sottotraccia NOI CON VOI Assemblea Ordinaria e Straordinaria Bedizzole Teatro don Gorini Piazza XXV Aprile, 6

13 pages
4 views
of 13
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Description
sottotraccia Numero 61 Aprile Maggio 2013 Anno XII PERIODICO A CURA DELLA BANCA DI BEDIZZOLE TURANO VALVESTINO NOI CON VOI Poste Italiane Spedizione in A.P. - 70% - Brescia Assemblea Ordinaria e Straordinaria
Transcript
sottotraccia Numero 61 Aprile Maggio 2013 Anno XII PERIODICO A CURA DELLA BANCA DI BEDIZZOLE TURANO VALVESTINO NOI CON VOI Poste Italiane Spedizione in A.P. - 70% - Brescia Assemblea Ordinaria e Straordinaria Bedizzole Teatro don Gorini Piazza XXV Aprile, 6 TTT Territorio Tam Tam Da leggere/vedere/ascoltare con un click su w w w. b e d i z z o l e. b c c. i t NOI CON VOI news Fotografia di un anno di lavoro formato BCC Equilibrate prese di coscienza La complessa, ma vivace, intensità dell esercizio 2012 rappresentata dai numeri di bilancio improntati, come da tradizione, a sostegno e promozione dei valori complessivi del territorio Di Giorgio Venturini - Direttore Generale E la fotografia di un anno davvero intenso e complesso, non solo per la BCC, come noto, ma per l intero Sistema Italia quello che emerge dal bilancio aziendale 2012 che verrà portato all approvazione nella prossima Assemblea dei Soci. La premessa non vuole essere scontata se pensiamo che anche la BCC non solo non è stata esente ma viceversa, in ragione della coerenza alla sua identità locale, ha vissuto e fatte proprie le difficoltà dell intero sistema economico locale, di quelle delle nostre piccole e medie imprese e delle famiglie, essendo loro in definitiva gli unici interlocutori e destinatari del nostro fare banca. Tensioni e criticità sulle quali non vogliamo tornare a dilungarci ma che, è bene ricordarlo, hanno caratterizzato e continuano a caratterizzare, a tratti in maniera convulsa e inquietante, la nostra quotidianità. Proprio perché trattasi di un anno complesso, nel rimandare all ampia relazione che verrà effettuata nel corso dei lavori assembleari, si ritiene comunque opportuno anticipare alcuni dati che meglio chiariscono l andamento aziendale nel corso del passato esercizio. Un esercizio che sul fronte del risultato economico può essere utile analizzare e segmentare su tre passaggi chiave: 1. La positiva tenuta della gestione del denaro (nonostante i tassi ai minimi storici) e dei servizi con un margine di intermediazione che segna un + 4,55 rispetto al 2011; 2. Il significativo intervento di contenimento dei costi operativi con un calo del 7 % che portano il risultato operativo lordo in incremento del 53 % sul 2011; 3. Il pesante contributo negativo delle rettifiche sui crediti che segnano un incremento del 275 % rispetto al dato 2011 a determinare il risultato economico finale. Il tutto nella cornice di una banca che ha messo in campo tutti gli strumenti disponibili (e oltre) per ammortizzare gli effetti della crisi. Entrando nel dettaglio il primo dato da evidenziare attiene l operatività della banca che nel corso del 2012 è proseguita focalizzandosi sulla intermediazione creditizia, raccogliendo risparmio e concedendo denaro sul proprio territorio. Nell anno la raccolta diretta da clientela ha segnato un incremento positivo del 1,10 %, passando dai 537 milioni di fine 2011 a 542 milioni. Ciò grazie soprattutto al contributo dei prestiti obbligazionari (incremento del 2,7 %). Sul fronte dei crediti concessi alla clientela, in considerazione del contesto recessivo, la scelta della Banca è stata quella di mantenere un percorso di equilibrio degli asset patrimoniali, per riequilibrare gli indici di struttura e di liquidità. Sono stati evitati così finanziamenti che per dimensioni, qualità e rischiosità della controparte, non corrispondevano alle finalità tipiche della BCC, determinando il tutto una decrescita degli impieghi per cassa netti del 5,98%, passando da 545 a 513 milioni di fine Si è così confermata la politica di frazionamento quantitativo del rischio. Sul fronte dei risultati di conto economico del periodo e in particolare dell intermediazione creditizia gli interessi attivi ammontano a euro 27 milioni e aumentano, rispetto al 2011, di euro 2,7 milioni pari a un +10,98%. A fronte di interessi passivi che a fine 2012 ammontano a 13 milioni con un aumento, sempre rispetto al 2011, di 3,4 milioni di Euro, pari ad un +32 %, il margine di interesse aziendale segna un calo del 5,1 % attestandosi a Euro. La dinamica della gestione denaro, in aggiunta a quella delle commissioni nette (+ 3,86%) e del risultato netto della gestione finanziaria (+ 575 % grazie al contributo dei titoli in portafoglio), determina un margine di intermediazione pari ad euro 18 milioni, con un incremento percentuale del 4,55 % sul 2011, dove era di euro 17,3 milioni. Punto di inversione del bilancio 2012 risulta essere quello relativo alle rettifiche sui crediti che nell anno passano dai 2,3 milioni del 2011 agli 8,66 del In detta voce figurano i saldi delle rettifiche e delle riprese di valore connesse con il deterioramento dei crediti verso clientela, riguardando sia i crediti in bonis sia quelli deteriorati, tra cui rientrano le sofferenze, gli incagli e le esposizioni scadute e sconfinate. Come detto positivi riscontri pervengono viceversa sul fronte dell efficientamento operativo con i costi operativi in deciso calo dai 14,1 milioni del 2011 ai 13,1 (-6,96%). Il tutto riporta un risultato dell operatività corrente al lordo dell imposte di 3,7 milioni che si attesta a 2,9 milioni dopo il contributo delle stesse imposte. Un risultato che come abbiamo avuto modo di anticipare ai Soci, non solo sconta la più pesante crisi economica degli ultimi decenni, ma è figlio di un DNA locale e cooperativo che, anche così, oggi misura la propria autenticità. Gentili Soci, Il prossimo passaggio assembleare ci vedrà impegnati ad esaminare e approvare i risultati di un anno, il 2012, nel quale gli elementi portanti del Sistema Paese, economia e produzione, finanza, occupazione, risparmio, hanno registrato forse il punto più critico della nostra storia recente. Stiamo attraversando un lungo tempo di difficoltà, del quale il Credito Cooperativo, che per scelta respira al ritmo del Paese, ne esprime elementi di debolezza ed elementi di forza, rivelando nel contempo la straordinaria capacità di adattamento alla crisi e il proprio ruolo di ammortizzatore sociale. Un ruolo di ammortizzatore sociale che la Banca di Bedizzole Turano Valvestino ha svolto con responsabilità e senza clamori nel corso di tutto il passato esercizio attraverso la concretezza delle risposte date sul territorio: proseguendo a sostenere i propri clienti sul fronte del credito, senza far venir meno le linee di credito esistenti, concedendo moratorie sui debiti a famiglie e imprese in affanno, erogando finanziamenti agevolati alle PMI, crediti sociali a favore di giovani (tra gli altri il mutuo Centogiovani che ha favorito in pochi mesi l assunzione di una ventina di giovani in aziende del territorio), nuclei familiari in difficoltà, cassaintegrati. In definitiva, proprio questa crisi sta evidenziando il ruolo della BCC nel territorio e l importanza della finanza del territorio, della finanza mutualistica, giudicata da qualcuno un modello antico di fare banca, ma che ha confermato anche nelle difficoltà la propria capacità di dare risposte. La finanza del territorio e mutualistica si sta rivelando una forma di fare banca straordinariamente moderna, perché semplicemente utile, finanziando l economia reale, non la speculazione, sostenendo e promuovendo l imprenditorialità, affiancandosi come partner alle micro e piccole imprese, alle famiglie, ai diversi interlocutori della società civile. Non a caso, oggi in molti si accorgono del valore della banca del territorio e ne apprezzano le caratteristiche. Siamo convinti che senza questo nostro ruolo di semplici intermediari (non siamo come noto banche di investimento che possono contare su ben altre forme di profitto) tra chi ci concede fiducia depositando i propri risparmi, i risparmiatori appunto, e i prenditori di credito, ovvero le famiglie e le imprese che intendono crescere e creare occupazione, il nostro sistema economico locale sarebbe più povero. Questo sforzo non è stato senza prezzo e di questo ne verrà dato conto nel corso della prossima Assemblea sociale in sede di approvazione del bilancio: abbiamo visto crescere il numero e il volume dei crediti inesigibili, diminuire la nostra redditività anche a fronte della significativa massa di mutui che godono dell andamento del tasso Euribor ai minimi storici, rarefarsi anche per noi la nuova provvista. Tutte le scelte assunte, sono state però consapevoli e coerenti con la nostra identità d impresa, nonché interamente sostenute con le nostre risorse. Non mancano gli spunti positivi, nonostante il contesto congiunturale nel quale ci siamo trovati a fare i conti. Gli sforzi compiuti da parte del Consiglio di Amministrazione e della Direzione nello stile della responsabilità e del rigore in vista dell efficientamento della struttura e dei processi aziendali nel corso del 2012 sono stati significativi e i progressi evidenti. Di questi ne è una chiara misura l incremento del 53 % rispetto al 2011 fatto registrare dal risultato operativo lordo aziendale. Risultato che, come ben rappresentato nell articolo a firma del Direttore Generale, è stato interamente vanificato, o comunque negativamente compensato, dalle significative svalutazioni intervenute sul fronte del credito anomalo, sofferenze e incagli in primis. Per condividere e approfondire queste e altre riflessioni sui risultati dell esercizio 2012, sul ruolo svolto dalla nostra BCC in questo contesto di crisi al di là delle generalizzazioni riguardanti il sistema bancario italiano, l invito mio personale e di tutto il Consiglio di Amministrazione è quello di partecipare alla prossima Assemblea dei Soci. Il Presidente Albino Zabbialini NOI CON VOI news 2 SOTTO TRACCIA APRILE MAGGIO SOTTO TRACCIA APRILE MAGGIO 3 LINEA PROTEZIONE PATRIMONIO Impresa Confort Assimoco Gentile Socio, il prossimo 5 Maggio in seconda convocazione la compagine sociale della nostra Banca di Credito Cooperativo sarà chiamata a vivere il tradizionale appuntamento assembleare, quest anno convocato sia in sessione Ordinaria, che in sessione Straordinaria per deliberare su una limitata serie di modifiche dello Statuto Sociale. AVVISO DI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA (pubblicato su Il Giornale di Brescia del 5 aprile 2013) La soluzione di Assimoco per assicurare la tua impresa e creare valore. Da parte mia e di tutto il Consiglio di Amministrazione Vi giunga prima di tutto l invito a partecipare a questo appuntamento particolarmente significativo per la nostra cooperativa. Momento centrale dell Assemblea Ordinaria sarà come sempre, ma in particolar modo in questo delicato contesto congiunturale, la relazione del Consiglio di Amministrazione e le deliberazioni inerenti l approvazione del bilancio Per quanto riguarda l Assemblea Straordinaria, come evidenziato dall allegato ordine del giorno, saremo chiamati a modificare quattro articoli dello statuto sociale vigente. Due delle modifiche proposte, quelle riguardanti gli articoli 16 e 35, sono dettate dalla normativa di Banca d Italia in materia di gruppi bancari. Sono conseguenti alla costituzione della società BTV Gestioni srl, con Socio unico la stessa BCC, e alla successiva creazione del gruppo bancario Banca di Bedizzole Turano Valvestino. L Assemblea ordinaria e straordinaria dei Soci è indetta per il giorno 26 aprile 2013, alle ore 17.00, presso il Teatro don Gorini di Bedizzole, in prima convocazione, e, qualora nel suddetto giorno non si raggiungesse il numero legale prescritto per la valida costituzione dell Assemblea, per DOMENICA 5 MAGGIO 2013, alle ore 8.30, presso il Teatro don Gorini di Bedizzole, in seconda convocazione, per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: PARTE ORDINARIA 1) Bilancio al 31 dicembre Deliberazioni inerenti e conseguenti. 2) Determinazione del sovrapprezzo delle azioni; 3) Politiche di remunerazione ai sensi dell art. 30 dello Statuto sociale. Informative all assemblea previste dalla normativa di vigilanza. 4) Informativa sulle politiche dei controlli interni in tema di attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati, in attuazione delle prescrizioni di cui alla Circolare n. 263 della Banca d Italia. 5) Determinazione dell ammontare massimo delle posizioni di rischio, così come definite dalla disciplina prudenziale in materia di concentrazione dei rischi, che possono essere assunte nei confronti dei soci e clienti, e degli esponenti aziendali. 6) Comunicazioni del Presidente. NOI CON VOI soci Le altre due, quelle relative agli articoli 37 e 41 dello Statuto Sociale, proposte dal Consiglio di Amministrazione, introducono la possibilità di svolgere le riunioni del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo anche mediante dispositivi di video o tele-conferenza, così da poter ovviare a straordinarie situazioni di impedimento a presenziare da parte degli amministratori. PARTE STRAORDINARIA 1) Modifiche degli attuali articoli 16, 35, 37 e 41 dello Statuto sociale. 2) Attribuzione al Presidente del Consiglio di Amministrazione, nonché a chi lo sostituisce a norma di statuto, del potere di apportare alla delibera assembleare e al relativo testo statutario eventuali limitate variazioni richieste dalla Banca d Italia. La bozza del nuovo statuto, in opportuno raffronto dell attuale, sarà distribuita a tutti i partecipanti nel corso dell Assemblea del 5 Maggio. Chi lo desiderasse può richiederne comunque preventivamente copia all ufficio Soci presso la Sede di Bedizzole. I lavori assembleari saranno infine la degna cornice alla premiazione di quei Soci che festeggiano i 20 e 40 anni di appartenenza alla compagine sociale della BCC. Potranno intervenire all Assemblea e votare i soci che, alla data di svolgimento dell Assemblea, siano iscritti da almeno novanta giorni nel libro dei soci. Presso la Sede Sociale risultano depositati il bilancio con le annesse relazioni. E inoltre a disposizione l elaborato della proposta di modifica allo Statuto Sociale in testo comparato. Il Regolamento Assembleare ed Elettorale è liberamente consultabile presso la sede sociale e presso le succursali della Banca. Ciascun socio ha diritto di averne copia gratuita. In questo punto vendita trovi Impresa Confort Assimoco, la polizza dedicata alle micro e piccole imprese che contribuisce a ridurre al minimo i rischi dell azienda. Come mostrato, diversi sono i motivi per sollecitare la più ampia presenza della compagine sociale a questo importante appuntamento. Rinnovo pertanto l invito a partecipare alla prossima Assemblea e colgo l occasione per porgere cordiali saluti. 1ª CONVOCAZIONE VENERDI 26 APRILE 2013 ORE ª CONVOCAZIONE DOMENICA 5 MAGGIO 2013 ORE Avviso di Convocazione Assemblea Ordinaria e Straordinaria Bedizzole Teatro don Gorini Piazza XXV Aprile, 6 Bedizzole, 5 aprile 2013 Il Presidente TEATRO DON GORINI PIAZZA XXV APRILE, 6 BEDIZZOLE 1ª Convocazione Venerdì 26 aprile 2013 ore Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Prima della sottoscrizione leggere attentamente il Fascicolo Informativo disponibile nel sito e presso i collocatori Assimoco S.p.A. (dott. Albino Zabbialini) 4 SOTTO TRACCIA APRILE MAGGIO SOTTO TRACCIA APRILE MAGGIO 5 NOI CON VOI soci Assemblea Straordinaria Banca di Bedizzole Turano Valvestino Credito Cooperativo Progetto di modifica allo Statuto Sociale testo vigente Art Oggetto sociale La Società ha per oggetto la raccolta del risparmio e l esercizio del credito nelle sue varie forme. Essa può compiere, con l osservanza delle disposizioni vigenti, tutte le operazioni e i servizi bancari e finanziari consentiti, nonché ogni altra operazione strumentale o comunque connessa al raggiungimento dello scopo sociale, in conformità alle disposizioni emanate dall Autorità di Vigilanza. La Società svolge le proprie attività anche nei confronti dei terzi non soci. La Società può emettere obbligazioni e altri strumenti finanziari conformemente alle vigenti disposizioni normative. La Società, con le autorizzazioni di legge, può svolgere l attività di negoziazione di strumenti finanziari per conto terzi, a condizione che il committente anticipi il prezzo, in caso di acquisto, o consegni preventivamente i titoli, in caso di vendita. titolo III - Oggetto sociale - Operatività testo proposto Art Oggetto sociale La Società ha per oggetto la raccolta del risparmio e l esercizio del credito nelle sue varie forme. Essa può compiere, con l osservanza delle disposizioni vigenti, tutte le operazioni e i servizi bancari e finanziari consentiti, nonché ogni altra operazione strumentale o comunque connessa al raggiungimento dello scopo sociale, in conformità alle disposizioni emanate dall Autorità di Vigilanza. La Società svolge le proprie attività anche nei confronti dei terzi non soci. La Società può emettere obbligazioni e altri strumenti finanziari conformemente alle vigenti disposizioni normative. La Società, con le autorizzazioni di legge, può svolgere l attività di negoziazione di strumenti finanziari per conto terzi, a condizione che il committente anticipi il prezzo, in caso di acquisto, o consegni preventivamente i titoli, in caso di vendita. Il consiglio di amministrazione, nel rispetto delle disposizioni di legge e di statuto, può delegare proprie attribuzioni ad un comitato esecutivo, determinando in modo chiaro e analitico i limiti quantitativi e di valore della delega. In materia di erogazione del credito, poteri deliberativi possono essere delegati al comitato esecutivo nonché, per importi limitati, al direttore, al o ai vice direttori, o in mancanza di nomina di questi, a chi lo sostituisce, ai responsabili di area e/o settori, se nominati, e ai preposti alle succursali, entro limiti di importo graduati. In caso di impossibilità di funzionamento del comitato o di impedimento dei predetti soggetti delegati e di particolare urgenza, il presidente può rivestire compiti di supplenza, fermo restando il potere di proposta del direttore. Fermo restando il rispetto delle forme di legge, non possono essere stipulati contratti di appalto di opere o contratti per prestazioni di servizi o per fornitura di beni di natura continuativa o comunque pluriennale con gli amministratori o con persone ad essi legate dai rapporti specificati nell art. 32, secondo comma, lettera c), o con società alle quali gli stessi, o le persone di cui all art. 32, secondo comma, lettera c), partecipano, direttamente o indirettamente, in misura superiore al 25% del capitale sociale o nelle quali rivestano la carica di amministratori. Il limite suddetto, in tutte le sue forme, si applica anche rispetto a colui che rivesta la carica di direttore. Le disposizioni di cui al presente comma non si applicano con riferimento ai contratti stipulati con gli enti, anche di natura societaria, della categoria. Il consiglio di amministrazione può conferire a singoli amministratori o a dipendenti della Società poteri per il compimento di determinati atti o categorie di atti. Delle decisioni assunte dai titolari di deleghe dovrà essere data notizia al consiglio di amministrazione nella sua prima riunione. Il consiglio di amministrazione, nel rispetto delle disposizioni di legge e di statuto, può delegare proprie attribuzioni ad un comitato esecutivo, determinando in modo chiaro e analitico i limiti quantitativi e di valore della delega. In materia di erogazione del credito, poteri deliberativi possono essere delegati al comitato esecutivo nonché, per importi limitati, al direttore, al o ai vice direttori, o in mancanza di nomina di questi, a chi lo sostituisce, ai responsabili di area e/o settori, se nominati, e ai preposti alle succursali, entro limiti di importo graduati. In caso di impossibilità di funzionamento del comitato o di impedimento dei predetti soggetti delegati e di particolare urgenza, il presidente può rivestire compiti di supplenza, fermo restando il potere di proposta del direttore. Fermo restando il rispetto delle forme di legge, non possono essere stipulati contratti di appalto di opere o contratti per prestazioni di servizi o per fornitura di beni di natura co
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks