Le terre della MIA Proprietà urbane e rurali

37 pages
0 views
of 37
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
Le terre della MIA Proprietà urbane e rurali Collana in 10 volumi in occasione del 750 anno di fondazione della Congregazione della Misericordia Maggiore di Bergamo promossa dal Consiglio di Amministrazione
Transcript
Le terre della MIA Proprietà urbane e rurali Collana in 10 volumi in occasione del 750 anno di fondazione della Congregazione della Misericordia Maggiore di Bergamo promossa dal Consiglio di Amministrazione della mia a cura di Attilio Bartoli Langeli (coord.), Maria Teresa Brolis, Paolo Cavalieri, Gianmarco De Angelis e Francesca Magnoni, che ringraziano Cinzia Castelli, e i presidenti Giuseppe Pezzoni e Fabio Bombardieri Realizzazione 750 pagine per 750 anni la MIA nella storia di Bergamo Le terre della MIA Proprietà urbane e rurali Campagna fotografica Pietro Chiodi Progetto grafico, impaginazione, grafica di copertina Break Point, Cosio Valtellino (So) Impianti fotolitografici PrePress, Sondrio Stampa e legatura Litostampa Istituto Grafico, Bergamo Si ringraziano per la collaborazione la direzione e il personale delle Biblioteche e degli Archivi citati in ciascun volume Copyright 2014 Congregazione della Misericordia Maggiore di Bergamo, via Malj Tabajani 4, Bergamo Tutti i diritti riservati Bolis Edizioni Prima edizione febbraio 2015 ISBN Le terre della MIA. Proprietà urbane e rurali I Alle origini del patrimonio della mia Testo Gianmarco De Angelis (pp. 5-24), Paolo Cavalieri (pp ) Referenze iconografiche Civica Biblioteca Archivi Storici Angelo Mai, foto Pietro Chiodi Archivio fotografico della Mia Richieste le necessarie autorizzazioni, la mia è a disposizione per eventuali altre esigenze. BCBg = Civica Biblioteca Archivi Storici Angelo Mai, Bergamo 1. Gli assetti patrimoniali originari nello specchio dell archivio Il Consortio della Misericordia Maggior di Bergamo, dall anno di nostra salute mille duecento sessantacinque, nel qual hebbe principio, sin all anno mille e trecento, non hebbe beni stabili, o almen pochi, ma solamente alcuni livelli, i quali, insieme con l elemosine, che in gran copia somministrava la liberalità di quei cittadini che s erano al Consortio dedicati, s andavano distribuendo con grandissima carità giornalmente alli poveri. Havendo dipoi l anno mille trecento et uno acquistato una casa presso a S. Francesco et l anno mille trecento e cinque essendo a questo Consortio stati aggregati i beni et le ragioni del Consortio antichissimo di S. Sepolcro d Astino, et cominciando a poco a poco ad acquistare altri beni per via di testamenti, fu formato l anno mille trecento e vintisei il primo Libro delle proprietà, nel quale per mano di Gherardo Soiaro notaro furono descritti i beni stabili di questo Consortio, distinti sotto alli capi delle quattro porte, le quali comprendevano tutta la città, cioè porta di S. Lorenzo, di S. Stefano, di S. Alessandro et di S. Andrea. Le parole che Marcantonio Benaglio, nel 1612, pose a introduzione della sua monumentale opera di inventariazione delle proprietà del Venerando Consortio della Misericordia Maggior di Bergamo 1, rappresentano il miglior viatico per la nostra indagine. Del processo di formazione del patrimonio della mia individuano con encomiabile chiarezza tappe decisive e dinamiche di svolta, fornendo una imprescindibile delimitazione cronologica polarizzata attorno a due eventi cruciali: la compera di una casa presso a S. Francesco, nel 1301, e, quattro anni dopo, l acquisizione dei beni e delle ragioni del Consorzio del Pagina introduttiva dell inventario delle proprietà della mia compilato da Marcantonio Benaglio. Archivio Fondazione Mia, Registro G, xvii secolo 1 Benaglio, ed. 2003, p. 1. 5 2 BCBg, Archivio Mia, Pergamene, n La carta di acquisizione degli ingenti beni e dei diritti del Consorzio del Santo Sepolcro si trova edita da Sandro Buzzetti in Little 1988, pp Chiodi 1965, pp Santo Sepolcro, l antichissimo ente assistenziale aggregato al monastero di Astino per iniziativa dell abate Manfredo anteriormente al 1156, ma ormai, all alba del xiv secolo, extenuato et quasi morte consumpto per carenza di persone idonee all amministrazione e all erogazione di elemosine 2. Se a valle di tali incameramenti, continua Benaglio, stava un ben documentato e progressivo potenziamento della rendita fondiaria che rese ben presto necessario dotare l amministrazione della mia di una prima organica descrizione delle proprietà, assai più sfumato risulterebbe il quadro per i primi 35 anni di vita dell istituzione, quando il Consortio non hebbe beni stabili, o almen pochi, ma solamente alcuni livelli, essendo il grosso della sua disponibilità economica costituito da lasciti (di varia natura e consistenza) che senz altro s andavano distribuendo con grandissima carità giornalmente alli poveri. È una ricostruzione complessivamente esatta, con ampi riscontri nelle fonti documentarie, che necessita tuttavia di qualche precisazione e integrazione. Che immediatamente dopo la sua fondazione, nel 1265, e per diversi anni a seguire, le elargizioni in favore della mia fossero soprattutto consistite di beni in denaro e in natura, anziché di proprietà stabili, come Benaglio le chiama, appare indubitabile dalla consultazione dell archivio dell ente. Un archivio di dimensioni imponenti, va subito detto. La descrizione che ne fornì Luigi Chiodi nel 1965, in occasione dei 700 anni dalla fondazione della mia, ha consentito di isolare ben pergamene datate dal 1148 al 1814 e 5054 unità cartacee (faldoni, registri, volumi, atti sciolti) cronologicamente distribuite dal xiii al xix secolo 3. Una massa sterminata di documentazione, in cui davvero notevole è il numero dei testamenti (quasi un migliaio), a riflettere condizioni oggettive e cronologicamente diffuse della formazione di un ampia fetta di patrimonio, giusto il rilievo del Benaglio. Alle carte testamentarie e ai relativi codicilli spesso frammisti a più ampi e tipologicamente eterogenei corpora documentari intitolati alle Eredità dei singoli donatori l archivio inventariato dal Chiodi dedicava specifiche sezioni ordinate cronologicamente: come le pergamene nn (dal 1338 al 1512) del Sacco iv del i Armadio; le pergamene (dal 1296 al 1573) conservate nel Sacco i, Fascicolo i, del v Armadio; la Raccolta di testamenti (anni ) tràditi dalle pergamene e dai corposissimi sei fascicoli delle scatole xxxi-xxxiii (anni ) provenienti dall Armadio xxii. Difficile dire quanto tale ordinamento riflettesse la struttura dell archivio originario. È però documentato che nell antica sede della mia in S. Eufemia, prima del 1449, una qualche materiale distinzione (o perlomeno una consapevolezza archivistica di gerarchica, e forse funzionale, separatezza) fra generiche carte notarili, testamenti e scritture comprovanti diritti di varia natura esisteva senz altro: un Inventarium proprietatum del 1431 attesta anzi l esistenza di uno specifico deposito, una domus per l appunto detta (que vocatur) repositorium instrumentorum, testamentorum et aliorum iurium 4. La maggior parte della documentazione più antica, antecedente il 1265 (a partire proprio dal pezzo del 1148), proviene dallo scrinium della chiesa di S. Maria Maggiore, affidata alla mia, come noto, nel 1449, e da allora inestricabilmente connessa all amministrazione del Consorzio tanto nei risvolti giurisdizionali e patrimoniali quanto (e di conseguenza) nella gestione delle scritture storiche e correnti. La mia, del resto, non incamerò soltanto i più antichi tronconi archivistici della basilica cittadina, ma anche altri: come naturale, al momento dell acquisizione di un qualsiasi bene immobile essa entrò in possesso di tutti i pregressi titoli di proprietà a quello legati. Si tratta dei cosiddetti munimina, atti di eterogenea natura e variamente distribuiti nel tempo, di provenienza più facilmente accertabile quando trasmigrati contestualmente a grosse transazioni con istituzioni e individui cospicui che già possedevano un proprio ordinato archivio. È il caso, solo per citare qualche esempio, dell eredità di Bartolomea Fanoni, la quale, unitamente alla carta del suo testamento del 1327, provvide a trasmettere alla mia tutta la documentazione scritta, rimontante al 1232, relativa alle proprietà oggetto del lascito site nel Borgo cittadino di S. Stefano nonché in Calve, Colognola, Cologno al Serio, Urgnano 5 ; ovvero di Giovanni Pizzamiglio da Castione, i cui diritti sui beni donati alla mia nel 1350 erano documentati in un cospicuo dossier di ben 71 pergamene (la più antica delle quali datata 1209) che ugualmente presero subito la strada dell archivio del Consorzio 6 ; o ancora, e soprattutto, dei doni effettuati a più riprese sin dal Trecento da parte dei Bonghi, famiglia di cui la mia acquisì anche il relativo Libro delle eredità ordinatamente e organicamente compilato con riferimenti a documentazione risalente al xii secolo 7. 4 BCBg, Archivio Mia, Inventarium proprietatum 1431, n. 550/4, c. 2r. 5 Chiodi 1965, p Ibidem, p Ibidem, p 8 Chiodi 1965, p. 3. Il fatto che i responsabili dell archivio mia abbiano tenuto, nei secoli, attenta cura anche del gran numero di munimina pervenuti in momenti e attraverso i più disparati canali, è certo un argomento importante a sostegno della spiccata consapevolezza conservativa insieme storica e per finalità amministrative che improntava di sé quegli ambienti. Incrociato con il dato statistico relativo all enorme consistenza dei fondi archivistici, rappresenta un particolare che invita a ritenere altissimo il grado di rispecchiamento degli assetti patrimoniali dell ente, e dunque a considerare generalmente degne di fede anche le notizie circa una loro formazione relativamente tardiva rispetto agli esordi dell attività della mia. Ciò non vuol dire, naturalmente, che tutto sia stato conservato e che gli accidenti del tempo o altre ragioni legate a precise scelte di gestione archivistica non ci abbiano privato di alcune tessere di questo amplissimo mosaico (vedremo a breve, anzi, come qualche lacuna interessi proprio le serie più antiche e non consenta di formulare che ipotesi ricostruttive). Processi di fisiologica selezione certamente vi furono e inevitabili dispersioni non dovettero mancare, se è vero che lo stesso riordinamento del Chiodi presenta un estesa lacuna in corrispondenza degli Armadi lxi-clx, già lamentata in un inventario dell archivio steso nel 1857: facilmente spiegabile, per quanto riguardo l ammanco dei pezzi negli Armadi lxi-lxxv, con lo stralcio delle imbreviature notarili consegnate a inizio Ottocento all Archivio di Stato di Bergamo, e per il resto ragionevolmente imputabile alle molte «mutazioni, di luogo e amministrative», che la mia conobbe fra la fine del Settecento e la metà del secolo successivo 8, tale vuoto documentario non incrina comunque l immagine di una straordinaria ricchezza. Al di là degli imponderabili capricci della trasmissione archivistica con cui gli storici delle istituzioni medievali sono costantemente costretti a fare i conti, consistenza numerica ed eterogeneità tipologica della documentazione prodotta e conservata dalla mia (o nei secoli da questa incamerata) fanno dell archivio del Consorzio un luogo davvero insostituibile per la ricostruzione della storia cittadina (e non solo). In una posizione ben più privilegiata di noi osservatori postumi, comunque, si trovava senz altro il Benaglio, dall alto delle sue mansioni di notaio principale della mia (ne diverrà cancelliere nel 1636, mantenendo la carica sino alla morte, avvenuta cinque anni dopo): e se sono davvero mini- me, come si accennava, le possibili integrazioni al quadro da lui tracciato, uno sguardo in profondità alla documentazione più antica vale comunque la pena di darlo. Se ne sente l esigenza, in qualche modo, a fronte di studi che largamente hanno privilegiato periodi più bassi e assai convincentemente ricostruito la formazione delle grandi possessioni rurali, avviate, per l appunto, dalla metà del Quattrocento. E l operazione risulterà forse non del tutto oziosa se sarà almeno riuscita a fornire qualche nuovo dettaglio sulla qualità, prima ancora che sui numeri, dei beni descritti dal Benaglio. Anteriormente al fatidico tornante del 1301, coincidente con l acquisto della casa presso a S. Francesco, i beni stabili di cui parla Benaglio sono, come detto, innegabilmente pochi, benché, a differenza di quanto sostenuto dal grande notaio e cancelliere, non pare che coincidessero solamente con un pugno di livelli, cioè con forme di concessione temporanea di terreni dietro corresponsione annua di censi. Se intendiamo la stabilità come sinonimo di allodialità, di piena proprietà, e non di possesso più o meno prolungato ma comunque vincolato a precise condizioni contrattuali stabilite dal locatore, è semmai vero il contrario, visto che sin da anni vicinissimi alla fondazione la mia risulta aver affittato terreni sui iuris. L 11 novembre 1277, ad esempio, Giovanni de Orio, sindaco Misericordie de Pergamo, ricevette 30 soldi imperiali quale fitto di una terra in Almenno pervenuta al Consorzio in virtù del testamento di Contelda de Comenduno, vedova di Guglielmo de Lemine 9. Nelle sue ultime volontà, in realtà, stese solo cinque mesi prima, Contelda aveva sì destinato totam illam terram et possessionem et illud podere quod et quem habet in loco et terratorio de Villa de Lemene alla societas Misericordie Magne Pergami, ma riservandone l usufrutto, finché fosse rimasta in vita, alla sorella Alberga 10. Richiamo questa clausola e, indirettamente, il fatto che Alberga avesse subito rinunciato all usufrutto sulle terre in oggetto per trasferirne la nuda proprietà alla mia, perché se ne potrebbero trarre utili elementi di riflessione sugli effetti giuridici di altre coeve e consimili donazioni a causa di morte. In un testamento ancora del 1277, Giacomo del fu Giovanni Ressi da Trescore fece molto di più della pia Contelda, e, con un iniziativa che troverà ampio seguito negli anni a venire, nominò i fratres Misericordie Sancte Marie de Pergamo suoi eredi universali (in omnibus suis bonis et rebus 9 BCBg, Archivio Mia, Pergamene, n BCBg, Archivio Mia, Pergamene, n Edizione in Brolis-Zonca 2012, n. 2, pp 11 BCBg, Archivio Mia, Pergamene, n Si tratta del primo registro delle proprietà, redatto da Gerardo Soiari nel 1326 (di cui si parlerà diffusamente più avanti): BCBg, Archivio Mia, n. 550/1, citazione a c. 52r. 13 BCBg, Archivio Mia, Pergamene, n Ibidem, n Ibidem, n Ibidem, n Ibidem, rispettivamente nn. 4473, 4477, mobilibus et inmobilibus) nel caso che la figlia Bonafemmina fosse morta precocemente o senza lasciare eredi 11. La documentazione superstite (è uno di quei casi sfortunati in cui anche un archivio ricchissimo come quello della mia offre ben pochi punti di appoggio al ricercatore) purtroppo non consente di seguire il destino dei beni di Giacomo; ma nulla vieta di pensare che già in quell ultimo quarto del Duecento al Consorzio fosse capitato di subentrare anche a Bonafemmina nella piena disponibilità del patrimonio di beni mobili e immobili peraltro di incerta tipologia e ubicazione lasciatole dal padre. Di certo, sullo scorcio del xiii secolo, prima che acquistasse una casa presso a S. Francesco, la mia possedeva già pleno iure alcuni beni in città. Il primo pervenutole ancora sulla base di una disposizione testamentaria, stando alla documentazione superstite, fu un appezzamento di terreno in parte prativo e in parte coltivato a vigneto e a orto, cum multis et variis generibus arborum supra, sito nella vicinia di S. Andrea, nei pressi della fontana di Via Porta dipinta (in vicinia Sancti Andree prope fontem copertam, recita la fonte) 12. Su quel terreno, parte del lascito istituito il 6 dicembre 1276 da Bonaventura del fu Gerardo di Piacenza, cittadino di Bergamo 13, la mia arriverà a percepire nel 1326, al tempo della redazione del registro conosciuto come primo Libro delle proprietà, la ragguardevole cifra di 6 lire imperiali a titolo di canone annuo da un tale Pagano del fu Alberto Michaelis, della vicinia di S. Stefano, al quale lo vediamo affidato in conduzione per la durata di undici anni. Proprio nel quartiere di residenza di Pagano, in Città bassa, la mia era entrata in possesso di una casa prima del 1298, anno in cui riscuote da Bonazio de Osio il relativo fitto di 5 lire imperiali 14. Nella contermine vicinia di S. Alessandro in Colonna, in Borgo S. Stefano, erano poi situati una terra con alcune case sopra, affittate prima del 1297 ancora al canone di 5 lire imperiali 15, e altre proprietà (unam petiam terre cum pluribus casis coppatis et soleratis) che Giovanni del fu Arnoldo, ivi residente, aveva donato al Consorcio Congregationis Mayoris de Pergamo que appellatur Misericordia con suo testamento del 10 gennaio Di nuovo in Città alta tocca invece risalire per trovare attestate, nel 1298, nel 1300 e nel 1301, tre ulteriori case di proprietà della mia, rispettivamente documentate nelle vicinie di S. Grata inter vites, di S. Alessandro della Croce e di S. Andrea 17. È una mappa di presenze patrimoniali, quella appena e velocemente passata in rassegna, tutt altro che fitta e di ragguardevole estensione (e proprio l estrema parcellizzazione, credo, e i successivi accorpamenti a patrimoni di ben altre dimensioni, potrebbero spiegarne le mancate menzioni da parte del Benaglio). Una mappa pressoché ridotta al solo territorio urbano, è vero: al di là del podere di Almenno, prima del 1301, gli archivi restituiscono con certezza beni rurali per l estensione complessiva di 22 pertiche solo supra stratam per quam itur ad Seriate 18, mentre non sembra che fossero di pertinenza della mia quelle domus e quei terreni siti a Cologno al Serio, Trescore, Gorlago, Bonate, Prezzate, Azzano San Paolo, dove il Consorzio poteva comunque depositare alcune sue botti di vino 19. Eppure è una mappa che mostra già una discreta capacità di abbracciare zone extra-muranee e, ciò che più mette conto sottolineare, generalmente ad alta redditività dei canoni d affitto. Le vicinie di Bergamo in età medievale 18 BCBg, Archivio Mia, Pergamene, n (1293 gennio 27). 19 Receptum per caneparios, BCBg, Archivio Mia, n. 724, c. 165r (anno 1288) 20 Receptum per caneparios, BCBg, Archivio Mia, n. 724, c. 51r. Per tutto ciò che segue nel testo, compresi i rinvii alle fonti, si consideri sempre implicito, salvo diversa indicazione, il riferimento alla ricostruzione del Locatelli Comune alle forme di gestione delle più antiche proprietà della mia sembra infatti essere stata, piuttosto che una conduzione diretta, l affidamento in locazione a terzi, per brevi periodi (in genere undici anni) e con possibilità di ampi cespiti. Se la prima condizione contrattuale era certamente intesa a evitare che affitti di lunga durata finissero con l indebolire come spesso accadeva i diritti del detentore della nuda proprietà, gli introiti monetari derivanti dalla riscossione annua dei canoni andavano a ingrossare quella disponibilità liquida necessaria a far fronte agli oneri crescenti dell attività assistenziale. Era una disponibilità che, continuamente alimentata da un accorta gestione dell embrionale potenza fondiaria e dai moltissimi lasciti testamentari, si accresceva in maniera direttamente proporzionale proprio alla dilatazione delle competenze e degli ambiti di esplicazione della missione caritativa della mia. E che ben presto impose quell onerosa iniziativa opportunamente segnalata già dal Benaglio come sintomo e strumento di un autentica svolta nella storia dell istituzione: la scelta di una nuova sede, che fosse, insieme, ampio deposito di bona et res et utensillia, e stabile luogo di riunione e rappresentanza per un ente che andava imponendosi con straordinaria rapidità come un attore di prima fila sulla movimentata (e spesso tormentata) scena cittadina fra Due e Trecento. 2. La «casa presso a S. Francesco», la Domus Magna e le altre sedi della mia in città Prima di quella acquistata nell anno mille trecento et uno, la mia aveva avuto ben cinque sedi diverse all interno delle mura urbane. Costruzioni modeste, per lo più, o solo piccoli locali per le adunanze, ospitati però all interno o nei pressi dei luoghi più rappresentativi della topografia ecclesiastica e politica della città. La più antic
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks