Notizie da La Domenica del 30/9/ PDF

10 pages
0 views
of 10
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
Notizie da La Domenica del 30/9/2012 Primo piano A San Romano Giornata del collegamento mariano di Gabriella Guidi Domenica 23 Settembre a San Romano, all interno dei festeggiamenti del cinquecentenario
Transcript
Notizie da La Domenica del 30/9/2012 Primo piano A San Romano Giornata del collegamento mariano di Gabriella Guidi Domenica 23 Settembre a San Romano, all interno dei festeggiamenti del cinquecentenario dell apparizione della Madonna nei medesimi luoghi, si è svolta la XXXVIII Giornata del Collegamento mariano toscano che aveva come tema principale: Maria, stella della nuova evangelizzazione. Il Collegamento mariano toscano è un organizzazione ecclesiale costituito dalla Conferenza episcopale toscana, attualmente presieduto dal vescovo monsignor Vasco Giuseppe Bertelli, che ha lo scopo di promuovere la devozione alla Vergine secondo le indicazioni conciliari e le esortazioni pontificie. A conclusione solenne concelebrazione di ringraziamento per la stupenda giornata di preghiera e meditazione concessa e per tutti i doni che ogni giorno il Signore, anche attraverso Maria, elargisce abbondantemente Le parole di Bagnasco alla politica italiana Fonte: Sir «La cittadinanza è più in avanti di quanto non si pensi»: molti passaggi della prolusione del cardinale Bagnasco sono stati ripresi dai media, in particolare in una giornata politica fibrillante, quella della crisi alla regione Lazio. Ma la sostanza è prima di tutto proprio qui, nell impegno a dare voce al Paese, alle istanze più vere e profonde, in un passaggio storico inedito: una crisi che sembra sfarinare antichi assetti e reclama risposte adeguate, prima di tutto nella pasta dei contenuti e della coerenza personale. Insomma «è necessario stringere i ranghi per amore al Paese. La vita della gente è in grave affanno e sente che il momento è decisivo: dalla sua soluzione dipende la stessa tenuta sociale». Le parole sulla situazione politica, sul degrado della politica sono franche e dirette: «Che l immoralità e il malaffare siano al centro come in periferia non è una consolazione, ma un motivo di rafforzata indignazione, che la classe politica continua a sottovalutare. Ed è motivo di disagio e di rabbia per gli onesti». La Domenica online del 30 Settembre 2012 Pagina 1 Ma non c è rassegnazione nelle parole del presidente della Cei. C è però un interrogativo profondo sulla qualità, a partire dalla questione dell arruolamento nelle file della politica . Non possiamo più permetterci che si faccia tanto rumore perché nulla cambi. Servono fatti, presto. È bene che il degrado emerga, e questo spiega la grande franchezza del cardinale, perché bisogna veramente voltare pagina, bisogna dare voce ad una richiesta diffusa, unanime. Basterebbe poco, l onestà e il controllo. Ma non c è alternativa, bisogna muoversi Rapporto del Consultorio Familiare diocesano «A. Giani» di Giusy Donadio Dal giorno dell inaugurazione (l 8 gennaio scorso) ad oggi, abbiamo creato uno spazio di accoglienza dove continuiamo ad incontrare tante persone che portano vissuti di sofferenze, facendole sentire benvenute e accettate, rassicurandole sul fatto che il loro dolore trova nel contesto del Consultorio Familiare pieno diritto di cittadinanza. L operatore che accoglie ha piena cura dell ascolto e mentre ascolta utilizzando strumenti tecnici ascrivibili alle proprie competenze, pone anche attenzione alla visione antropologica cristiana dell uomo. Ci hanno cercato prevalentemente persone residenti nel territorio dalla nostra diocesi, ma non è mancato anche chi si è sobbarcato molti chilometri per venire da altre diocesi. L età delle persone che si sono rivolte al Consultorio Familiare è molto diversificata, abbiamo a che fare con tutte le fasce d età, dall adolescente all ultrasettantenne. Questo dato ci informa su quanto, anagraficamente, la sofferenza non conosce età. La forza del Consultorio Familiare è il lavoro d équipe: imparare a lavorare in squadra è il compito che ogni operatore, che collabora con il Consultorio, è chiamato a perseguire. All interno dell équipe si riflette sull attività svolta, mettendo a confronto le diverse competenze ed esperienze. Soltanto attraverso l integrazione della varie professionalità può essere raggiunto il risultato di un sostegno qualificato alla persona in difficoltà, solo attraverso la connessione tra le diverse competenze di cui gli operatori sono portatori, è possibile giungere ad una comprensione unitaria della realtà della persona, rispettando pienamente l ecologia della persona e preservando una visione cristiana della sua dimensione antropologica. La Cresima in una lettera pastorale di Pio Alberto del Corona di A. di Bartolo Le lettere pastorali dei vescovi sono spesso una miniera inesplorata di informazioni su vari aspetti della vita della diocesi. Sono talvolta specchio del governo di una chiesa locale dal punto di vista della pastorale di ogni singolo vescovo: emergono le solide basi teologiche, l'interesse per le tematiche che più angustiavano il territorio, l'importanza assegnata alla liturgia e alla catechetica. Credo, insieme ai sinodi, che le lettere pastorali possano essere il materiale di partenza per uno studio approfondito anche delle personalità dei vescovi e dei legittimi, diversificati, interessi culturali di ognuno di essi. Con le lettere pastorali la chiesa locale esercita infatti il proprio magistero e si pone come guida per i popoli. La Domenica online del 30 Settembre 2012 Pagina 2 Tra le molte interessanti vorremo riprendere quella che il vescovo domenicano scrisse in occasione della quaresima del 1905, sulla eccellenza e nobiltà della Cresima . L'anno precedente era stato trattato il tema del battesimo; quindi in una sorta di continuità del discorso sui sacramenti il vescovo di San Miniato voleva raggiungere tutti i parroci e il popolo della Diocesi per attuare quel progetto di catechesi su quale lo stesso Pontefice - a detta di Del Corona richiamava i ministri del santuario , cioè tutti i vescovi d'italia. Cercheremo di presentare la lettera per punti, non nella sua interezza, nella speranza possa essere di interesse anche per i catechisti che svolgono oggi il difficile compito della preparazione dei ragazzi all'accoglimento del sacramento. La lingua è di inizi Novecento, ma i contenuti e le riflessioni sono quanto mai efficaci e attuali Dalla diocesi Santa Croce sull'arno Speciali festeggiamenti al monastero di Santa Cristiana di Gabriella Guidi Domenica 23 Settembre presso il monastero agostiniano di Santa Croce sull Arno vi sono stati i festeggiamenti del XXV anniversario di consacrazione religiosa alla vita contemplativa agostiniana di Suor Maria Dina Roda. La sorella, già nel monastero di Montefalco, a seguito del gemellaggio tra i due monasteri, appartiene adesso alla comunità di Santa Croce di cui, in assenza della Madre badessa, è responsabile. La solenne concelebrazione è stata presieduta da Don Fabio, nipote della stessa suora, dai coparroci di Santa Croce sull Arno Don Romano e Don Patrizio. Come i tre giovani nella fornace sentivano la necessità di lodare Dio con il loro canto, così anche suor Dina, insieme alla comunità delle suore e a tutti i fedeli e devoti di Santa Cristiana, è invitata a lodare Dio e a ringraziare per il dono della vita contemplativa nella preghiera e del monastero. La vera comunione, sebbene nella diversità, la si può sperimentare solo quando si mette al centro della nostra vita Dio onnipotente e a lui si affidano tutte le nostre paure. S. Agostino, S. Chiara da Montefalco e S. Cristiana siano sempre un saldo tripode per condurre una santa vita alla sequela della Parola di Dio. Tutti siamo chiamati ad essere santi, ciascuno con la propria vocazione, esprimendo la nostra piena adesione a Dio e conformandoci pienamente alla sua volontà. La vita contemplativa rappresenta il cuore della Chiesa, quella parte vitale del corpo che dona tutta la sua attività per il bene degli altri organi. E importante sapere che le nostre miserie, sofferenze e difficoltà sono sostenute dalla costante e assidua preghiera delle persone consacrate. Così Suor Dina è stata chiamata rinnovare la sua professione di fede e la sua vocazione alla vita contemplativa con una particolare formula di ringraziamento e di preghiera. La celebrazione è stata resa ancora più solenne dal canto del Te Deum e addirittura sublime al momento dell eucaristia con i canti del Panis Angelicus e Ave Maria di Schubert. Al termine della celebrazione la suora ha ringraziato di cuore tutti i presenti e ha assicurato intensa preghiera per le famiglie, per le situazioni difficili e per tutte le necessità dei fedeli.la serata si è conclusa con un momento conviviale nei locali dell adiacente monastero dove parenti e amici hanno continuato a festeggiare la suora per un occasione così speciale La Domenica online del 30 Settembre 2012 Pagina 3 Valdegola Un Comitato per gli Organi della Valdegola di Maria Virginia Rolfo Recentemente si è istituito il Comitato per gli Organi della Valdegola voluto dal Can. Francesco Ricciarelli, pievano della Parrocchia di Santa Maria in Valdegola. Questa parrocchia, eretta nel 2011, comprende le comunità di Corazzano, La Serra, Balconevisi e Moriolo. Il suo territorio possiede tre preziosi strumenti: un organo anonimo del secolo XVI, restaurato e ampliato da Luigi (I) e Benedetto Tronci, con la data 1791, nuovamente ampliato da anonimo durante il secolo XIX, oggi nella Prioria di Santa Lucia a Montebicchieri, un organo costruito da Giosuè Agati e Figlio nel 1833, oggi nella Prioria di San Regolo a Bucciano e un organo costruito dalla ditta Agati-Tronci nel 1898, oggi nella Propositura dei SS. Jacopo e Pietro a Balconevisi.Il comitato ha lo scopo di provvedere all eventuale restauro e alla manutenzione degli organi presenti nel territorio. Il primo progetto comprende il restauro dello straordinario strumento di Balconevisi, esemplare assoluto di organo tardo-ottocentesco toscano costruito da una delle più importanti famiglie organare italiane: gli Agati-Tronci di Pistoia. Dal punto di vista storico, lo strumento si trova in un eccezionale stato di autenticità e non ha subito modifiche di rilievo, ma, negli ultimi anni si sono chiaramente evidenziati i problemi gravi che lo interessano e la necessità di un restauro totale per essere pienamente recuperabile all uso. Dalla sua fondazione, il comitato ha lavorato alla richiesta di progetti, preventivi e fondi per il restauro dello strumento e convocato diversi incontri, dove ogni organaro ha personalmente esposto suo piano di lavoro. Finalmente, l intervento è stato affidato all organato Samuele Maffucci di Montemagno (PT). Il restauro proposto da Maffucci è concentrato sul recupero dello strumento sul concetto che lo asserisce nel ruolo di testimone storico, tutelandone il materiale attraverso un approccio mirato alla conservazione del manufatto, coniugando tale obiettivo alla più concreta valorizzazione atta al riutilizzo attraverso una totale efficienza fonica e meccanica. Per tale operazione, lo strumento sarà smontato e trasportato al laboratorio dell organaro Maffucci, previa pulitura, catalogazione del materiale fonico, meccanico e ligneo. Diverse sessioni fotografiche per documentare lo stato di conservazione dello strumento prima del restauro e durante i successivi lavori accompagneranno l intervento Si torna a scuola «nel sorriso di Valeria» di Lucio Tramentozzi Anche i 110 bambini della Costa d Avorio sostenuti dalla nostra Associazione Nel sorriso di Valeria si stanno preparando al nuovo anno scolastico, grazie alla prima delle tre rate di contributo di Euro 6.200,00 ciascuna, inviata attraverso i referenti-soci, che curano il progetto sul luogo per garantire l istruzione primaria a molti bambini orfani e poverissimi. Invieremo anche altre magliette con il logo dell associazione, che sono piaciute molto e hanno fatto sentire i bambini più uniti e impegnati nello studio. Il trascorso anno scolastico, pur tra le innumerevoli difficoltà e le situazioni di pericolo ancora esistenti soprattutto in quella zona ad Ovest del paese al confine con la Liberia, è stato portato a termine con relativa tranquillità, come ci comunicano i nostri referenti nel rapporto conclusivo, che allego con alcune foto dai villaggi. Purtroppo servirebbero altre centinaia di progetti come il nostro per soddisfare la richiesta di istruzione da parte di migliaia di bambini che non potranno mai usufruirne. Continueremo, attraverso le nostre iniziative, a sensibilizzare sempre più sostenitori con l obiettivo di allargare ancora più il numero delle adozioni scolastiche. Intanto preannuncio per Sabato 17 Novembre l incontro a San Miniato in occasione del sesto anniversario in ricordo di Valeria. Auguri, dai soci fondatori, a Omar Bertini (figlio di Siriano) e Francesca Montanaro che si uniranno in matrimonio il 22 Settembre ringraziamenti sentiti vanno a: titolari e dipendenti La Domenica online del 30 Settembre 2012 Pagina 4 della conceria Liberty srl ( in ricordo di katiuscia mariani ); Nannetti Barbara; De Petris Flavia; Vallarsa Donata (rinnovo adoz. scolastica); Monacelli Antonio e Filomena (rinnovo adoz. scolastica); Tramentozzi Rossano e Virginia (rinnovo adoz. scolastica); Monacelli Francesco (rinnovo adoz. scolastica). Due inviate «speciali» al concerto di beneficienza Italia Loves Emilia: musica e parole per ricostruire Marta Pertici e Sara Lucchesi Assistere a un concerto dal vivo del proprio cantante del cuore è da sempre una delle esperienze più belle e divertenti nella vita di ognuno di noi. Quando però ad esibirsi non è un solo cantante ma sono i 13 big della musica italiana, quando il luogo non è un palazzetto ma l immenso terreno dell ex aeroporto di Campovolo (RE), e una semplice e divertente gita con gli amici si trasforma in un esperienza di solidarietà, allora quel concerto ti rimarrà per sempre negli occhi e nel cuore. Italia loves Emilia è stato tutto questo, e noi c eravamo. Pullman, automobili e camper da tutta Italia si sono mossi il 22 settembre per raggiungere la spianata di Campovolo, sorriso stampato in faccia e biglietto alla mano: testimoni del fatto che la solidarietà è ancora possibile ed è di questo mondo. Il costo di ogni biglietto infatti, insieme al ricavato dei gadget acquistabili nell area del concerto, è stato devoluto per la ricostruzione delle scuole nei paesi emiliani colpiti dalle scosse di terremoto del 20 e 29 maggio scorso. Scuole, lavagne, banchi e tutto ciò che potrà riportare un pizzico di normalità nelle vite dei bambini e dei ragazzi emiliani, saranno disponibili grazie al cuore di tanti italiani e all impegno di 13 artisti che, nella difficoltà, hanno saputo tirar fuori il meglio della musica italiana, regalandoci una serata magica. In dieci siamo partiti all alba, arrivando in una spianata che per tutti il pomeriggio ha continuato a riempirsi di striscioni, colori e gente di ogni età. Alle 20, dopo una lunga attesa, è cominciato il grande concerto; il sole è calato ma si sono accese le luci di un palco gigantesco che per quattro ore è stato teatro di duetti ed esibizioni di cantanti diversi uniti per una sera dall amore per la musica e dalla voglia di dare una mano. Con zucchero a fare da apri fila, fino a mezzanotte i protagonisti del concerto ci hanno fatto ballare ed emozionare, regalandoci momenti indimenticabili, come il ricordo di Lucio Dalla sulle note di Anna e Marco cantata da Fiorella Mannoia e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro,la poesia recitata da una giovane studentessa sfollata di Finale Emilia ospitata sul palco da Biagio Antonacci, o la collaborazione di Elisa con un coro di giovani voci. Ogni cantante si è impegnato a regalare un momento di musica e gioia; ecco allora che sono nati duetti sorprendenti come quello di Jovanotti e Renato Zero con una Amico versione reggae o veri e propri messaggi di speranza e rinascita lanciati ai terremotati, come l ultimo brano cantato dall emiliano Ligabue, Il meglio deve ancora venire La Domenica online del 30 Settembre 2012 Pagina 5 Rubriche Io accolgo te «La vita interiore» di Sandro e Maria Rosa Se la vita interiore è nulla, per quanto si abbia zelo, buone intenzioni e tanto lavoro i frutti sono nulli Questa frase di quel grande mistico che fu Charles de Foucauld ( ) interpella tutti gli uomini e donne sul senso della propria esistenza. L appello alla vita interiore è un richiamo a penetrare nelle profondità del proprio essere, a porsi la domanda fondamentale: da dove vengo, dove vado? Una vita interiore arida è causa ed effetto di un aridità nelle relazioni, che spesso sfociano nel cinismo e nella pura ricerca del tornaconto. Coltivare la propria vita interiore è mantenere il contatto con la propria origine, con la sorgente della vita: Dio. Lo sanno bene gli sposi che devono lottare ogni giorno, per non lasciarsi sopraffare dalle incombenze del quotidiano. La vita spirituale di ciascuno, come il giardino di Eden dove Dio pose la coppia di progenitori, deve essere coltivata e custodita, per non trovarsi poi a vivere nell aridità delle relazioni. Il prete dell'intraino risponde Il biondo: «Il razzismo ha avuto origine dal cristianesimo? Quand'è che la razza bianca ha cominciato a nutrire sentimenti di egemonia su tutti gli altri popoli, a sottometterli, ad imporre le proprie usanze sradicando quelle altrui? Con il cristianesimo! Pagano non è forse il primo insulto di tipo razzista o discriminatorio»? «Non cominciamo a dare colpe a chi non ne ha. Lo scontro tra cristiani e pagani riguardava le idee e le convinzioni religiose, non la razza. Il razzismo nasce nel XVIII secolo, con l illuminismo. Adottando una filosofia materialista, che riduce l'essere umano a una specie tra le altre, i naturalisti cominciarono a sottoporre gli uomini a classificazioni e tassonomie come si faceva con le piante o con le bestie. Alla nascita del razzismo scientifico contribuirono i padri nobili dell illuminismo, da Voltaire a Delisle de Sales, a Diderot. Il primo a utilizzare il termine razza in riferimento agli uomini fu il naturalista Buffon. Al monogenismo biblico si sostituirono arzigogolate e aberranti teorie che equiparavano le razze umane a funghi spuntati qua e là per caso, belli o brutti, intelligenti o deficienti, così come i funghi sono commestibili o velenosi. Nell Ottocento, poi, il razzismo si dotò di basi biologiche con l ipotesi che tra le diverse razze umane ci fosse un diverso grado di evoluzione. Il razzismo, quindi, è una teoria pseudo-scientifica, nata in epoca moderna, che non ha nulla a che vedere con il Cristianesimo. La Domenica online del 30 Settembre 2012 Pagina 6 La stanza della lettura «Dopo il miracolo» di Sara Lucchesi È nel seminario di Vrezza, fantomatico paese di provincia dell Appennino tra Piacenza e Parma, che prende vita Dopo il miracolo, terzo romanzo di Alessandro Zaccuri, giornalista dell Avvenire e vincitore del premio letterario Frignano. Siamo nel 1985, alla vigilia del 13 maggio, e Beniamino, fratello di un giovane seminarista, viene trovato impiccato al cancello del seminario. Dietro alla morte del ragazzo si nasconde un mistero che coinvolge tutta la sua famiglia, molto devota a Maria, e che cambierà le vite di tutte le persone che vi entreranno in contatto. Il giallo della morte di Beniamino si intreccia infatti con la storia di don Alberto, brillante teologo fuggito da Roma per motivi che verranno alla luce nella parte finale del romanzo, quando Maria Sole, ex sessantottina, madre di una bambina miracolata, arriverà nel paesino di Vrezza portando scompiglio, dando vita così ad un vero e proprio romanzo corale, nel quale l autore ci presenta personaggi con vocazioni e fedi diverse, raccontando una storia universale. Zaccuri riesce, in questo romanzo dalla scrittura ricercata, a mescolare gli elementi classici di un giallo esoterico con una riflessione su un tema da sempre discusso, quello del rapporto tra scienza e fede, stavolta affrontato con una prospettiva moderna e attuale, dando al lettore l occasione di riflettere sulla natura del miracolo in un mondo che cambia velocemente grazie al boom economico e al crescente progresso scientifico. Dopo il miracolo off
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks