RASSEGNA STAMPA DEL 13 SETTEMBRE 2019

82 pages
2 views
of 82
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
13-SET-2019 Estratto da pag. 30 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 2 3043a cura dell'Ufficio Stampa e…
Transcript
13-SET-2019 Estratto da pag. 30 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 2 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 2 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 4 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 33 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 33 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 23 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 13 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 7 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 7 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 7 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 7 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 7 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 7 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 8 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 8 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 1 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 1 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 5 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 5 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 5 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 8 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 3 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 3 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 18 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 9 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 9 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 32 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 33 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 33 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 7 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 2 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 2 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 2 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 2 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 11 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 21 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 21 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 8 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 6 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 10 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 2 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 8 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 8 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 8 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 12 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 12 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 33 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 33 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 4 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 4 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 5 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 5 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 5 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 32 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 32 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 4 3043a cura dell'Ufficio Stampa e Comunicazione13-SET-2019 Estratto da pag. 5 3043a cura dell'Ufficio Stampa e ComunicazioneVENERDÌ 13 SETTEMBRE 2019 - ANNO XVIII - N. 217REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: Via F. Rismondo 2/E - 35131 Padova - Tel 049 8238811 - Fax 049 8238831 E-mail: corriereveneto@corriereveneto.itLa mostraFamiglieIsgrò, alla Cini le cancellature che rigeneranoVerona, il museo dove è vietato non toccarea pagina 18 PanfidoLE ALTRE EDIZIONI: Padova-Rovigo, Treviso-Belluno, Vicenza-Bassano, Corriere di VeronaExport, formazioneLA CULTURA CHE MUOVE LA CRESCITALa pagina 18 PelusoVENEZIA E MESTREOGGI 27°CSereno con veli Vento: NNE 6 Km/h Umidità: 45%SABDOMLUNMAR17°/ 25°19°/ 25°20°/ 24°21°/27°Dati meteo a cura di 3Bmeteo.comOnomastici: Giovannicorrieredelveneto.itLO SCRITTORE E IL DIBATTITO SUL CAMBIO DEL NOMEProsecco, interessi diversi tra collina e pianura di Fulvio ErvasPdi Piero Formica a cultura veneta dell’export vive forti emozioni andando su e giù sull’ottovolante. Nel 2017 l’eccitazione di volare altissimo indusse a magnificare il trio ProseccoManifattura-Startup, cantore delle esportazioni italiane. Poi, si ebbe la sensazione di vertigine da discesa, osservando le vendite all’estero delle imprese emilianoromagnole in crescita nel 2018 del 5,7% a fronte del 4,3% del Nordest. In valore pro-capite dell’export, l’Emilia-Romagna si è trovata davanti al Veneto: 14.245 euro contro 12.908. Nel primo semestre 2019, gli scricchiolii dell’export della metalmeccanica bolognese in contrazione dell’1,3% sono stati avvertiti come onde sismiche propagatesi nel Nordest. La cultura, tuttavia, non può limitarsi alla corsa sulle montagne russe dei dati congiunturali. Il suo compito va ben oltre il gioco dei numeri del momento, per mettersi sulle orme di David Hume, il filosofo scozzese sostenitore «dell’incremento di commercio e ricchezze in qualunque nazione, che, di solito, stimola l’arricchimento e il commercio di tutti i suoi vicini». I presupposti non mancano. In vista dell’Expo 2020 a Dubai, la città-stato dell’età digitale con finestre rinascimentali aperte sull’Asia, le piccole e medie imprese venete hanno intrecciato più fitti rapporti commerciali con gli Emirati Arabi. Dalle sponde arabe del Mar Persico, lungo una delle direttrici della Via della Seta, Dubai avvicina a noi i mercati indiani, cinesi e giapponesi.Distribuito con il Corriere della Sera - Non vendibile separatamenteLo scrittore Fulvio Ervas, 64 anni, vive a Istranaarto dalla vicenda del Tocaj, che dalla vendemmia del 2008 è diventato Friulano, poiché l’Ungheria ha vinto, in sede istituzionale, l’esclusività del nome. Da quel che si trova in rete, gli ettari vitati a Friulano non sono davvero diminuiti dal 2008 ad oggi e , anzi, le vendite subito dopo la predita del nome sono aumentate, superando Sauvignon e Chardonnay. Un vino buono resta un vino buono (...) e pur vero che le due aree Docg e Doc hanno interessi molto diversi tra loro. a pagina 9TROVATO L’INSETTO IN GRADO DI FERMARLAContro la cimice asiatica arriva la vespa samuraiVENEZIA Le associazioni dei coltivatori invocano l’uti-lizzo della vespa samurai per arginare la diffusione della cimice asiatica che da qualche anno sta distruggendo la produzione ortofrutticola della nostra regione. a pagina 9 PigozzoL’atto d’accusa La Regione avrebbe raccolto e verificato le segnalazioni provenienti da istituti primari e secondari«Disabililasciatifuorida12scuole» L’assessore Donazzan: «Mancano prof di sostegno». Sindacati increduli: «Fuori i nomi» VENEZIA Alunni disabili esclusi da scuola a causa della mancanza di insegnanti di sostegno. A sostenerlo, parlando di dodici casi (una scuola media e undici elementari) in diverse provincie del Veneto, in parte verificati in prima persona, è l’assessore regionale all’Istruzione Elena Donazzan. Increduli i sindacati. a pagina 2 BonetL’ex allenatore della Juve A Padova tra gli imprenditoriLARIFORMAEDÈLITETRAMINISTROESTEFANIAutonomia, fissato il vertice Boccia-ZaiaVENEZIA Autonomia, il neo ministro per gli Affari regionali Boccia ha annunciato per lunedì 23 settembre un incontro con il governatore Luca Zaia a Venezia: «Voglio andare personalmente sui territori e incontrare i presidenti a casa loro» ha spiegato Boccia. Ma attacca: «Veniamo da 15 mesi di stallo. E la Stefani s’infua pagina 5 ria.OGGI A TREVISOCalenda in Veneto «Il mio nuovo partito? La lezione di Allegri: non si vince in un solo modo chiamato per dare una «lezione» agli industriali veneti e lui, Max Allegri, ex allenatore della Mille iscritti al giorno» Juve, conL’hanno patente di vincente, ha cercato i parallelismi tra squadra e azienda: «Non c’è un solo modo per ottePADOVAa pagina 5continua a pagina 5a pagina 7 Zuinnere il risultato».Mangia nel bivacco, poi scompareDisperso da mercoledì Mattia Bon. Ricerche inutili, aveva cambiato itinerario «Adesso pranzo e poi torno alla forcella Dell’Arco», ha scritto nel bivacco a 1850 metri Mattia Bon, 45enne di Spinea. Era mercoledì pomeriggio. Il tempo di mangiare qualcosa e di riprendere fiato, poi è ripartito, con un cambio di programma rispetto all’idea di percorso che aveva in mente inizialmente. La meta prima era il rifugio De Gasperi, nel territorio di Prato Carnico in provincia di Udine. Da allora nessuna notizia, le ricerche sono state inutili. a pagina 13 BiralSPINEANEL VICENTINOClown e musica La scuola diventa un circo A R Z I G N A N O ( V I C E N Z A ) In un quartiere multietnico del Vicentino, le maestre hanno trasformato il primo giorno di scuola in uno spettacolo circense. «Cari bambini, non siete studenti di serie B». a pagina 3 PrianteREGIONE ATTUALITÀCorriere del Veneto Venerdì 13 Settembre 20195VELa politica Uomini e partitiBoccia-Zaia, vertice il 23 settembre Autonomia, il neo ministro dem: «Veniamo da 15 mesi di stallo, non ci si parlava». E Stefani s’infuria Slitta la nomina dei sottosegretari del Conte-bis. Da quanto si apprende da Roma, in queste ore si assiste ad un vero e proprio assalto alla diligenza: i posti a disposizione sono 43. Il M5S viaggia oltre le 200 candidature; il Pd ha una lista con 120 pretendenti. Un sudoku che ha costretto il premier Giuseppe Conte ad eliminare la questione dall’ordine del giorno del Consiglio dei ministri di ieri per rinviarla alla prossima settimana (martedì, dicono i più ottimisti). Per il Veneto restano in lizza i nomi degli ultimi giorni. Per il Pd: Andrea Martella all’Editoria, Achille Variati agli Affari regionali (ma il ministro è il dem Francesco Boccia, dunque si romperebbe lo schema dell’alternanza Pd-M5S), Pier Paolo Baretta per l’Economia o il Lavoro. Più defilati Roger De Menech per lo Sport e Gianni Dal Moro per lo Sviluppo economico. Per il M5s verso la conferma Mattia Fantinati alla Pubblica amministrazione. Intanto vanno avanti senza tregua le scher-Neo ministro Francesco Boccia, pugliese di Bisceglie, 51 anni, è appena stato nominato ministro agli Affari regionali nel governo Conte bis in quota PdVENEZIAmaglie tra la Lega ed il nuovo esecutivo sull’autonomia, evidentemente scelto dal Carroccio (almeno quello del Veneto) come terreno prediletto per l’annunciata «opposizione dura». E questo nonostante il neo ministro per gli Affari regionali Boccia abbia annunciato per lunedì 23 settembre un incontro con il governatore Luca Zaia a Venezia: «Voglio andare personalmente sui territori e incontrare i presidenti a casa loro ha spiegato Boccia -. Sono qui per ascoltare le ragioni di tutti e per costruire insieme risposte adeguate. Non alimenterò mai scontri politici, anzi ghandianamente porgerò sempre l’altra guancia. Le richieste avanzate da Fontana e Zaia sono un punto di partenza di parte. Rispettabile, ma di parte». Poi, però, non proprio ghandianamente Boccia affonda: «Nei 15 mesi del passato governo il risultato è stato un nulla di fatto. Le motivazioni sono molteplici, da quelle politiche a quelle di merito: molte delle eccezioni poste dalle ammi-nistrazioni centrali non hanno ricevuto risposte da parte delle Regioni e viceversa. A non capirsi non erano solo i partiti dentro la vecchia maggioranza ma anche rappresentanti degli stessi partiti, seduti su sedie diverse tra Regione e ministeri».Parole che hanno fatto infuriare l’ex ministro Erika Stefani («Ciò che dice Boccia è falso e scorretto, a non rispondere erano premier e ministri M5S») e spinto la delegazione trattante del Veneto a precisare: «Tra la fine del 2018 e il 2019 abbiamo partecipato a 35 incontri con costante approccio fattivo e improntato al dialogo». Commenta l’ex deputata Pd Simonetta Rubinato: «Non si esce dallo stallo con lo scontro ideologico. Non è una guerra Nord e Sud e lo dimostreremo sabato (domani, ndr) con un convegno alle ore 9.30 presso l’azienda “47 Anno Domini” di Roncade che metterà a confronto docenti ed esperti del Nord e del Sud». Ma. Bo.L’INTERVISTACARLOCALENDA«Riparto dal Veneto, mille iscritti al giorno al mio nuovo partito»Oggi a Treviso: «Zaia più forte e temibile di Salvini» Di sicuro non è scaramantico: ha scelto la data di oggi, venerdì 13, per la prima tappa del «Giro d’Italia» di Siamo Europei. Carlo Calenda, ex ministro dello Sviluppo economico, ora eurodeputato, sarà a Treviso alle 18, sotto la Loggia dei Trecento per rendere conto ai suoi elettori, «come fossero i miei azionisti», delle ragioni che l’hanno portato «alla scelta traumatica» di abbandonare il Pd per dare vita d un nuovo movimento politico. «Avevo sempre detto che avrei lasciato il Pd se questo si fosse alleato con il M5s. Sappiamo come è andata, ho agito di conseguenza». Non ritiene di doversi dimettere dall’europarlamento, visto che è stato eletto nella lista del Pd? «Sono stato eletto con le preferenze, 280 mila persone hanno scritto “Calenda” e sapevano bene come la pensassi. A dimettersi dovrebbe essere chi diceva “mai col M5s”, “senza di me”, illudendo gli elettori, e dopo 15 giorni ha fatto la più incredibile delle giravolte». Non sarebbe stato meglio condurre la battaglia nel Pd? «Il partito non è una chiesa, è un’associazione di persone che condividono ideali e valori. Il Pd li sta tradendo, alleandosi con un partito che è l’esatto contrario di tutto ciò per cui ci siamo sempre battuti. Per citare Reagan, non sono io che ho lasciato il Partito Democratico, è il Partito Democratico che ha lasciato me». Siamo Europei non rischia di essere la nuova Scelta Civica? «Non sottovaluto la complessità di costruire un movimento politico nuovo in una fase storica in cui vanno per la maggiore gli opposti estremismi, ma proprio perché la sfida❞Alle Regionali mai in una coalizione con il M5s E mai ci sarà spazio per Renziè grande, ne vale la pena. C’è uno spazio gigantesco, è quello dell’Italia seria, che sa come fare le cose e non va avanti a colpi di slogan. Partiremo subito con tre grandi eventi, dedicati a sanità, scuola, investimenti. Quello sulla sanità, per esempio, lo sta curando Walter Ricciardi, l’ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. Si terrà il 9 dicembre, presenteremo un radicale piano di ristrutturazione del sistema sanitario, teso a ridurre le liste d’attesa». Obiettivo ambizioso. «Verità e serietà saranno le stelle polari, diremo chiaramente cosa si può fare, cosa no, in quanto tempo, dove si trovano i soldi». Ammetterà che M5s e Pd sono riusciti a mettere temporaneamente fuori gioco Salvini. «Ha detto bene: temporane-● L’editoriale Export e formazione la cultura che spinge la crescitaPSEGUE DALLA PRIMAer affrontarli in una prospettiva profonda, c’è da migliorare molto la capacità della società veneta, ancor prima dell’economia, di far circolare virtuosamente insieme merci, servizi e persone: in definitiva, mobilitare la cultura a tutto tondo. Lungo le nuove rotte commerciali, terreno d’incontro tra il potere dei numeri e la forza dell’immaginazione, tra la presunta precisione dell’uomo economico e l’imperfezione dell’uomo immaginativo, la cultura disegna le infrastrutture materiali e immateriali perIn prima linea Carlo Calenda è un dirigente d’azienda, è stato ministro dello sviluppo economico nei governi Renzi e Gentiloni. Ha 46 anni e quest’anno è stato eletto europarlament are nel collegio Veneto-FriuliEmilia e Trentino Alto Adigefacilitare la mobilità dei giovani istruiti. Studenti asiatici intravedono nelle opportunità imprenditoriali per lo sviluppo sostenibile la strada maestra delle loro aspirazioni professionali, da realizzare insieme ai coetanei europei. È anche nostra responsabilità facilitare gli incontri culturali tra le nuove generazioni di diversa provenienza. Basti pensare alla gioventù cinese che già conosce il Nordest, o si appresta a farlo. Sono per lo più studenti universitari, con un livello d’istruzione superiore rispetto ai loro genitori. Lo scambio culturale tra loro e i nostri studenti contribuisce notevolmente alla diffusione dell’immagine nordestina in Cina. Da quegli incroci, infatti, emergono le figure dei giovani ambasciatori delle eccellenze naturali, artistiche e manifatturiere che ci contraddistinguono. Riprendiamo, allora, l’esperimento che nel gennaio 2017 vide coinvolti a Padova gli studenti cinesi di Strategie di Comunicazione, iquali, bendati, ricevettero l’abbraccio dei passanti. Un bel modo per superare i pregiudizi. E si investa per la crescita della sede padovana dell’Istituto Confucio, frutto della collaborazione tra l’Ateneo e l’Università di Guangzhou, e nel Collegio di Cina a Bologna, affinché si possano realizzare i sogni giovanili di imprese transculturali nel segno dell’economia ecologica. Per evitare all’export di correre sulle montagne russe, non c’è miglior guida del processo che muove stili di vita, valori, beni e servizi da una cultura a un’altra. A questo processo potremmo dare il nome di HaiMin, lo studente cinese tornato a Padova per proseguire gli studi, il quale si è così espresso su Radiobue.it, webradio universit
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks