N. 34 02 OTTOBRE 2019

32 pages
0 views
of 32
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
Ottobre 2019 - Anno XIX - N.34 www.pugliapressfreemagazine.it 1 L’EDITORIALE dallestelle allestalle L info@antoniorubino.org a politica non mi è mai piaciuta, ne…
Transcript
Ottobre 2019 - Anno XIX - N.34 www.pugliapressfreemagazine.it 1 L’EDITORIALE dallestelle allestalle L info@antoniorubino.org a politica non mi è mai piaciuta, ne sono rimasto sempre lontano. Ho avuto delle simpatie, ma sono durate quanto la vita di una farfalla. Qualcuno Redazione PPRESS potrebbe definirmi incoerente leggendo, a distanza di tempo, articoli o opinioni espresse, anche decisamente opposte tra di loro, sui vari giornali Anno 19 N. 34 XIV sui quali le ho pubblicate. Questo qualcuno avrebbe ragione ad esprimere In edicola gratis acquistando sul mio conto opinioni negative. Una delle poche volte che arrivai vicino un quotidiano locale. Sulla rete a candidarmi avevo diciotto anni. Il segretario cittadino dell’allora scaricandolo su www.ppress.it Gratis in tutte le attività pugliesi Movimento Sociale Italiano riuscì a farmi firmare l’adesione, ma quando mio padre convenzionate. venne a saperlo, nonostante avesse simpatia per quello stesso partito, stava per buttarmi fuori di casa e fui costretto a ritirarla. La seconda ed ultima volta è stato quando nel 1993 Reg. Trib. Taranto al fui invitato da alcuni miei colleghi con i quali lavoravo di creare un Club Forza Italia n. 569/2000 del 24/10/2000 nella mia città. Avevo lavorato fino ad allora con una società del Gruppo Fininvest. Creai il primo club Forza Italia a Martina Franca, subito dopo ne nacquero altri come i funghi. Direttore responsabile Al primo club spettava di fare le liste. La mia amicizia con Marcello Cantore che da lì Antonio Rubino a poco divenne Presidente della Provincia di Taranto e soprattutto con il convincente Responsabile di redazione avvocato Pasquale Caroli, mi portarono a rinunciare a loro favore del club e consentirgli Raffaella Spina di fare la lista. In Forza Italia ero candidato, ma il mattino successivo la presentazione delle liste l’amara sorpresa: all’ultimo momento mi avevano sostituito con un altro. Impaginazione: Max Vetrano Potete immaginare la mia rabbia. Era il momento in cui, cani e porci, grazie a Berlusconi, venivano eletti e, forse, anch’io potevo essere uno di questi. Con il passare del tempo In questo numero hanno collaborato: ho capito che questa è stata una fortuna. Non ero tagliato per fare il politico, rissoso Francesco Ruggieri com’ero. Ho sempre votato, ma udite, udite, ho cambiato quasi sempre destinatario Francesco Leggieri delle mie preferenze. La maggiorparte delle volte ho votato l’amico di turno, altre che il Elena Ricci Alessandra Cannetiello candidato per il quale curavo la campagna pubblicitaria (era il mio lavoro), ma quando Ciro Elia arrivavano le elezioni europee potevo esprimere il mio voto sincero, in quelle occasioni Gianluca Ceresio votavo quasi sempre Partito Radicale. Ho votato Enzo Tortora, ma anche Cicciolina, Gino Tafuto in quanto mi entusiasmava il fatto che potesse sedersi a fianco di Andreotti. Sono Loredana Galiano sempre stato un situazionista e non un tifoso di un determinato partito, convinto che sono le persone a fare le differenze e non la tessera del loro partito. Vi confesserò di Redazione aver votato anche Vendola, la prima volta che si presentò come Governatore. La mia Via Giuseppe Chiarelli, 10/R vita è stata segnata anche dall’entrata in politica di un importante componente della 74015 Martina Franca Tel. 0804800600 mia famiglia. Chi è quel marito che non abbia sostenuto o non sosterrebbe la propria redazione@pugliapress.it moglie, indipendentemente dalle proprie ideologie. Sono stato tra i primi a guardare con simpatia Grillo e le sue idee. L’avevo conosciuto tanti anni prima, vendendo le sue Concessionaria di pubblicità serate di cabaret, ma ne ero stato abbagliato quando in una di queste manifestò le sue Studios idee a proposito di politica. Sono stato tra i primi assertori dei Cinque Stelle, tra l’altro 080.4800600 - fax 080.4800600 ero anche iscritto alla piattaforma che foraggia le imprese imprenditoriali di Casaleggio. Credevo che i cosiddetti ‘cittadini’ potessero prendersi le responsabilità di governare il Editore Associazione Giornalisti Riuniti proprio paese. E’ stata la più grande delusione. La maggiorparte di loro era costituita da gente che aveva accumulato fame e non fama ed era alla ricerca di un posto di lavoro Stampa: Tipografia Gepal che intravedeva nella politica. Poi c’erano tante persone che avevano una speranza e disposte a credere a qualsiasi cosa. Tutto il resto è storia recente: trasformismi, Tutti i diritti di proprietà letteraria tradimenti come nel caso della riconversione dell’ex Ilva e l’eliminazione delle fonti ed artistica riservati. altamente inquinanti, per non parlare del rinnegamento di opinioni del giorno prima sugli ex avversari politici, oggi diventati… Compagni di Governo. Il disgusto è diventato più forte leggendo i post dei social dai quali mi sto disintossicando Antonio Rubino e non mi vedono più partecipe. No, la politica non mi piace. Purtroppo, oggi, una lite a Porta a Porta, piuttosto che in una delle tante trasmissioni simili, sembrano avere più audience di un vecchio film che veniva trasmesso in passato il lunedì. @AntonioRubino7 Da tutto questo emerge una cosa: mai come in questo momento storico, i partiti ed i movimenti, passano repentinamente dalle stelle alle stalle. Antonio Rubino www.antoniorubino.com 3 4 GIACOMO CONSERVA NUOVO COORDINATORE PROVINCIALE DELLA LEGA DAI BANCHI DELLA FRUTTA AD AVVOCATO RINOMATO E POLITICO DI SUCCESSO L a storia di Giacomo Conserva ha inizio 43 anni fa a Mar- tina Franca. Papà Martino è un commerciante ambulan- te di frutta, mamma Angela una donna d’altri tempi che gestisce la casa e segue meticolosamente i figli. Giacomo è il secondo di tre figli. Le due sorelle diventeranno due brillanti professioniste, la più grande, Anna, una der- matologa affermata e ricercatrice, mentre la più piccola, Antonella, una affermata endocrinologa. Papà Martino vorrebbe che il figlio seguisse le sue orme nella attività di famiglia e Giacomo sem- brerebbe non deluderlo. Mostra spiccate doti nei rapporti con la gente e diventa il beniamino della clientela. Giacomo continua comunque a studiare, seguito in maniera attenta e continua dalla mamma. Si divide dunque tra il lavoro del padre e lo studio. Studia al liceo classico dove si diploma con ottimi voti e, successivamente si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza a Bari, pur senza frequentarla, ma presentandosi pun- tualmente per sostenere gli esami. Nel frattempo continua ad aiutare il papà il mercoledì ed il sabato nei mercati, oltre che durante le estati, vendendo frutta e verdura. Si fa benvolere da tutti, in particolare da altri commercianti e dalla gente comune. Sarà in futuro per lui una naturale conseguenza affacciarsi in politica. Un esame universitario dopo l’altro, sempre con ottimi voti. Si laurea a 24 anni con 106 voti su 110. Prima dell’ultimo esame, riesce a dire al padre che intende non lavorare più nei mercati. Lo fa alla vigilia di un mercato a Francavilla Fontana. L’avvocato, Giacomo Conserva 5 de uomo c’è sempre una grande donna. Stefania riesce a dargli tranquillità, inco- raggiamento e, soprattutto, un bambino che sembra un protagonista di spot tele- visivi. Ora è un uomo realizzato, ma c’è sempre la passione per la politica Avvocato Conserva, quando è iniziata? Sono stato amico con l’On Caroli che abita a pochi chilometri dalla mia cam- pagna e ci siamo frequentati con i suoi figli. Ho dunque respirato la vera poli- tica, soprattutto durante le campagne elettorali. Ricordo nel 1998, durante una campagna elettorale dell’Onorevole, quando feci lo speaker in una discoteca. Ma passarono alcuni anni dalla sua en- trata ufficiale in politica. Quattro anni dopo, nel 2012, quando l’allora Senatore Nessa, insieme all’On. Gianfranco Chiarelli, vennero a casa mia e mi proposero di candidarmi al Consiglio comunale di Martina Franca. Fui il secondo più suffragato del Centro Destra, dopo Pino Pulito. Fui eletto con 568 voti di preferenza. Divenni il capo gruppo del PDL in consiglio comunale. Lei è rimasto sempre nel Centro Destra. Sono stato sempre fedele a Berlusconi, anche dopo la sua scissione con Fitto, diventando anche coordinatore cittadi- no di Forza Italia. Alla mia prima elezione con Mario Ca- roli, Forza Italia prese 2400 voti, gli stessi della lista di Fitto, nonostante a Martina c’erano candidati forti. Subito dopo iniziò la grande amicizia con Pino Pulito che continua tutt’oggi, così come il nostro percorso politico. Veniamo alle ultime amministrative, il Centro Destra si divide e pur avendo una stragrande maggioranza di con- sensi, perde. Giacomo Conserva e sua moglie Stefania Ponte Col senno di poi magari avremmo valu- tato e fatto cose diverse, se pensiamo che Papà Martino sembra rimanerci male, che la gente affronta per la sopravviven- oggi il sindaco Ancona governa la città soprattutto perché vedeva tanti laureati za quotidiana e le discriminazioni verso con soli 9000 voti. Errori ne abbiamo essere disoccupati ed aveva lo stesso ti- chi ha minor voce. Di questi diventa commessi. Si poteva valutare diversa- more per il figlio, dall’altra parte c’era il subito paladino. A 43 anni diventa avvo- mente colui che sarebbe dovuto essere il continuo incoraggiamento della mam- cato cassazionista. Si occupa di penale candidato sindaco. Pulito era fortissimo, ma che lo sosteneva con tutte le sue for- e civile, ma pian piano si fa sempre più ma c’era un forte astio tra le varie anime ze. Giacomo era praticamente il cocco di strada la sua vocazione nel rappresen- del centrodestra che gli hanno impedito di essere eletto. mamma. Con il tempo il papà diventerà tare i diritti della gente, occupandosi di Pino Pulito sarebbe stato un grande Sin- il primo tifoso del figlio. infortunistica stradale e di responsabili- daco e con una grande coalizione, insie- “Mia madre è stata una donna fortissi- tà mediche per le macro lesioni colpose, me anche all’On. Chiarelli, sarebbe stata ma, ha seguito la famiglia in maniera pur senza lasciare il penale. Si specializ- una grande amministrazione comunale. patriarcale. Avrebbe voluto studiare an- za nelle responsabilità mediche, ovvero Veniamo al suo recente passaggio nel- che lei, ma non aveva potuto farlo per quelle che producono invalidità per- la Lega nella quale è diventato Coordi- motivi economici e riversava i suoi so- manente, diventando leader di questo natore provinciale gni mancati su noi figli, inculcandoci la settore legale nella provincia di Taranto, Partiamo dal fatto che Forza Italia è ri- passione per lo studio ed il sacrificio. Lei ricevendo mandati anche da enti pub- masta indietro soprattutto dopo aver non mi mollava mai, addirittura veniva blici. Il suo studio vanta oggi collabora- concentrato tutto nelle mani di Berlu- anche a prendermi a mezzanotte dalla tori ed avvocati che lavorano con lui. sconi che non ha mai lasciato spazio a discoteca” Ma nella vita di Giacomo avviene un nessuno. Avevo un rapporto fortissimo La famiglia Conserva abita in un quar- incontro che sarà per lui fondamentale. con Luigi Vitale, il quale si è sempre fi- tiere popolare della periferia di Martina Nel 2013 si sposa con Stefania a confer- dato di me. Franca. Giacomo percepisce le difficoltà ma di quel detto che dietro ad un gran- E’ stato usato per far fuori l’On. Fitto, 6 Giacomo Conserva con Silvio Berlusconi Da destra: Conserva, Chiarelli, Lupoli e Lomartire poi è stato incaricato come coordinato- bisogna mettere da parte i personalismi. cratico per decidere tutti insieme. re regionale l’On. Mauro D’Attis per far Si può già pensare ad una sua candida- Ci sono militanti forti nella Lega che fuori Vitali. Dattis è una brava persona, tura alle prossime regionali? possono ambire a quella poltrona, ma ma non mi ha mai chiamato. Ho chiesto Attualmente non sono candidato, an- non sta a me decidere. Se fossi tirato in vari incontri, ma non li ho mai avuti. che perché il mio compito primario oggi ballo proporrei una figura che mettesse Intanto c’è stato un corteggiamento del- è quello di organizzare al meglio, con insieme tutto il centro destra la Lega nei nostri confronti. l’aiuto dell’On Chiarelli il partito nella Taranto fanalino di coda della Regio- Il nostro è sempre stato il primo partito provincia di Taranto, anche perché non ne, con la Lega potrebbe esserci il suo nella provincia Jonica. sappiamo chi sarà il candidato alla pre- riscatto? Nel 2018, con Gianfranco Chiarelli, ab- sidenza. Con Chiarelli i rapporti sono Assolutamente sì. Soprattutto se conti- biamo preso il 32% di voti. Questo cor- assolutamente ottimi. Ci vediamo gior- nuerà il trend di grande crescita che ha teggiamento è culminato prima delle nalmente. Lui ha un ruolo di prestigio e portato nella provincia di Taranto un ri- Europee con la nostra adesione al partito di spessore nell’esecutivo Regionale e mi sultato straordinario di 51 mila voti, pari di Salvini. La Lega è stato il primo par- sta dando una grossa mano per organiz- al 25%. Bisognerà consolidare il risultato tito a Martina, mentre nella provincia di zare il partito nella provincia di Taranto, di Salvini con presidi territoriali ed apri- Taranto, e nella regione Puglia ha inse- oltre a muoversi anche in altre provincie re a persone del territorio che potranno guito i 5 Stelle. per organizzare al meglio il partito del- lavorare attivamente, del quale conosco- Quindi c’è stata la ricomposizione la Lega, inoltre sottolineando il ruolo di no i bisogni e le esigenze. dell’asse Chiarelli, Pulito e Conserva Pino Pulito che è un autentico portatore Con l’On Gianfranco Chiarelli stiamo fa- A conferma di un grande rapporto di di voti e di consensi. cendo a riguardo un ottimo lavoro. vecchia amicizia. Ora bisognerà rimet- Come vi muoverete per la scelta del can- Avvocato Conserva qual è il suo sogno tere insieme tutto il Centro Destra e mi didato alla Presidenza della Regione? nel cassetto? sembra emerga anche dai tavoli nazio- Si dice che a Forza Italia verrebbe ricono- Sono realista, non è mio costume pensa- nali che si stanno facendo. Dopo 15 anni sciuta la candidatura per la presidenza re ad esprime i sogni. Ho sempre lavorato di Governi di Centro Sinistra, è la volta della Campania. Magari alla Lega quella duramente e mi sono sempre impegnato buona che il Centro Destra governi la per la Regione Puglia, ma sono solo sup- con lo stesso criterio in politica, spesso Puglia, e vincere contro Emiliano. Inol- posizioni. trascurando anche la mia famiglia. Vor- tre, a Martina Franca, dobbiamo pre- Si passerà dalle primarie? rei realizzare fatti, piuttosto che sogni. pararci per le elezioni del 2022. Ripeto, Le ritengo un sistema abbastanza demo- Antonio Rubino Giacomo Conserva con mamma Angela Giacomo Conserva con papà Martino Giacomo Conserva con Pino Pulito 7 LA STORIA DI TIZIANA DIVENTA VIRALE TARANTO - LA MAMMOGRAFIA È NEGATIVA, MA IL CANCRO È GIÀ LÌ tac, risonanze e altri esami, hanno presup- posto che il suo tumore al cervello fosse par- tito dal seno. Noi siamo tre figlie e lei diceva continuamente di controllarci e fare ecogra- fia e mammografia. Era molto attenta. Così, quando mia mamma è morta, ho fatto mol- te ricerche e la prima cosa che mi è apparsa è stato il post di una donna inglese che mo- strava il suo seno con una fossettina». Quando ti sei accorta che qualcosa non andava? «A fine luglio. Andavo in ba- Tiziana Conte L gno, mi guardavo allo specchio e vedevo che c’era qualcosa di strano nel seno sinistro. A me sembrava un’ombra, ma non riuscivo a storia di Tiziana Conte è vo con tomosintesi (mammografia in 3D) a capire cosa fosse. Così, una mattina, mi diventata virale attraverso un o di ecografia permette di individuare, in sono attrezzata e ho portato gli occhiali con suo post pubblicato su Face- questi casi, più tumori rispetto alla sola me, ho alzato il braccio e ho visto questo book e condiviso da oltre 120 mammografia. avvallamento, questa fossetta sul mio seno. mila utenti, in cui mostra il La mammografia, esame diagnostico im- E immediatamente mi è tornata alla mente seno nudo con una rientran- piegato in Italia dalla sanità pubblica fin quella foto vista due anni e mezzo fa. Sono za, una fossettina. Quella dagli anni ‘60, può non essere sufficiente a andata a ricercarla e dopo averla guardarla fossettina è un carcinoma loburale infil- valutare e rilevare eventuali masse tumo- ho pensato: “Anche io questa cosa”. Ho avu- trante. Cancro che era già lì quando il 9 rali. È emblematica infatti l’esperienza di to un brivido, perché ho immediatamente gennaio di questo anno l’esame mammo- Tiziana, risposata da un anno e mamma di capito. Non ho avuto più nessun dubbio». grafico aveva dato esito negativo. due figli – un ragazzo di 24 anni ed una Lo specchio dà a Tiziana un riscontro ragazza di 27 anni - che nel gennaio 2019, immediato e spaventoso: la sua fosset- Il tumore alla mammella è una delle neo- a compimento dei 50 anni, ha ricevuto ta e quella vista in foto anni prima, sono plasie più diffuse tra le donne – le statisti- l’invito dalla Asl di Taranto a presentarsi al identiche. Così riesce a prenotare, con non che dicono che ad ammalarsi è una donna Padiglione Vinci per effettuare l’esame. La poche difficoltà, una ecografia nell’unico su 40, nella fascia di età fino ai 49 anni, procedura prevede che le donne che effet- centro disponibile ad agosto in città - per una su 20, tra 50 e 69 anni e una donna su tuano lo screening vengano contattate in via delle ferie estive: «Era il 9 agosto quan- 25, tra 70 e 84 anni (Fonte AIOM); si sti- caso di esito positivo del test, mentre, in do ho fatto mammografia ed ecografia. E ma che nel 2019 verranno diagnosticati in caso di risultato negativo, ricevono comu- immediatamente l’ecografista mi ha dato Italia circa 53.000 nuovi casi di carcinomi nicazione scritta dopo alcune settimane l’esito “E’ un cancro alla mammella sini- della mammella femminile. dall’esame: «Si entra in una stanza in cui ci stra, grosso, maligno e brutto” sono state Il Ministero della Salute predispone uno sono diverse postazioni. Se c’è un problema le sue esatte parole. Mi ha dato il numero screening per la diagnosi precoce, in par- ti richiamano, altrimenti no. Non essendo di uno specialista di Bologna, ho telefona- ticolare alle donne nella fascia d’età com- stata richiamata, per me la mammografia to appena uscita dal centro e il professore presa tra i 50 ai 69 anni, che prevede una era andata bene». mi ha dato appuntamento nel suo studio mammografia ogni 2 anni. Nelle donne C’erano casi di cancro al seno nella tua per il giorno dopo». che hanno un seno ricco di tessuto fibroso famiglia? «Mia mamma è morta circa due In un giorno la sua vita cambia radical- e ghiandolare - si parla di seno “denso” - anni e mezzo fa, nel giro di un mese. Lei ha mente. Tiziana mette poche cose in auto e potrebbe però non essere sufficiente per fatto la mammografia fino a 70 anni. Nes- parte per Bologna, in visita dallo speciali- la diagnosi precoce del cancro, perché suno di noi immaginava una cosa del gene- sta che l’ha attualmente in cura: «Per que- la particolare struttura della mammella re. In quella occasione sentii parlare per la sta malattia ho dovuto lasciare improvvi- rende più difficile individuare eventuali prima volta di tumori fantasma (con sede samente casa, marito, lavoro. Tutto. Sono masse tumorali. Uno screening aggiunti- primaria sconosciuta. N.d.R.). Dopo diverse partita da un giorno all’altro come fossi una ricercata. La prima volta che ho parla- pisce una famiglia intera. Mio marito era to con il chirurgo, mi ha detto quali sareb- con me all’esame e mi aspettava fuori. Più bero state le strade da seguire, a seconda volte gli ho chiesto che faccia avessi quel del tipo di carcinoma». giorno Lui mi ha detto che sembravo non E’ stato fondamentale che non ti sia avere più una faccia, che non c’era bisogno fermata all’esito negativo della mam- che dicessi niente. E’ stato un colpo. Però mografia. Hai avuto il coraggio e l’in- devi essere forte e non perdere il sorriso tuizion
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks