanti e dei visitatori. La tecnologia consente oggi di ricostruire virtualmente in 3D quanto i dati di scavo restituiscono agli specialisti, rivelando al pubblico le splendide vestigia della città romana. Gli alunni avranno dunque modo, in Museo, di essere introdotti alla scoperta dell’antica città e, attraverso un innovativo virtual tour, ne conosceranno le aree più significative, come quella dell’anfiteatro, del foro e del teatro. Luoghi, questi, di cui ritroveranno poi le tracce passeggiando lungo l’antico tracciato della via Annia, a partire dall’Arena romana sino a Prato della Valle. Nota: itinerario della durata di 2 ore. Costo: 75 euro.15LABORATORI: 5M. Con le tessere di un mosaicoL’obiettivo di questo laboratorio è quello di ripercorrere le tappe salienti che portarono alla nascita e allo sviluppo della tecnica musiva che, soprattutto in epoca romana, permise alle maestranze di realizzare vere e proprie opere d’arte ancora oggi ammirabili anche presso i Musei Civici agli Eremitani. Ogni alunno si cimenterà nella realizzazione di un piccolo mosaico con raffigurazione geometrica, a partire dallo schizzo preliminare sino alla selezione delle tessere policrome in pasta vitrea e al loro allettamento su di un supporto in legno appositamente preparato. Si consiglia di abbinare questo laboratorio all’itinerario “Padova romana: strade, colonne, mosaici” (3M).61M. Dallo scavo alla vetrinaGli alunni potranno mettersi nei panni di esperti archeologi scavando, all’interno di un box ligneo appositamente attrezzato, le tracce degli antichi Veneti e Romani. Sarà possibile concordare con l’insegnante uno dei due percorsi proposti: 1) Lo scavo di un abitato in cui i ragazzi troveranno, a partire dagli strati più superficiali, prima i resti di un edificio rinascimentale e poi quelli delle case romane e protostoriche. Nei diversi strati l’operatore avrà infatti nascosto frammenti ceramici originali, associati a tessere di mosaico, ossa e gusci di animali, semi e frustoli carboniosi che aiuteranno i ragazzi a stabilire le diverse cronologie. 2) Lo scavo di una necropoli in cui i ragazzi potranno scavare un ossuario e, in base alla quantità di ossa rinvenute e ai diversi elementi del corredo personale, saranno in grado di definire il sesso e l’età del defunto e ricostruire l’epoca della sepoltura. 16In entrambi i percorsi proposti gli alunni apprenderanno, divertendosi, molti aspetti interessanti della cultura dei Veneti antichi e dei Romani.62M. Alla scoperta di una “Arena medievale”Il laboratorio si divide in due fasi, una teorica e una pratica. Nella prima parte, una presentazione in PowerPoint sarà finalizzata alla comprensione dei diversi cambiamenti che hanno interessato l’Arena romana a partire dalla tarda antichità, nonché all’analisi delle vicissitudini che l’hanno contraddistinta in età moderna. Successivamente, i ragazzi avranno la possibilità di sperimentare la tecnica del reimpiego grazie alla costruzione di un modellino in muratura realizzato con materiali di diversa tipologia.17ARTE MEDIEVALE E MODERNA SEZIONE 2PINACOTECAMusei Civici agli EremitaniITINERARI: 6M. Dagli Angeli di Guariento alla “Madonna nel giardino”. Iconografia sacra nei dipinti della PinacotecaL’operatore didattico guiderà i ragazzi alla scoperta di figure angeliche, rappresentazioni della Madonna e immagini di santi, in un gioco di ricerca e lettura delle particolari connotazioni simboliche di ognuno. Attraverso un’attenta analisi degli elementi figurativi e degli attributi, gli alunni saranno invitati a riconoscere e interpretare da soli le varie immagini. Da Guariento a Romanino, si potrà comprendere l’evoluzione della rappresentazione delle figure sacre, dall’elegante raffinatezza gotica al naturalismo più umano e terreno proprio della pittura del Cinquecento.8M. La nascita del paesaggio: realtà, natura e spazio tra Medioevo e RinascimentoIl percorso si svilupperà attraverso l’analisi di nove opere esposte in Pinacoteca, a partire dalla Croce di Giotto e da un Angelo di Guariento fino alle tele di Giorgione e Domenico Campagnola. Attraverso la descrizione dei dipinti i ragazzi potranno seguire l’evoluzione del paesaggio nell’arco di circa due secoli. In particolare, si porrà l’accento sul significativo passaggio dal Medioevo, dove il paesaggio, simbolico, faceva da sfondo a scene religiose, al Rinascimento, periodo in cui la raffigurazione paesaggistica acquisì sempre maggiore importanza fino a diventare l’ambiente di scene mitologiche o cavalleresche.1910M. Il mondo femminile: l’immagine, le idee, il ruolo socialeAttraversando le sale della Pinacoteca i ragazzi vedranno raffigurate nei dipinti donne diverse: pittrici, merlettaie, imperatrici, studentesse. Si verrà così a conoscenza delle avventure loro e dei personaggi che le hanno seguite nell’apprendimento. Non si mancherà di osservare come l’ideale della bellezza femminile sia cambiato attraverso i secoli e come la rappresentazione della donna risponda al mutamento del gusto e del pensiero estetico del proprio tempo. Si potrà infine confrontare la donna del passato con quella di oggi.60M. SELFIE! Storie di ritratti e autoritrattiQuesto itinerario ha l’obiettivo di mettere in relazione gli alunni con il tema della rappresentazione della figura umana nello spazio e nel tempo. Ritratto, autoritratto, figura intera e ritratti di famiglia documentano lo status economico e la posizione sociale dei soggetti raffigurati. Gli alunni dovranno aguzzare la vista e l’ingegno, fare attenzione ai dettagli, all’espressività e all’abbigliamento dei personaggi per scoprire l’importanza che questi aspetti rivestivano – e rivestono tuttora – nella ritrattistica e nella funzione comunicativa. In chiusura del percorso, ogni ragazzo potrà scattarsi un selfie ispirandosi ad uno dei ritratti, da elaborare poi in classe secondo la propria creatività.63M. Racconto, leggenda, narrazione: il mitoLe opere selezionate hanno l’obiettivo di mettere in relazione gli alunni con l’affascinante universo dei miti e degli eroi: dietro a ciascuno di essi, infatti, si celano infinite sfumature e nessi di carattere letterario, mitologico e storico. I soggetti raffigurati nei dipinti, le analogie tra gli dei, gli esseri umani e la natura non finiranno di stupire e di sorprendere per la varietà 20delle immagini e la molteplicità dei significati che possono essere svelati: riconoscere gli attributi che caratterizzano i personaggi raffigurati, rivelarne i nomi e il ruolo nel racconto è sempre curioso e alquanto stimolante per l’immaginazione dei ragazzi.LABORATORI: 7M. Impariamo da Guariento a dipingere un angeloIl laboratorio è studiato per permettere agli alunni di cimentarsi con l’antica tecnica della pittura su tavola, ispirandosi a una delle più suggestive opere dei Musei Civici: un Angelo proveniente dalla straordinaria schiera che Guariento dipinse per decorare la cappella segreta della Reggia Carrarese. L’attività si svolgerà in due momenti: una prima parte teorica, durante la quale l’operatore spiegherà dettagliatamente le varie fasi della tecnica – dalla preparazione del supporto all’uso dei pigmenti – e una parte pratica, in cui i ragazzi realizzeranno la loro copia del dipinto. Si consiglia di abbinare questo laboratorio all’itinerario “Dagli angeli di Guariento alla Madonna nel giardino. Iconografia sacra nei dipinti della Pinacoteca” (6M).21MUSEO DI ARTI APPLICATE E DECORATIVE Palazzo ZuckermannITINERARI: 13M. La moda del Settecento e dell’Ottocento nel Museo di Arti Applicate e DecorativeQuesto percorso didattico si propone di introdurre i ragazzi all’affascinante mondo della moda e del costume del diciottesimo e del diciannovesimo secolo, coinvolgendoli attivamente nella ricerca di abiti e accessori. Dopo una breve introduzione storica, verranno presi in considerazione un abito maschile del Settecento e uno femminile dell’Ottocento e ad essi verranno collegati accessori d’epoca di uso quotidiano. Sarà una sorpresa scoprire l’uso maschile di raffinati gilet e marsine di seta decorati con oro e fiori multicolori e impreziositi da bottoni-gioiello, ma lo sarà altrettanto notare il colore scuro dell’abito femminile, molto diverso da quelli chiari e vivaci presenti nei quadri del secolo precedente.22NUMISMATICA SEZIONE 3MUSEO BOTTACIN Palazzo ZuckermannITINERARI: 14M. La lunga storia della moneta dalla sua nascita all’euroAllo scopo di comprendere il valore della moneta nella nostra quotidianità e le ragioni che hanno portato i nostri antenati a dotarsi di uno strumento di così grande importanza, i ragazzi ripercorreranno le tappe della sua storia dalla nascita all’inizio del VI secolo a.C. fino all’introduzione dell’euro. Leggendo le monete originali della ricca collezione numismatica del Museo Bottacin, coinvolti in un avvincente gioco di ricerca di indizi, ricostruiranno il percorso storico di questo piccolo ma potente mezzo di scambio.LABORATORI: 17M. Coniamo una monetaAttraverso semplici strumenti e oggetti di uso quotidiano, i ragazzi verranno guidati all’apprendimento dell’arte dell’incisione, della fusione e della coniazione arrivando a progettare, disegnare, incidere e realizzare la loro personale moneta. Grazie a illustrazioni, miniature e video, il laboratorio sarà arricchito dalla scoperta dell’ambiente delle officine monetali moderne e medievali, ma anche delle zecche del mondo greco e romano, scoprendone il funzionamento pratico e giuridico. Si consiglia di abbinare questo laboratorio all’itinerario “La lunga storia della moneta dalla sua nascita all’euro” (14M). 24IN CITTÀ E NEL TERRITORIO SEZIONE 4ITINERARI: 18M. La Cappella degli ScrovegniGli splendidi affreschi della Cappella degli Scrovegni saranno al centro di ques
Related Search
Similar documents
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks