LA LAVAGNA - giornalino scolastico dell'IC Terzo Gadda - Quarto (NA)

69 pages
0 views
of 69
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
La lavagna METTIAMO BIANCO SU NERO!La redazionePag.1L’accoglienzaPag.2Open dayPag.3EventiPag.6Uscite sul territorioPag. 34Le…
Transcript
La lavagna METTIAMO BIANCO SU NERO!La redazionePag.1L’accoglienzaPag.2Open dayPag.3EventiPag.6Uscite sul territorioPag. 34Le intervistePag.48Dai nostri quaderniPag. 61L’editorialeLa lavagna, il giornalino scolastico dell’I.C. 3°Gadda di Quarto, è alla sua prima edizione in formato online e rappresenta il prodotto finale del Progetto “Giornalino”, previsto dal PTOF per l’anno scolastico in corso. La testata fa esplicito riferimento ad uno dei mezzi più utiutilizzati in classe dagli insegnanti per illustrare le proprie spiegazioni alla classe e dagli studenti per scrivere durante le interrogazioni. Il nostro giornalino nasce dalla necessità, da parte degli alunni, di avere uno strumento rappresentativo che possa far conoscere, anche fuori dalle mura scolastiche, le molteplici esperienze educativo-didattiche vissute e condivise durante l’intero anno. La produzione del giornalino vuole, inoltre, stimolare negli alunni il piacere della lettura, della scrittura e favorire la cooperazione e lo scambio di esperienze tra docenti e discenti.Cara lavagna, abbiamo voluto dedicare la nostra nuova testata giornalistica a te! Tu, presenza silenziosa e rassicurante, ci dai il buongiorno ogni mattina. Con pazienza certosina accogli sulle tue infinite pagine i segni della nostra vita di classe. Su di te prendono forma i pensieri più istintivi, le dediche e gli sberleffi, i disegni eccentrici e dilettanteschi , le mappe concettuali più aggrovigliate, le esemplificazioni dei concetti complicati. Segni fugaci, evanescenti, tracciati da gessetti consumati e destinati a perire a colpi di cassino. Ma proprio questo ci piace di te! La libertà espressiva che ci concedi… E la possibilità di poter, ogni volta, confutare, destrutturare, reinventare i nostri pensieri. Se il nero su bianco è struttura che resta, il bianco sul nero è espressione creativa!La Redazione La RedazioneLa lavagnaPagina 2L’accoglienza v Il giorno 14 settembre 2018, nella palestra esterna della scuola Gadda ha avuto luogo l’ accoglienza per i ragazzi di prima. Alle ore 10:00 i nuovi alunni si sono riuniti nella palestra, dove sono stati accolti da diversi brani cantati dal “Coro canto libero” diretto dal professore Antonio Ferrigno. La manifestazione è stata piena di allegria, tra suoni, canti e...palloncini colorati. Dopo l’esibizione del coro, il Dirigente della scuola, Antonio Maiorano ha salutato i genitori, illustrando le proposte didattiche dell’istituto e i cambia-La lavagnamenti cui andranno incontro i giovani alunni, nel passaggio dalla scuola primaria, alla secondaria di primo grado. Successivamente il sindaco di Quarto, Antonio Sabino, ha tenuto due discorsi per presentare la scuola e per incoraggiare le nuove classi prime. I ragazzi, poi, sono stati divisi nelle loro nuove classi ed accolti dagli insegnanti, dal professore Salvatore Santoro e dalla professoressa e vicepreside, Nunzia Argento.Serena Ruggiero 3 °BPagina 3L’ open day Il giorno sabato 15 dicembre 2018 , dalle ore 11.00 alle ore 13 .00 si è svolto l’ Open Day della scuola secondaria di primo grado IC 3° Gadda di Quarto, durante il quale nelle aule scolastiche sono stati esposti e venduti i lavori artistici creati dai ragazzi delle varie sezioni. I genitori sono stati tutti invitati a partecipare all’ evento in cui c’è stata anche l’ esibizione canora del Coro “Canto libero” e di un gruppo di suonatori di diamonica diretti dal professor Ferrigno. La partecipazione è stata numerosa e molti genitori hanno gradito lo spettacolo del coro e anche le creazioni dei ragazzi. Nelle varie classi sono stati allestiti i banchi con le varie creazioni che erano a tema natalizio. I ragazzi delle classi hanno venduto gnomi di carta di vari colori, matite rivestite di gomitoli di lana, decorazioni di Natale di carta gommata e palline fatte di das. Inoltre grande successo hanno riscosso i dipinti delle classi terze. Giuseppe Apolito 1°G Mattia Montuori 1°DLa lavagnaPagina 4OPEN DAY SCUOLA PRIMARIAAnche quest’anno, il 15 dicembre,alla scuola San Gaetano si è svolto l’Open Day e tutti gli alunni si sono impegnati in varie attività e progetti. Il tema di quest’anno era “La legalità mette radici” e ogni classe ha mostrato i suoi lavori agli ospiti. Le classi prime hanno lavorato ad un progetto sul rispetto delle regole “Insieme si sta bene”. Le classi seconde si sono occupate del riciclo mostrando anche dei lavori con oggetti riciclati “Dire, fare, creare…impariamo a riciclare”. Le classi terze hanno presentato un progetto sul benessere fisico”E vissero sani e contenti”. Le classi quarte hanno realizzato canti e lavori contro il bullismo: lo slogan era” “Stop bullingnow… all together wow! “ Infine le classi quinte hanno presentato un progetto per riflettere sui diritti dell’ infanzia” Vogliamo un mondo diritto, diritto “. Inoltre c’è stata un’ esibizione del coro” Canto libero “ diretto dal prof. Ferrigno. Aurora Pepe 4°ELa lavagnaPagina 5Eventi ...il bookMobVenerdí 26 ottobre, alle ore 11,30 i piccoli alunni dell'infanzia, gli alunni delle quinte della primaria e quelli delle prime della secondaria di primo grado si sono riuniti presso l'atrio dell'I.C 3°Gadda per dar vita al BookMob. Tutti gli allievi, disposti in cerchio, hanno preso parte ad una catena di libri impacchettati, che passavano di mano in mano, a ritmo di musica, prima di finire nelle mani del fortunato destinatario. Allo scadere delle note, il pacco ricevuto é stato aperto ed ognuno ha portato a casa un libro. In contemporanea, altri alunni della secondaria di primo grado, hanno organizzato il bookmob all'interno della palestra del plesso Gadda. Quest’esperienza è stata utile ed entusiasmante. Ha saziato i ragazzi affamati di libri e ha stuzzicato l’appetito di quelli che non avevano ancora assaporato il gusto della lettura. Cecilia Ferrara 5°E Sabrina Mormone 1°E...Ma che cos’è un bookMob?Un bookmob è un evento flash che può essere organizzato da scuole o associazioni. Dura pochi minuti, circa due. L’obiettivo? La condivisione gratuita di libri. Ogni libro viene incartato come un regalo e nel giro di quella manciata di minuti avviene lo scambio dei pacchetti e ogni partecipante si ritrova in mano un nuovo libro. COSA FARE PER PARTECIPARE AD UN BOOKMOB? Scegliere un libro e incartarloPresentarsi al luogo dell’incontro all’orario indicatoAl “via” scambiare il proprio pacchetto con quello di un altroScoprire che libro c’è nel pacchetto che hai ricevutoLa lavagnaPagina 6Eventi…Nati per leggere Nati per leggereCONCORSO NAZIONALE PER LA SCUOLA DELL’INFANZIAMamme e nonni leggono per i bambini 9 libri indicati dall’organizzazione nazionale. Terminate le letture, i piccoli scelgono il loro libro preferito attraverso il voto.Dopo le stelle e i bambini, ciò che c’è di più bello al mondo è un libro! Fabrizio Caramagna, scrittore.La lavagnaPagina 7Eventi ... La terra vista dallo spazio appare come un’ enorme sfera di colore azzurro perché il 71% della terra è costituito d’acqua. Meno del 1% è disponibile per l’uomo. Ma dividere questo 1% per tutti i bisogni dell’uomo in campo agricolo, domestico e industriale risulta molto difficile. Come si potrebbe riuscire nell’intento di risparmiare acqua? Innanzitutto l’uomo dovrebbe ridurre i consumi, poi dovrebbe distribuire migliaia di litri d’acqua in zone deserte. Per risparmiare acqua si potrebbe iniziare da piccole azioni quotidiane da compiere a scuola o a casa. L’ acqua è anche chiamata oro blu, quindi trattiamola come se fosse oro.L’ acqua è...I ragazzi della 2°D, guidati dalla prof.ssa Palmira Fazio, hanno organizzato un evento che ha visto protagonista assoluta l’acqua , presentando le sue caratteristiche chimiche e fisiche, il ciclo dell’acqua, l’acqua come fonte di energia rinnovabile e i suoi utilizzi. Gli alunni hanno curato ogni dettaglio dell’evento: dalla realizzazione della brochure che presentava il seminario, alle riprese video. I giovani relatori hanno abilmente presentato l’argomento mettendo in evidenza che l’acqua è l’elemento naturale più diffuso sulla superficie terrestre, una risorsa preziosa per tutti gli esseri viventi e non va assolutamente sprecata. Gli alunni della 2°D Disegno realizzato da Francesco Bravaccino della 2°DGiuseppe Dell’Annunziata 1°B Luca Orlando 1°B Luigi Pugliese 1°B Lavoro realizzato dagli alunni della 4°CLa lavagnaPagina 8...una risorsa preziosaACQUA, RISORSA PREZIOSA “ SLOGAN BAGNATI, SLOGAN FORTUNATI!” Se l’acqua devi usare… neanche una goccia devi sprecare!Nella vasca mi sono lavato: quanta acqua ho consumato!Pensi che l’acqua sia infinita ?! ...Fallla finita!Scordare i rubinetti aperti è “roba da inetti”!Senz’acqua non ci sarebbe vita! … Vorrei una bottiglia infinitaaaaaaaaaa !!!!!!!!I ballons sono stati realizzati da Eros Bello e dagli alunni della 4°CLa lavagnaPagina 9“IDRO” IL RE DELL’ACQUA Il giorno 22 marzo 2019, la classe 5°E della scuola S.Gaetano, a Quarto ha preparato una recita per i bambini della scuola dell’infanzia. Il teatro era occupato dai bambini che hanno messo in scena una storia sull’acqua. Il protagonista di questa storia era Idro, il re dell’acqua che fa di tutto per salvare il proprio regno. I ragazzi hanno voluto drammatizzare un tema molto importante per far capire ai bambini piccoli che l’acqua non va sprecata poiché ci sono spesso persone che non hanno la fortuna di averla, e noi che l’abbiamo dobbiamo usarla adeguatamente. E mi raccomando anche a voi che state leggendo, non sprecate l’acqua, Così salveremo il mondo! Cecilia Ferrara 5°E Vittoria Trirocco 5°ENella foto laterale: gli alunni della primaria durante le prove della rappresentazione teatrale dedicata al re Idro.La lavagnaPagina 10Eventi ... Quest’anno le classi seconde dell’Istituto hanno partecipato al concorso “ La pagina che non c’era”, un progetto volto a sensibilizzare i giovani all’amore per la scrittura. A noi studenti è stato chiesto di aggiungere una pagina, quella che non c’era , in un punto qualsiasi di un romanzo scelto dagli organizzatori del concorso, imitandone lo stile e mimetizzandosi nell’opera. Quest’anno il libro selezionato si intitola “Un ragazzo normale” , di Lorenzo Marone, ambientato proprio qui a Napoli, cosa che ci Quest’anno si è ha aiutato molto a immedesimarci giunti alla VI nel racconto. Con edizione per la l’aiuto e i consigli dei professori, scuola ci siamo impesecondaria di gnati tutti per primo grado scrivere una pagina che rispecchiasse non solo il romanzo, ma in parte noi stessi. Alcuni di noi hanno anche avuto la possibilità di conoscere l’ autore e di porgli qualche domanda soddisfacendo così le proprie curiosità.La pagina che non c’era...Ma che cos’è La pagina che non c’era? E’ un concorso di scrittura per gli studenti della scuola secondaria di primo e di secondo grado. Dopo aver incontrato l’autore, i ragazzi scrivono una pagina di uno dei libri in concorso, imitandone lo stile e facendo in modo che la pagina si “mimetizzi” perfettamente tra tutte le altre del libro.Giulia Cantalice 2°DNella foto lo scrittore Lorenzo Marone e i nostri alunni della secondaria di primo grado.La lavagnaPagina 11Eventi ...a bordo dell’Amerigo VespucciAlla fine di settembre siamo andati a visitare il veliero Amerigo Vespucci, che quest’anno ha compiuto 88 anni. Il Vespucci, ormeggiato nel porto di Napoli dal 26 al 29 settembre è, un veliero a tre alberi ed è interamente fatto in legno, perfettamente lucidato ogni mattina. La nave, costruita nel cantiere navale di Castellammare di Stabia nel 1930 con materiale vegetale, ha un equipaggio di 300 allievi ufficiali ed è considerata una delle navi più belle del mondo. I pomelli delle porte erano rivestiti in oro e ha una stanza dove si trovavano i timoni dove nessuno poteva accedere, tranne gli addetti ai lavori. La nave attracca a Napoli ogni dieci anni e fa il giro di tutta l’Italia, sostando ogni notte in un porto diverso. Antonio Buonanno2°B Francesco Salatiello 2°BLa lavagnaPagina 12Storia: Che cos’è l’Amerigo Vespucci? La decisione di costruire L’Amerigo Vespucci venne assunta nel 1925 da Francesco Rotondi. Il 22 Febbraio del 1931 fu varata la nave-scuola a Castellammare di Stabia, ed è stata l'unica nave militare italiana dal 1946 al 1952 il cui scopo era quello di addestrare i futuri militari. Questa nave scuola si è recata in Nord Europa 37 volte, 20 in Mediterraneo, 4 in Atlantico Orientale, 7 in Nord America, 1 in Sud America circumnavigando l’intero Globo. Domenico Esposito 1°BLa lavagnaPagina 13Eventi …A lezione di sax e chitarraIl 10 dicembre gli alunni delle classi 1°B e 1°D del plesso Gadda, hanno preso parte ad una lezione di sax soprano e di chitarra tenuta da due musicisti professionisti, Gianfranco Brundo e Nicola Oteri, Maestri del Conservatorio di Messina “ Arcangelo Corelli”. L’evento è stato organizzato dalla prof.ssa Daniela Lai. Noi alunni, con tutti gli insegnanti, abbiaabbiamo assistito ad un vero e proprio concerto, in cui un Maestro suonava la chitarra classica ed un altro Maestro suonava il sax soprano. Siamo rimasti veramente affascinati ed estasiati dal quell'esibizione. I due musicisti hanno avuto anche la pazienza di spiegarci come funzionassero i due strumenti. Nel pomeriggio, inoltre, i due Maestri hanno tenuto un concerto nell’aula Impastato con il patrocinio del Comune di Quarto e hanno continuato a deliziarci con la loro musica. Questo incontro è stato molto importante per noi ragazzi, perché abbiamo potuto vedere due persone con una grande passione e soprattutto innamorate della musica! Luigi Pugliese 1°BNella foto: i Maestri G.Brundo e N.Oteri.La lavagnaPagina 14Eventi …Quarto in luceIl 15 dicembre , in occasione dei settant’anni del Comune di Quarto , si è tenuto dalle ore 17:00 alle ore 20:00 nella villa comunale “Papa Giovanni II” il progetto di valorizzazione culturale e di promozione dell’ area archeologica flegrea, con il coinvolgimento del Comune dei Quarto, dell’Assessorato agli Eventi e di tutti i plessi scolastici del territorio. A presentare la serata c’è stato il giornalista Franco di Mare, autore e conduttore della trasmissione televisiva Uno Mattina. In rappresentanza della nostra scuola I.C. terzo Gadda ,era presente il Coro Canto Libero diretto dal professore Antonio Ferrigno , la vice-preside Nunzia Argento , il preside Antonio Maiorano e i docenti dell’istituto . Anche nei giorni precedenti si erano tenuti una serie di eventi dedicati ai cittadini di Quarto e alle sue meraviglie archeologiche. Nel quindicesimo giorno di dicembre, in quella serata di gelo ed ascoltare le voci bianche dei piccoli quartesi ,era presente anche il Presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, il Sindaco Antonio Sabino, l’assessore Vincenzo Biondi. Dopo canti e festeggiamenti il sindaco ha colto l’ occasione per augurare un buon Natale a tutti i cittadini . Arianna Flaminio 3°ALa lavagnaPagina 15Eventi ...Ricordando la ShoahIncontro con Tullio Foà Il giorno 11 febbraio 2019, presso il teatro Corona di Quarto, alcune classi della scuola media Carlo Emilio Gadda, insieme ad altre classi delle scuole elementari, hanno assistito e partecipato ad una manifestazione dedicata alla ‘giornata della memoria’ in commemorazione dell’Olocausto. Per questa occasione, la scolaresca è stata invitata ad un incontro con il Sig.Tullio Foà, un membro della comunità ebraica napoletana, che ha vissuto sulla sua pelle la discriminazione a causa delle leggi razziali entrate in vigore, in Italia, nel 1938. E’ stata una manifestazione molto importante e toccante a cui hanno preso parte, oltre al Dirigente, Antonio Maiorano, anche i professori ed il sindaco di Quarto, Antonio Sabino. Dopo che le classi si sono sistemate nelle loro poltrone, le tende del palco si sono aperte e il Coro Canto Libero, vestito di nero con una stella di David sul petto, ha dato il via La lavagnaalla manifestazione. L’ospite d’onore si presenta come un giovanotto di 82 anni ,vestito con un completo formale e un paio di occhiali, i quali non nascondo gli occhi azzurri, che riflettono grinta e voglia di raccontare. Un uomo di gran cuore, testimone del periodo più brutto della storia. Quando comincia a raccontare della propria vita, si percepisce tutto il grande dolore nell’essere discriminato. Inizia la sua testimonianza con il ricordo dell’ introduzione delle leggi razziali, quando la vita di tutti gli Ebrei cambiò radicalmente. Una mattina come tante, Tullio Foà, ancora studente, toccò con mano cosa significasse cambiare vita, senza un motivo realmente comprensibile: gli fu negato di entrare a scuola dal cancello principale, insieme agli altri compagni. A lui ed altri Ebrei fu ‘riservato’ l’ ingresso da un cancello secondario; fu inoltre inserito in una classe di solo studenti Ebrei con i quali entrava alezione 15 minuti prima di tutti gli altri ed usciva, sempre dallo stesso cancello, 15 dopo tutti gli alunni delle altre classi . Il tema della scuola negata ai bambini Ebrei è stato il filo conduttore del discorso di Foà, il quale ha sottolineato l’importanza della scuola per sviluppare, nei giovani, il senso di umanità e di rispetto per l’altro affinché l’orrore del passato non si ripeta in futuro, utilizzando esempi di vita attuale, come gli insulto agli atleti di colore che si vedono vergognosamente così spesso nei nostri stadi e più semplicemente facendo riferimento agli insulti fatti sul web o tra compagni di classe. I suggerimenti dati da Foà sono stati di grande effetto perché accompagnati da un racconto commovente che deve insegnare a tutti ad apprezzare ciò che abbiamo, soprattutto la famiglia . A lui fu sottratto l’ affetto del padre, dipendente bancario che dopo le leggi razziali, venne licenziato e partì alla conquista dell’ Etiopia, quindi lasciò a casa moglie e figli. La mamma si impegnò con tutte le sue forze per mandare avanti la famiglia e per non essere catturata dai nazisti. Resteranno nel cuore di tutti le parole che Tullio Foà ha pronunciato in onore dell’ uguaglianza e del rispetto per il prossimo, sperando che questo sia un faro per noi per cominciare a rispettare tutti. Non insultare o emarginare nessuno sarebbe un bel modo per dire a Tullio Foà che tutti noi siamo con lui. Francesca Brandi 3°D Francesco Abbate 3°C Fabio De Fraia 3°CPagina 16Eventi ...Ricordando la ShoahCoro Canto Libero, diretto dal prof. FerrignoLa lavagnaPagina 17Eventi ...Ricordando la ShoahLa memoria del maleLa giornata della memoria ci ricorda una gran brutta storia, quella di un popolo sterminato il cui diritto fu calpestato. Shoah vuol dire ‘tempesta devastante’ perché di vittime ce ne furono davvero tante. Più di sei milioni furono uccisi e spenti, per sempre, i loro sorrisi. L’ONU ha stabilito che bisogna ricordare il 27 gennaio ‘per non dimenticare’. Il cancello di Auschwitz fu abbattuto e questo grande crimine fu riconosciuto. La memoria del male deve cambiare l’umanità e in tutto il mondo deve regnare solo la lealtà. Laura Verde 2°DDisegno realizzato dalle classi IV e V dell’Istituto Froebel di Quarto, vincitrici del primo premio del concorso “Ricordando la Shoah”, indetto dalla nostra scuola.La lavagnaPagina 18Eventi ...Ricordando la ShoahPREMIO “ NarrAzione” del liceo “ A.Pansini” di Napoli 1°PREMIO: Francesca Moretti 3°EDisegno realizzato dagli alunni della 3°E, guidati dalla prof.ssa F.Mazzei durante l’incontro per la commemorazione della Shoah presso la Scuola P.Gobetti.La lavagnaPagina 19Eventi ...Allo stadio San PaoloLa gioia è iniziata quando mi è stato detto che ero stata sorteggiata per andare allo stadio San Paolo per assistere alla partita Napoli – Frosinone. Sabato 8 dicembre ho avuto l’ opportunità di vedere lo stadio dall’interno , inizialmente vuoto, ma poi riempito dal popolo napoletano. Io ero seduta nel reparto distinti ed è stato emozionante poter vedere da vicino le due curve piene di persone che con le bandiere alla mano e i loro canti hanno creato un’atmosfera indescrivibile accompagnata da una bellissima giornata di sole. Ammirare dal vivo a calciato
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks