LA STORIA SIAMO NOI. a cura di Felice Bifulco

44 pages
20 views
of 44
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
LA STORIA SIAMO NOI a cura di Felice Bifulco 3 4 EDILI I lavoratori edili sono presenti nella storia d Italia, a partire dal 1860, con una società di operai scalpellini e con un forte sciopero
Transcript
LA STORIA SIAMO NOI a cura di Felice Bifulco 3 4 EDILI I lavoratori edili sono presenti nella storia d Italia, a partire dal 1860, con una società di operai scalpellini e con un forte sciopero la cui cronaca segnalava feriti ed arresti ma anche un notevole successo. È poi del 1861 la fondazione di una Società di Fratellanza. Il 1884 rappresenta una data importante perché nasce l organizzazione sindacale di categoria degli edili con il passaggio dal mutuo soccorso al miglioramento e alla resistenza. Due anni dopo la categoria così organizzata si riuniva per il primo Congresso a Genova. Seguiranno anni in cui questa presenza si esprimerà anche attraverso una serie di congressi che toccheranno importanti città del Nord, in cui la categoria fu più presente: a Milano nel 1897, a Reggio Emilia nel 1893, e infine nel 1898 a Brescia. Da questo congresso, lo scioglimento e poi la ricostruzione. La ricostruzione dell organizzazione sindacale avvenuta formalmente nel 1899, segna un passaggio fondamentale. Infatti, la Federazione Italiana per gli Addetti all Arte Edilizia, poi Federazione Italiana Operai Edili, si dota di uno Statuto che ne esprime le volontà politiche e organizzative, qualificandosi non come Federazione di mestiere ma di più categorie. La nascita delle prime organizzazioni era stata caratterizzata dall egida del Partito Operaio Italiano e poi dal Partito Socialista. Ma a mano a mano che l organizzazione si espande e si rafforza, la distanza fra il tratto ideologico della prima fase e l esigenza di autonomia, si fa più grande. Fra i muratori e gli operai di categorie affini la propaganda infatti incontrò maggiori ostacoli, essi lavorano sparsamente e cambiano spesso non solo cantiere ma anche località. La storia politica della Federazione risulta legata a doppio filo anche alla storia generale del Paese. È una storia eroica quella di una categoria che riesce a rafforzarsi passando attraverso il mutuo soccorso, le leghe di resistenza, il Partito operaio, il Partito socialista, il sindacalismo rivoluzionario. La buona organizzazione dà i suoi frutti concreti: questa, infatti, si traduce in un aumento delle sezioni e degli iscritti. Nel 1900, a Gennaio, si registravano 13 sezioni con soci; nel mese di Dicembre del 1901 le sezioni erano ben 209, con soci. Secondo dati della Federazione dal 1900 al 1905 furono organizzati 128 scioperi con solo cinque sconfitte. Questi elementi si sviluppano in un contesto in cui il centro sindacale è costituito localmente dalle Camere del Lavoro e, a livello nazionale, dalle Federazioni di mestiere. L indirizzo politico è quello del socialismo riformista, teso alla conquista di una legislazione sociale, con una forte tendenza alla cooperazione e che condanna le spese militari. Nei primi anni del secolo, fino allo scoppio della prima guerra mon- 5 diale, gli edili parteciperanno significativamente allo storico sciopero del 1904 e nel 1910, a Milano, condurranno uno sciopero di 80 giorni. Nel 1913, uno sciopero ancora più lungo a Correggio durerà 117 giorni. Nel 1945 viene costituita la FILE, la Federazione Italiana Lavoratori Edili poi diventata FILEA (che associerà anche gli affini) e dal 1956, FIL- LEA, conglobando cioè anche i lavoratori del legno. Nel 1952 si tiene il Congresso di Reggio Emilia e l anno successivo si svilupperanno battaglie su più punti: contro la speculazione, per la nazionalizzazione del cemento, per i crediti alle cooperative e, sul piano strettamente contrattuale, per l abolizione del cottimismo e del subappalto. Gli anni successivi sono caratterizzati dalle risposte al boom edilizio, alle speculazioni sulle aree, ai bassi salari. L approvazione nel 1962 della legge 162 che dà ai Comuni il potere di limitare la speculazione edilizia, è conseguenza anche della pressione sindacale. Nel ci saranno ancora scioperi nazionali unitari. Nel 1969 l ANCE tenta il blocco dei salari ma nel Novembre, in pieno autunno caldo, si conquistano le 40 ore settimanali e il diritto di assemblea. E finalmente nel 1970 la FILLEA, la FILCA e la FENEAL definiscono, attraverso il Congresso, la loro volontà unitaria non solo nell azione. Le prime società di mutuo soccorso erano solite eleggere un proprio patrono, una sorta di presidente onorario. Garibaldi fu scelto per questo ruolo. (tratto da un intervento di Gaetano Arfè nel corso di una manifestazione per il centenario degli edili nel 1984) 6 LA STORIA SIAMO NOI APPENDICE DOCUMENTARIA Da notare che anche la lega dei muratori aveva la sua sede nella Camera del Lavoro in Corso dei Tintori, sede poi devastata dai fascisti, agosto Il testo integrale dell accordo straordinario tra industriali e lavoratori della provincia di Firenze, subito dopo la Liberazione. «Dopo due settimane di ininterrotte e laboriosissime trattative, nella sede del Comitato Toscano di Liberazione Nazionale, è stato raggiunto e firmato un accordo generale. [...] In considerazione delle particolari condizioni di disagio subite da tutta la massa lavoratrice nel settore dell industria, a causa delle eccezionali condizioni determinate dalla guerra, è stato concordato di corrispondere ai lavoratori, costretti a non prestare effettivo lavoro durante i mesi di luglio, agosto, settembre e ottobre 1944, un soccorso eccezionale pari alle quattro predette mensilità. [...] L accordo liberamente raggiunto tra la Camera Confederale del Lavoro e l Unione Industriale della Provincia di Firenze, primo contratto del genere pattuito in Italia». («Corriere di Firenze», martedì 3 ottobre 1944) 26 BIBLIOGRAFIA Statuto della Società dei Muratori di Livorno, Statuto Lega di Resistenza dei Muratori, Manovali, Sterratori, Mattonai e Stucchini, sezione della Camera del Lavoro di Firenze, Vasco Pratolini, Metello, parte prima, Edizioni Vallecchi, Fi renze, Le casse edili di mutualità ed assistenza, a cura della FILLEA, Roma, Esperienze di una grande lotta unitaria, a cura della FILLEA di Firenze, Tipografia Nazionale, Rolando Mensi, Lotte nel Mugello, Edizioni La Pietra, Milano, Marina Catricalà, Le origini del movimento degli edili a Firenze (organizzazione e lotte ), FILLEA CGIL Comprensoriale Fiorentina, Cotto Fiorentino, accordi aziendali (a cura di), FILLEA CGIL Firenze, Tipografia Camera del Lavoro, Pietra serena: una risorsa importante per lo sviluppo produttivo e occupazionale dell economia mugellana (a cura di), FILLEA CGIL Firenze e CGIL Zona Mugello, Tipografia Camera del Lavoro, Cassa Edili di Firenze, a cura di, I giovani e l edilizia, Tipografia Giuntina, Firenze, Cotto Imprunetino, Accordi Aziendali (a cura di), FILLEA CGIL Firenze, Il «Cotto Fiorentino», un problema di qualità (a cura di), IRES Toscana - FIL- LEA CGIL Firenze, Tipografia Camera del Lavoro, Giorgio Carli, La pietra di Firenzuola, Giorgi & Gambi Editori, Firenze, FILLEA CGIL Firenze (a cura di), La Cassa Edili, Silvano Olezzante e Giaime Moser, Costruzione di un sindacato, Ediesse Editore, Roma, Barbara Antoni (a cura di), Scuola Professionale Edili di Firenze, quarant anni di attività, Tipografia Zanini, Castelfiorentino, Francesco Critelli, Chi s èramo, Editrice Consumatori, Modena, Piero Orzalesi, Il movimento dei lavoratori edili e il ruolo della FILLEA CGIL nell Italia del secondo dopoguerra, Tipografia Giuntina, Firenze, Luciano Righetti, L autostrada transappenninica Bologna - Firenze, Costa Editore, Bologna, Felice Bifulco, La fabbrica dei mattoni sodi. Le Fornaci Brunori a Borgo San Lorenzo ( ), Polistampa, Firenze, Stefano Gallo, Costruire insieme, Edizioni ETS, Pisa, QUOTIDIANI E PERIODICI «Al Contrario», giornale del Mugello, periodico mensile del Circolo La Comune di Borgo San Lorenzo, «Corriere di Firenze», I termini dell accordo straordinario tra industriali e lavoratori della Provincia, martedì 3 ottobre «L Unità», Travolti da duemila quintali di materiale i 4 operai uccisi a Barberino di Mugello, 25 ottobre «La Nazione», Quattro morti sull autostrada del sole per il crollo di una campata in costruzione, 25 ottobre «Unità Sindacale», Scuola e Cassa Edili - Due obbiettivi che i lavoratori vogliono raggiungere sollecitamente, Firenze, ottobre «Unità Sindacale», La battaglia dei lavoratori edili, Firenze, settembre «Unità Sindacale», La serrata battaglia per la Cassa Edili, Firenze, giugno «L Unità», La PS aggredisce edili e metallurgici in lotta, giovedì 12 maggio «Toscana Costruzioni», Edili , Toscana, giugno mensile della FILLEA-CGIL «L Unità», La pagina più nera del lavoro in Toscana, sabato 4 ottobre «L Unità», La vita di tre persone era appesa a un bullone, sabato 4 ottobre «L Unità», A1, strage per un bullone, sabato 4 ottobre «L Unità», Barberino, il giorno della rabbia, mercoledì 8 ottobre Finito di stampare nell ottobre 2016 da Grafiline Firenze
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks